Il M5S non contiene il fronte del no Lezzi e Morra guidano i dissidenti

Il M5S non contiene i no: Lezzi e Morra guidano i dissidenti

18/02/2021 03.00.00

Il M5S non contiene i no: Lezzi e Morra guidano i dissidenti

Quindici contro e 8 assenti. Braccio di ferro sulle sanzioni. Al via nel caos l’iter per il nuovo direttivo: solo 12 mila votanti

EmailLo strappo alla fine si è consumato ed è stato un po’ più forte (numericamente parlando) rispetto alle previsioni della vigilia. I no dei Cinque Stelle sono 15 (Abate, Angrisani, Crucioli, Di Micco, La Mura, Giannuzzi, Corrado, Mantero, Moronese, Mininno, Lezzi, Morra, Granato, Ortis e Lannutti) e le assenze strategiche sono altre 4-5 su un totale di 8 parlamentari non presenti al Senato. Ma soprattutto tra chi ha negato la fiducia al governo ci sono alcuni volti storici del Movimento come Barbara Lezzi e Nicola Morra. I venti frondisti rappresentano quasi un quarto della compagine pentastellata. Numeri che ora aprono uno squarcio all’interno del Movimento. C’è chi già preannuncia una lettera di Crimi per «cacciare» dal gruppo i dissidenti.

Hakimi verso il Chelsea, scelta la contropartita tecnica VIDEO. Lukaku commosso durante l'omaggio a Eriksen - Sky Sport Recovery: incontro Draghi-von der Leyen negli Studi di Cinecittà - Europa

La scissione è a un passo(e con questi numeri sarebbe possibile un gruppo autonomo a Palazzo Madama). Venti di tensione si sono respirati per tutta la giornata. Proprio per questo durante le ore che precedono la conta a Palazzo Madama da una parte e dall’altra dei due fronti che dividono i Cinque Stelle si assiste a un ping pong di numeri, volto a far pesare o meno — a seconda del punto di vista — i critici. Loro, i ribelli, tengono le fila. In mattinata c’è una riunione ristretta. I contatti sono continui. Quando Draghi riprende a parlare in Senato il pallottoliere dei no è a quota 14. Ma le ultime polemiche interne accrescono il fronte.

Già, le polemiche. La giornata del Movimento è segnata anche dal varo della nuova governance. Il comitato direttivo ottiene l’ok degli attivisti. Ma è un varo amaro, segnato dalla scarsa partecipazione al voto: neanche 12 mila militanti, uno su 10 degli aventi diritto, poco più del 6% degli iscritti totali. Una disaffezione evidente: la scorsa settimana in prima convocazione avevano votato in 29 mila (e in 74 mila per la fiducia a Draghi). Un calo improvviso e numeri impietosi se confrontati con l’avvento del direttorio (nel 2014, un’era geologica fa in politica): all’epoca i votanti furono più di 37 mila. Oltretutto il nuovo organo collegiale rischia di partire senza grandi nomi. Giuseppe Conte non può correre per la leadership in quanto non iscritto entro giugno 2020, anche Roberto Fico è tagliato fuori (a meno che non rinunci alla presidenza della Camera), Davide Casaleggio idem (in quanto essere soci di Rousseau è uno dei criteri di incompatibilità). Ma non solo, anche il capo delegazione al governo verrà escluso. In sostanza, i big ne escono decimati. headtopics.com

I problemi e le polemiche non finiscono qui. L’esito della votazione viene accompagnato da un post dell’Associazione Rousseau. «Da oggi termina la reggenza della figura del capo politico», si legge. Un passo che potrebbe portare a un vuoto di potere in questa fase caotica di scelte. L’intervento dell’associazione viene bollato come «ingerenza» dai parlamentari. Anche Lezzi prende di mira il reggente: «Da oggi non può più decidere nulla in nome e per conto del M5S». Crimi in serata replica: «La mia funzione di reggenza non è conclusa e, interpellato in tal senso il garante Beppe Grillo, proseguirà fino a quando non saranno eletti i cinque membri del nuovo comitato». E pubblica le parole del garante: «Caro Vito, non ritengo di condividere l’assunto secondo il quale con la modifica odierna dello Statuto, cessando l’organo “capo politico”, cesserebbe anche la tua reggenza». C’è chi sottolinea, però, che l’articolo su cui si basa Crimi è relativo alla sostituzione di un solo membro del comitato.

Dietro le schermaglie si consuma la lotta per il Movimento. Anche le sanzioni, tema che tocca inevitabilmente il fronte del no, potrebbero trovare una battuta d’arresto: è facile che — vista la situazione — si attenda l’insediamento del nuovo organo per prendere decisioni così delicate per gli equilibri dei Cinque Stelle.

17 febbraio 2021 (modifica il 17 febbraio 2021 | 23:58) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Dibba, Lezzi, Morra e Casaleggio: guerra per prendersi il M5S - Il Fatto QuotidianoAd andare via, a fare la scissione, non ci pensano neanche. Perché il Movimento, l’originale, sono loro. Lo ripetono allo sfinimento, i “big” finiti nel calderone dei 15 espulsi ieri, dopo aver votato no alla fiducia al governo Draghi. Barbara Lezzi e Nicola Morra soprattutto, ma anche Vilma Moronese, Matteo Mantero: colonne dei 5 Stelle, … marcotravaglio paola_zanca 🤣🤣🤣🤣 marcotravaglio paola_zanca Sono un controsenso da quando si sono seduti su quelle poltrone. Hanno fatto tutto l'opposto di quello che avevano predicato. Beceri. marcotravaglio paola_zanca Mi auguro davvero che vi sia un ripensameno. Una forza politica matura deve tollerare al suo interno il dissenso, anche su cose importantissime.Mi auguro altresì che questa trentina di dissidenti facciano un'opposizione costruttiva e non preconcetta, e lo stesso dicasi per Fd'I.

“Rifondare il M5S con Conte e difendere il patto giallorosa” - Il Fatto QuotidianoDue governi caduti nel giro di un anno e mezzo, con la giustizia a fare sempre da miccia dell’incendio finale. E in mezzo al fuoco sempre lui, l’ormai ex Guardasigilli Alfonso Bonafede, che ora può dirlo a mente moderatamente fredda: “Sapevamo che portare avanti le battaglie del M5S su certi argomenti non sarebbe stato per … lucadecarolis vada a cagare lucadecarolis Bella barzelletta, però non fa ridere molto. Rivedrei qualche punto, come la colorazione del patto, celestino rosa pallido andrebbe bene per cominciare. lucadecarolis Ah,ecco!Prendere tante piccole scatolette di tonno,unirle a dei broccoli un po' vecchi ed aprire un Supermercato riformista colorato di giallorosa!Scusate vado un attimo a vomitare!

Il ritorno di Giuseppe Conte: perché Grillo gli ha affidato il progetto di rifondare il M5sUn mese dopo le dimissioni da presidente del Consiglio l'avvocato-professore diventa il centro del progetto di rinascita e rifondazione. Nel momento più difficile il garante M5s usa così l'arma più potente per ricompattare le varie correnti e avere un futuro anche elettorale Sostituire un comico con un altro comico non salverà un movimento finito Grillo VAFFANCULO Attendiamo!

Casaleggio contro il M5S «Vogliono Rousseau in crisi per approvare il terzo mandato»ldigitale che finora ha fatto funzionare il Movimento contro i vertici. La replica di Crimi: «Affermazioni diffamatorie» Brutta roba essere fatti fuori eh Casaleggio e Rousseau sono finiti. Bene così. Era la bandiera di Grillo due mandati

Con il diktat di Grillo si rischia l’esodo dal M5S - Il Fatto QuotidianoQualcuno, forse un po’ troppo ottimista o forse semplicemente ferrato in matematica, ha già fatto il conto: 80 mila euro in più. Sono quelli che un parlamentare Cinque Stelle che decidesse di smetterla con restituzioni, rinunce alle indennità di carica e benefit vari, metterebbe in tasca da qui alla fine naturale della legislatura, nel 2023. … paola_zanca Questo è vero! Grillo con Conte deve fare un passo indietro e forse anche due. paola_zanca Che banda di pagliacci. paola_zanca È ora de annà in pensione...