Il «ladro-eroe» che ruba la cassaforte del pedofilo

Consegna le foto che inchiodano il molestatore ed evita l’ergastolo

23/02/2020 01.09.00

Il «ladro-eroe» che ha rubato la cassaforte del pedofilo (e ha mandato le foto alla p...

Consegna le foto che inchiodano il molestatore ed evita l’ergastolo

EmailDopo una notte insonne, quella mattina di quindici anni fa Matt Hahn ha fatto la cosa giusta, contro il suo interesse immediato (e senza sapere che in realtà si stava assicurando il futuro). Ha preso la memory card rubata, l’ha messa in un borsellino rosa (affinché non passasse inosservata) e l’ha spedita alla polizia di Los Gatos, con un biglietto anonimo: «Proprietà di Robert Aitken, Wedgewood Drive: per favore, togliete questo animale dalla circolazione». Matt ha agito d’impulso (senza offesa per gli animali) e per il disgusto, per quello che possono provocare, anche nella testa di un ladro che si muove sul filo dell’ergastolo, le immagini di una bambina di due anni molestata dall’uomo a cui ha appena rubato la cassaforte.

Taglio dei parlamentari, Mattarella firma la legge Coprifuoco in Lombardia, Salvini tre giorni fa diceva: 'Idea strampalata e senza senso. Nessuna evidenza scientifica' - Il Fatto Quotidiano Terremoto di magnitudo 7,4 in Alaska, allerta tsunami - Mondo

La pistola e la memory cardPotrebbe essere un film, una sceneggiatura alla Elmore Leonard. Una storia di due piccoli e grandi «bastardi» ai margini della dorata Silicon Valley. Matt Hahn è un ladro patentato, con una lunga scia di droga e due condanne alle spalle: per la legge californiana dei tre «strikes», se lo beccano un’altra volta rischia di finire dentro per sempre. Sa che, per uno come lui, la cosa migliore è farsi i cavoli propri. Eppure quella dozzina di foto non gli danno pace. Non può andare dalla polizia, perché dovrebbe spiegare come le ha trovate: la notte del 28 febbraio 2005, Matt è entrato nella casa di uno sconosciuto uscendone con poco bottino: una pistola, documenti con il nome del proprietario. E la memory card, che forse contiene qualcosa di interessante, utile per un ricatto. Torna a casa, la «passa» al computer. E scopra i vergognosi trofei pedofili di Robert Robbie Aitken, un ventiduenne che si riprende mentre abusa della figlia del suo capo (azienda nel settore informatico) mentre le fa da babysitter (è il suo padrino di battesimo).

Il borsellino rosaMentre il ladro mandava il borsellino alla polizia, il derubato denunciava il furto. Ai primi di marzo il cerchio si chiude: i detective di Los Gatos mandano a chiamare Aitken, gli mostrano le foto. E lui crolla. Un mese dopo, è il ladro a cadere nella rete dei detective. Viene sorpreso a rubare. Gli trovano la refurtiva. Terzo

strike, rischio ergastolo. Per Matt si mette male. Dodici nuovi capi d’imputazione (ma nulla sul furto della cassaforte del pedofilo). E lui allora si gioca forse l’unica cosa buona (e documentabile) che ha fatto di recente (a parte coinvolgere nell’«operazione borsellino» anche la madre, a cui però ha detto di aver trovato la scheda di memoria in un supermercato: «Mamma, dai un occhio alla tv se parlano di un pedofilo»). Il malvivente recidivo cala l’asso con i poliziotti: «Sono quello che vi ha fatto trovare Robbie Aitken».

«Matt è un eroe»Ma la legge è legge, e non è scontato introdurre un elemento di «baratto» nello schema dei trestrikes. La prima che osa parlarne è Dana Overstreet, la magistrata che nel 2006 rappresenta l’accusa nel processo Aitken (a casa sua sono stati trovati i vestiti della bambina, e un centinaio di foto illegali di pedopornografia): «Esiste l’onore tra i ladri — dice la magistrata —. Per quanto mi riguarda, Matt Hahn è un eroe». E un eroe non può andare all’ergastolo.

La nuova vitaIl processo al ladro gentiluomo non ha avuto grande seguito. Un po’ in sordina, Matt è stato condannato a 14 anni. Ne sconta solo sette, nello stesso carcere in cui è rinchiuso (in una sezione a parte) Robert Aitken. Matt lo riconosce al di là del vetro, mentre Aitken non sa nulla di lui. Il destino di ciascuno è legato a quello dell’altro, la dannazione e la salvezza. Matt esce di galera dopo sette anni. E come ha raccontato in questi giorni alla

Bbc, cambia vita. Anche se ha studiato in carcere (i libri glieli portava la mamma della bambina vittima di abusi), è riuscito a trovare lavoro come elettricista. Gli va bene così. Si è sposato, non ruba più. «Nella mia nuova vita succedono cose straordinarie», ha detto. Per non parlare di quella vecchia.

Mattarella firma legge su taglio parlamentari - Politica Taglio dei parlamentari, Mattarella ha firmato e promulgato la legge di riforma costituzionale - Il Fatto Quotidiano Enzo Mari, addio al ribelle dominato dalla passione civile

22 febbraio 2020 (modifica il 22 febbraio 2020 | 22:52) Leggi di più: Corriere della Sera »

Milano, protesta dei lavoratori dello spettacolo: 500 bauli in Duomo

Leggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus Milano, protesta dei lavoratori dello spettacolo: 500 bauli in Duomo

Stima

Sulle registrazioni decide il pm, via libera al Trojan - Il Fatto QuotidianoIl decreto legge sulle intercettazioni, votato con la fiducia in Senato, viene approvato dal Consiglio dei ministri il 21 dicembre scorso in tutta fretta per evitare la quarta proroga consecutiva a firma del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in modo da differire la riforma del suo predecessore, Andrea Orlando, diventato nel frattempo vicesegretario del Pd … Andiamo bene .. se sommato poi alla obbligatorietà dell'azione penale . marcotravaglio Quindi continua è rafforzata la censura di regime pd/globalista sorosiana?

Addio a Larry Tesler, inventò il copia-incolla | Il caffè di GramelliniCi sono uomini&44; i cui nomi pronunciamo tutti i giorni&44; che non influiscono sulle nostre vite&46; E altri&44; a noi completamente ignoti&44; che le cambiano... Capisco che i quotidiani mirino a far sottoscrivere abbonamenti in rete ma, non essendo possibile che la gran massa di utenti dei social possa acquistare le decine di testate che visiona, trovo inutile 'vincolare' la lettura del contenuto. Si passa avanti e perdono pubblicità😊

Il ritorno di Ghali: «Il successo mi ha travolto, ora riparto dal mio DNA» - VanityFair.itDNA è il titolo del suo secondo album. Registrato in tutto il mondo, ma che oggi lancia a Milano perché le radici sono importanti. «Il successo è una droga, ma poi ho capito che avevo tutto e non ero felice». Intervista al rapper 26enne che è caduto - non solo sul palco di Sanremo - e si è rialzato (da solo)

Il governo sempre appeso a un Matteo - Il Fatto QuotidianoChe spettacolo! Rieccoci al governo Conte appeso a un Matteo. Ma è una maledizione? Cos’ha fatto di terribile “Giuseppi”, in una vita precedente, per meritarsi questa pena? Ha pestato talmente i piedi a un Matteo che s’è beccato la profezia nefasta: “Ne incontrerai continuamente sulla tua strada e proveranno in tutti i modi a farti … luisellacost Il trasformista dovrebbe sapere che per governare bisognerebbe prendere i voti Con un po' di coerenza basterebbe dimettersi per fare bella figura

Basket A2, il derby Torino-Casale decide il primato - La StampaUltimi ottanta minuti della stagione regolare per la Reale Mutua, capolista del girone Ovest della serie A2.

Insigne-Fabian Ruiz, il Napoli ribalta il Brescia e ora 'vede' l'EuropaBuona prova degli azzurri, bravi a reagire dopo il gol di Chancellor. Con 36 punti Gattuso entra in zona Europa League