Il gioco come rifugio: due righe in cronaca per Clarice Benini, la «signorina» che fu campionessa

Il gioco come rifugio: due righe in cronaca per Clarice Benini, la più forte scacchista italiana. Il ritratto di Riccardo Bruno su @7Corriere

10/01/2021 21.12.00

Il gioco come rifugio: due righe in cronaca per Clarice Benini, la più forte scacchista italiana. Il ritratto di Riccardo Bruno su 7Corriere

È stata la nostra scacchista più forte di tutti i tempi. Orfana a 15 anni (per l’infarto del padre durante una partita), nel secondo dopoguerra andò a proprie spese ai Mondiali di Mosca, riuscendo a tenere testa alle terribili russe. Poi la fine drammatica: assassinata da un folle

Clarice ha talento, è incostante ma con lampi di genio. Assomiglia al padre, capace di grandi trovate ma che a volte si perdeva nei finali. Lei per anni rifiuterà i tornei, forse tormentata dalla tragedia che glielo ha portato via, un tabù che scaccerà solo nel 1934. Ha già 29 anni, esordisce in un campionato minore di terza categoria, ed è l’avvio di un’ascesa travolgente. Due anni dopo è a Semmering, in Austria, torneo internazionale femminile.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Clarice Benini durante una partita a scacchi contro un avversario maschio negli Anni ‘50. Proprio nel 1950 la FIDE conferì a Clarice il titolo di Maestro internazionale femminileCOSTRETTA A RAGIONARE IN FRETTAAl cospetto delle più forti d’Europa non delude, nonostante ingenuità e inesperienza chiude a sorpresa come seconda. E si guadagna il via libera per il Campionato del mondo dell’anno dopo a Stoccolma. L’Italia fascista punta fiduciosa sulla squadra maschile, ma è lei a ottenere i migliori risultati. Ancora un secondo posto, ma di fronte alla cecoslovacca Vera Menchick, considerata imbattibile, mostra coraggio e spregiudicatezza, esce sconfitta solo per l’eccessiva precipitazione. «Conquista due pedoni all’avversaria e il dominio del campo. Ma poi non riesce a mantenere il vantaggio », analizza la partita Capece. «Forse le era rimasto poco tempo e fu costretta a ragionare in fretta».

Leggi ancheLa sfida delle scacchiste, parità (e premi milionari): 500 mila euro ai Mondiali femminiliELEGANTE E FORTEIn ogni caso è un trionfo, l’Italia scopre la «signorina Benini», in un’epoca in cui le donne single sono considerate zitelle. Lei è elegante, forte e incute timore alle avversarie. L’americana Mary Bain la descrive come «un’attraente, alta, giovane, donna bruna». Gira anche la voce che Eugenio Montale, frequentatore del Caffè Giubbe rosse, si invaghisca di lei e la evochi nei versi di headtopics.com

Nuove stanzeClarice Benini. Nel 1976, a 71 anni, fu uccisa da un vicino, un contadino impazzito, nelle campagne di Rufina«Ma resiste/e vince il premio della solitaria/veglia chi può con te allo specchio ustorio/che accieca le pedine opporre i tuoi/occhi d’acciaio»

Il regime la acclama e organizza per lei nel 1938 il primo Campionato nazionale femminile. Sei iscritte (difficile trovare giocatrici), Benini stravince, come farà anche l’anno successivo. Non ha rivali tra le donne, per trovare avversari all’altezza deve misurarsi con gli uomini, e spesso li batte.

La guerra spezza sogni e carriera, parte per la Russia come infermiera volontaria. Come ricostruiscono Alessandra Innocenti e Lorenzo Barsi, a fine conflitto trova un modesto impiego al Comune di Firenze, insegna aperture e varianti ai più giovani e continua a raccogliere successi e onori. Nel 1948 viene ammessa al primo Campionato italiano unisex (dovranno passare 70 anni prima che ci riesca un’altra donna). Non ha molto tempo per allenarsi, ma l’anno successivo non vuole rinunciare al Campionato del mondo femminile, il primo del dopoguerra.

«Ma resiste/ e vince il premio della solitaria/ veglia chi può con te allo specchio ustorio/ che accieca le pedine opporre i tuoi/occhi d’acciaio»Eugenio MontaleINTUIZIONE GENIALEDeve pagarsi il viaggio da sola, non ha ferie o aspettativa, parte lo stesso rischiando di non trovare più il posto al rientro. In Russia non gioca bene, alla fine sarà soltanto settima, tuttavia nelle quattro partite contro le favorite sovietiche ottiene due vittorie e una patta. E contro la campionessa francese Chantal Chaudé de Silans disputa la partita che la farà entrare nella leggenda. Attacca con veemenza, rinuncia alla regina e incunea il re tra i pezzi avversari fino al matto. «Un’intuizione geniale», spiega Capece. «Forse neanche un computer avrebbe potuto immaginare il sacrificio della regina e quell’avanzata del re che in 5 mosse penetra in campo avversario. Se fosse stata più allenata probabilmente sarebbe arrivata almeno fra le prime tre e forse, chissà, avrebbe perfino potuto vincere». headtopics.com

Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno Cina, la battaglia per fermare la strage di cani al solstizio di Yulin Stop alle mascherine all’aperto, attesa oggi la decisione del Cts

Negli anni che seguono alterna prestazioni opache a grandi exploit. Nel 1956, a Gardone Riviera, sono presenti le migliori giocatrici del momento. Benini vince tutte le partite. Il suo ultimo torneo ad Amsterdam nel 1962. Ha una malattia agli occhi, sta perdendo la vista, decide di ritirarsi vicino Firenze, a Rufina, nelle campagne del Chianti.

Clarice Benini (ultima a destra) a Imperia nel 1962 (foto Max Euwe Centrum)VITTIMA COLLATERALE DI UNA STRAGEIl 6 settembre 1976 è il giorno della seconda tragedia, l’epilogo. Il contadino che le aveva custodito la casa e con cui era rimasta più di un’incomprensione, la sera torna a casa e, come racconterà al magistrato, trova la minestra fredda. Un pretesto per una mente malata. Uccide a coltellate la moglie, i due figli più grandi, ferisce l’altra figlia e risparmia solo il più piccolo di 7 anni. Poi esce e va ad ammazzare Clarice Benini. I grandi giornali mandano gli inviati per raccontare l’efferata strage familiare. Appena due righe, in coda, per quell’anziana signora finita sotto la furia dell’assassino. Sarà la rivista

Scacco!a ricordare a tutti chi era: «Dietro a tanta tragedia c’era il nome della più grande scacchista italiana di tutti i tempi».Il gioco come rifugio due righe in cronaca per Clarice Benini, la «signorina» che fu campionessa

Testo di Riccardo BrunoE’ stata la nostra scacchista più forte di tutti i tempi. Orfana a 15 anni (per l’infarto del padre durante una partita), nel secondo dopoguerra andò a proprie spese ai Mondiali di Mosca, riuscendo a tenere testa alle terribili russe. Poi la fine drammatica: assassinata da un folle headtopics.com

Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza