Il gatto selvatico, animale «invisibile» che sfugge alla nostra presunzione

Il gatto selvatico, animale «invisibile» che sfugge alla nostra presunzione

17/01/2020 01.06.00

Il gatto selvatico, animale «invisibile» che sfugge alla nostra presunzione

È molto simile al micio di casa, abita il nostro territorio, ma con ogni probabilità nessuno di noi riuscirà mai ad incontrarlo. Il fascino di un imprendibile felino

EmailC’è un gatto che con ogni probabilità nessuno di noi riuscirà mai a vedere: è il gatto selvatico europeo (Felis silvestris silvestris), più grosso e robusto del micio di casa — i maschi adulti raggiungono tranquillamente i 60-70 cm di lunghezza, cui va aggiunta una coda di almeno 35 cm — e dotato di una folta pelliccia tigrata grigio-fulva. Popola le foreste dell’Europa centrale ma lo si trova anche in Spagna e in Scozia, e in Italia soprattutto sulle Alpi Giulie e lungo la dorsale appenninica. Una colonia significativa vive in Svizzera, soprattutto nel Massiccio del Giura, dove la locale Pro Natura l’ha scelto come animale dell’anno e «ambasciatore delle foreste selvagge».

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Vaticano si scaglia contro il ddl Zan: «Fermate la legge, viola il Concordato» Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Incontrarlo è pressoché impossibilenon soltanto perché la popolazione complessiva è assai ridotta — si stima che in Italia ce ne siano non più di 700-800 — ma soprattutto perché vive rigorosamente da solo su un territorio di diversi chilometri quadrati e si mostra soltanto di notte e quasi sempre sugli alberi. Durante il giorno, infatti, resta nascosto negli anfratti del terreno o nelle cavità del sottobosco, da dove fuoriesce al tramonto per arrampicarsi in alto e cominciare la caccia: roditori e altri piccoli mammiferi, uccelli che cattura nei nidi, rane. È un cacciatore formidabile, rapido e possente nel salto, dotato di un udito e di una vista eccellenti: il solo predatore che può avere la meglio su di lui, se riesce a sorprenderlo a terra, è il lupo. La stagione degli amori — l’unica in cui il gatto selvatico europeo incontra i suoi simili — abbraccia i primi mesi dell’anno. Dopo due mesi, le gatte danno alla luce da due e cinque cuccioli, che restano con la madre fino ai cinque mesi di età: dopodiché, all’inizio dell’autunno, ciascuno prende la sua strada nella foresta alla ricerca di un nuovo territorio da abitare.

L’elusività del gatto selvatico europeolo rende un enigma anche per i ricercatori: di lui sappiamo pochissimo, e quel poco va sempre soppesato con attenzione perché spesso gli esemplari che vengono intercettati e osservati sono in realtà ibridi, frutto cioè di un accoppiamento con un gatto domestico inselvatichito (i nostri mici discendono dal gatto selvatico africano, che è relativamente più socievole, ma possono incrociarsi anche con quello europeo). Alcuni ricercatori svizzeri hanno scoperto che anche il gatto selvatico, come il micio di casa, è magicamente attratto dalla valeriana, e così hanno opportunamente collocato nei boschi un certo numero di assicelle impregnate di valeriana vaporizzata: è stato così possibile fotografare diversi esemplari e, soprattutto, avviare un monitoraggio sistematico della specie grazie alle tracce organiche – l’urina e la saliva lasciate per marcare olfattivamente il legno e i peli caduti – che sono poi state sottoposte ad analisi genetica. In attesa di conoscere i risultati di nuove ricerche e scoprire qualcosa di più, possiamo abbandonarci all’immaginazione. headtopics.com

Del resto, il fascino più grande di un animaleche non possiamo incontrare e neppure vedere da lontano sta proprio nella sua elusività, nel suo sistematico e persino cocciuto sottrarsi alla civiltà umana e ai suoi insediamenti, nel suo abitare, simbolicamente ma anche di fatto, un altrove per noi impenetrabile e tuttavia così incredibilmente vicino. Il gatto selvatico europeo non è infatti un animale esotico, non vive agli antipodi e non è troppo diverso dal micio che ronfa sul divano di casa: ma per noi resta invisibile, inattingibile, per sempre assente. Siamo abituati a considerare la natura come un bene a nostra disposizione e di cui ci sentiamo padroni, oppure, nella migliore delle ipotesi, come un museo da conservare con cura per poterlo visitare meglio: e invece esistono animali invisibili, anche sulle nostre montagne, anche nelle nostre foreste, che possiamo soltanto immaginare. A me questa sembra una saggia risposta alla nostra inveterata presunzione.

16 gennaio 2020 (modifica il 16 gennaio 2020 | 22:36) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Animale geniale

Il giudice accusa il telefonino: «Provoca il tumore»Confermata una precedente pronuncia ad Ivrea del 2017 sul caso sollevato da un dipendente Telecom Italia colpito da neurinoma del nervo acustico I giudici non accusano, esprimono una valutazione al termine di un processo, in cui sono state esibite prove e testimonianze.

Benetton, il vizio del debito: perché Atlantia rischia il crac - Il Fatto QuotidianoOra è il momento del redde rationem per i Benetton. L’eventuale revoca della concessione delle autostrade italiane gestite da Aspi, non potrà che riverberarsi a cascata a monte dell’intera filiera societaria: da Autostrade per l’Italia su verso Atlantia, che di Aspi possiede l’88%, fino a Sintonia ed Edizione, la holding di Ponzano che di Atlantia … Un piatto caldo lo potranno sempre rimediare, suppongo.... Ma se Atlantia senza concessioni rischia il crack significa che è una società facciata utilizzata solo per trarre profitto incassando i pedaggi ? Gli azionisti hanno già avuto troppi e grassi dividendi in passato..... ora e’ venuta la resa dei conti ... di una realtà gestita in modo avventuroso🤔😳😤

Puglia, chiesta l'archiviazione per il presidente Michele Emiliano per il caso InnovaPuglia - Il Fatto QuotidianoA sei mesi dalla proroga dell’indagine la Procura di Bari ha chiesto l’archiviazione dell’indagine per abuso d’ufficio a carico del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, relativa alla presunta violazione della legge Severino per l’incarico affidato nel luglio 2017 all’ex sindaco di Bisceglie Francesco Spina come consigliere della società pubblica InnovaPuglia. La notizia è riportata … poteva essere diverso?Sarà mica un caso che Emiliano non perde occasione per ribadire che lui è ancora un Magistrato pur se in aspettativa...Cane non morde Cane... Ovvio.... Dunque la Procura chiede archiviazione per ex magistrato e per di più del PD Tutto ok si archivia Una Procura chiede archiviazione per matteosalvinimi su Gregoretti e invece si va avanti fino alla morte Come x Berlusconi 1 2 4 5 ecc.

Maggioranza divisa sulla prescrizione, Renzi critica il Pd: 'Insegue il populismo M5s'Bocciato emendamento Costa (Fi). Decisivo il voto di Francesca Businarolo, presidente della commissione Giustizia. La maggioranza vince 23 a 22. Intanto i penalisti proclamano una nuova giornata di sciopero con manifestazione davanti Montecitorio il 28 Tirate fuori renzi dal coma farmacologico! RENZI TU IL TUO GOVERNO LO HAI FATTO CADERE PER DARE IL GOVERNO A BERLUSCONI! Renzi Berlusconi salvini ti hanno montato in tutti i modi! SEMBRI LUIGI DI MAIO QUANDO ERA FIDANZATO CON SALVINI! RENZI CI SEI O CI FAI! COSA CI GUADAGNI IN UN CASO E NEL ALTRO CASO! MA GUARDA CHE SOLO DA VESPA POTEVI ANDARE!

Ex Ilva, prescritto il perito accusato di taroccare i dati - Il Fatto QuotidianoVolete sapere cos’è e cosa comporta la prescrizione? Basta leggere questa storia. Martedì mattina, infatti, la Cassazione ha depositato la prima sentenza di prescrizione sull’inchiesta “Ambiente svenduto”, quella che ha scoperchiato il disastro ambientale e sanitario causato (anche) dall’Ilva a Taranto. La tagliola del tempo ha impedito ai giudici della Suprema Corte di valutare le … Che schifoooo

L’Europa per evitare il nucleare Iraniano - Il Fatto QuotidianoEd eccola qui la vera risposta dell’Iran all’attacco delinquenziale appena subito: l’inizio di una ritirata dall’accordo nucleare del 2015, logica conseguenza del ritiro trumpiano del 2018 e dell’inadempienza europea dei termini dell’accordo stesso. È cominciata così una grande partita, dove disinformazione e crassa ignoranza regneranno sovrane, e dove l’attore cruciale sarà, nell’immediato, l’Unione europea. Ma … meno male che non sono abbonato! arlacchi comunque è garanzia di inattendibilità. sicuramente in Iran la leggeranno con attenzione AHHAHAHAHAHAHAHAHAHA marcotravaglio regime degli ayatollah , regime di delinquenti , speriamo possa presto cadere sotto le bordate USA , visto che la UE antisemita e filo iraniana non muove un dito . dissidentiraniani vivaIsraele