Libri, Libro

Il dono di Philip Roth: libri per 25 anni alla sua Newark

Il dono di Philip Roth: libri per 25 anni alla sua Newark

02/11/2019 20.38.00
Libri, Libro, Recensione, Recensioni, Cultura, Terza Pagina, Letteratura, Narrativa, Poesia, Racconti, Saggi, Saggistica, Scrittori, Autori, Biblioteca, Letterario, Critica Letteraria, Titolo, Editore, Autore Della Recensione

Il dono di Philip Roth: libri per 25 anni alla sua Newark

Lo scrittore scomparso il 22 maggio 2018 ha donato almeno 2 milioni di dollari (per l’acquisto di volumi) alla biblioteca della città del New Jersey dove era nato nel 1933

post mortemdi Philip Roth, scomparso a 85 anni il 22 maggio 2018. Il romanziere ha organizzato in gran silenzio un’opera di beneficenza che è emersa solo ora per volontà testamentaria: ha donato almeno 2 milioni di dollari del suo patrimonio, stimato sui 10 milioni, alla Newark Public Library.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

Roth ha chiesto all’esecutore testamentario di versare 80 mila dollari l’annoalla biblioteca comunale di Newark, nel New Jersey, la città dove era nato il 19 marzo 1933. La donazione andrà avanti per 25 anni consecutivi. Il primo pagamento verrà effettuato alla biblioteca nel febbraio 2020. La somma, ha lasciato scritto Roth, dovrà essere utilizzata solo per l’acquisto di libri e materiali didattici, mentre sono esclusi investimenti immobiliari.

Nel 2016 Roth aveva donato la sua biblioteca privata di circa 7 mila volumi,fino ad allora custodita nel suo appartamento di New York, al municipio di Newark. La donazione alla Newark Public Library è stato un «segno di gratitudine» per la città natale. Oggi la raccolta dei libri di Roth è ospitata in una stanza progettata dall’architetto Henry Myerberg, dove è stato ricostruito anche lo studio dello scrittore con alcuni suoi cimeli, come la scrivania, la sedia e la poltrona. headtopics.com

2 novembre 2019 (modifica il 2 novembre 2019 | 18:00) Leggi di più: Corriere della Sera »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Il campione: Il Toro deve ritrovare il coraggio di vincere - La StampaTORINO. È il derby dell’impossibile. Sulla carta. Forse non c’era momento peggiore per affrontare questo derby. Ma forse non c’era nemmeno momento migliore per affrontare questo derby. Il Toro arriva da un periodo negativo, di gioco prima che di risultati. E affronta una Juve fortissima, capace di raddrizzare gare in ...

Marco Bocci diventa regista: «Dopo il coma rinasco con il mio primo film»L’attore alla viglia del debutto alla regia con un su Tor Bella Monaca. «Tre giorni senza conoscenza e un grande spavento, ora ho una nuova energia» Sarà sempre il commissario scialoia

Il film sul “giovane Pertini” che Unipol rifiuta di aiutare - Il Fatto QuotidianoCredo che ognuno di noi di fronte a un personaggio “eroico” come Sandro Pertini, non solo sia pronto a levarsi il cappello, ma a fare quanto può per ricordare ai più giovani di quale tempra sia stato questo socialista senza macchia, questo antifascista irremovibile, questo presidente della Repubblica che rassicurò col suo coraggio e la … marcotravaglio Mattarella è meglio di Pertini. ✊🇮🇹🇻🇳 marcotravaglio Grande uomo, grande presidente.

Il fuoco dentro | Il Caffè di Massimo GramelliniMentre tutti scappano dall&8217;inferno&44; c&8217;&232; uno solo che procede in direzione ostinata e contraria&46; Un pazzo&44; forse&44; un suicida&46; Corricchia ai bordi... MaxGramel quello di stamattina è uno dei migliori caffé! :-)) ho riguardato quattro volte quel video e, davvero, si rimane colpiti dalla calma dei due cavalli adulti che guidano il piccolino, stando davanti. Non ci resta che inchinarci davanti all'istinto! ❤️ Diventando uomini abbiamo perso qualcosa? Forse sì...

Il rosso e il nero - La StampaA che punto siamo lo spiegano un paio di notizie minime, diciamo così, di ieri. La prima arriva dal Parlamento, nientemeno. Mentre parlava Emanuele Fiano, deputato del Pd, dai banchi di destra si è sentito uno strillo: «Sionista!». Poi Federico Mollicone, di Fratelli d’Italia, ha assicurato che non veniva dai suoi, e comunque «sionista non è un insulto». Gridare a qualcuno «sionista» con intenti neutri: iniziativa originale. Oltretutto che «sionista» è la classica accusa dei cortei antagonisti rivolta a Israele per negarne l’esistenza e paragonarne la spietatezza a quella di Hitler. E infatti, seconda notiziola, sulla pagina Facebook del Caffè Greco, storico locale di Roma a rischio di sfratto, qualcuno ha scritto che se il caffè dovesse passare ai «sionisti» bisognerà aggiungerlo alla lista dei boicottaggi: sotto c’era il link di Bds Italia, gruppo di estrema sinistra impegnato a illustrare «l’Apartheid israeliana». Ora sono tempi, non nuovi, in cui certe delizie schiumano con più spontaneo entusiasmo a destra (ancora ieri ferventi sovranisti diffondevano foto appaiate di Liliana Segre e di George Soros, quest’ultimo con la stella di David grondante di sangue), ma l’antisemitismo di sinistra è storia vecchia e recente, come molti osservatòri, ebraici e non, continuano vanamente a segnalare. L’ultimo è stato il centro di documentazione ebraica di Milano, nello svelare il profluvio di insulti antisemiti che si abbatte su Segre, da destra come da sinistra. O meglio, dalla destra e dalla sinistra estreme. Il problema è che ognuno, di qui e di là, vede e addita soltanto l’estremismo altrui.

Il Milan respira: Suso entra e firma il gol partita con la SpalI padroni di casa vincono 1-0 grazie alla splendida rete dello spagnolo su punizione (63'). Primo successo per Pioli sulla panchina del Diavolo. I rossoneri salgono a centro classifica, estensi sempre penultimi