“Il Covid dovrebbe cambiarci: non lo farà”

Il saggista Caffo: invece di organizzare lezioni all’aperto abbiamo fatto ripartire il campionato di calcio

01/06/2020 00.35.00

Il saggista Caffo: invece di organizzare lezioni all’aperto abbiamo fatto ripartire il campionato di calcio.

Il saggista Caffo: invece di organizzare lezioni all’aperto abbiamo fatto ripartire il campionato di calcio

Pubblicato il31 Maggio 2020Leonardo Caffo​, co-direttore di Animot, è docente di Ontologia del Progetto al Politecnico di Torino. Ha fondato  Waiting Posthuman Studio, unità di ricerca fra filosofia, architettura e arte; dal 2017 insegna alla  Naba di Milano e alla Scuola Holden di Torino.  Nel 2015 ha vinto il Premio nazionale  Filosofia Frascati. Ha scritto “A come Animale: voci per un bestiario dei  sentimenti” (Bompiani 2015), “La vita di ogni giorno” (Einaudi 2016), “Fragile umanità. Il postumano  contemporaneo” (Einaudi 2017) e “Vegan, un manifesto filosofico (Einaudi 2018)”.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Caffo,  come scrive nel suo "Manifesto per un dopo che era un primo",  l'uso ricorrente dell’espressione “tornare al mondo normale” non faceva i conti con temi della  disgregazione sociale, della povertà, dello sfruttamento animale e della distruzione dell’ambiente.  Quali sono le problematiche ulteriori che secondo lei sono state evidenziate o  accelerate dalla pandemia?      

«La pandemia, a mio avviso, ha mostrato tutta la nostra impreparazione dinanzi a un reale stato di  crisi che sia conseguenza dei nostri comportamenti scellerati; una crisi che sia davvero una crisi  dunque, che metta in discussione come mangiamo, come viviamo, come consumiamo, come  speriamo. La normalità non implica una qualità ma una prassi, dunque una quantità: se tuttavia il  Covid 19 è stato percepito come non normale, essendo la conseguenza ovvia del nostro stile di  vita ordinario, allora anche la causa non poteva essere normale. Dunque “tornare alla normalità”  significa, al contrario, fomentare la non normalità cercando di mettere delle pezze ovunque invece  di fare dei cambi radicali. La gestione del dopo Covid 19 è confusa, tra passaporti sanitari e  assistenti volontari alla pubblica sicurezza, perché si sta tentando di fare finta che il virus sia  stato un incidente di percorso: mentre invece era il percorso stesso. Tra deliri di filosofi che  equiparano lezioni online e fascismo e politiche coercitive e reazionarie all'orizzonte si vede di  tutto tranne che un piano per accelerare su soluzioni reali alle condizioni di possibilità di questo  caos: ecologia, produzione alimentare alternative, forestazione, ripopolazione del mezzogiorno  tramite il lavoro in remoto, cambio radicale del rapporto col mondo selvatico, welfare  rivoluzionato e assistenza al non lavoro, scuole all'aperto al Sud. E viene davvero da chiedersi a  cosa sia servito tutto questo dolore, e quello che ancora dovrà venire”.   headtopics.com

Di fronte a queste problematiche ci troviamo di fronte ad un bivio in attesa della prossima  pandemia già ampiamente preannunciata? Quali distopie e quali utopie?«Il mio libro, Dopo il Covid 19 (nottetempo), è effettivamente un ricorso diffuso all’utopia:  sappiamo tutti che da domani non diventeremo né vegani, né campagnoli, né tanto meno capaci di  evitare la produzione di combustibile fossile o plastica. Non diventeremo così, ma dovremmo: nel  senso che utopia e distopia si tengono per mano di continuo e se non saremo in grado di investire  immediatamente in imprese, educazione, modelli strategici davvero alternativi,  presto o tardi,  rischieremo di soccombere sotto il peso del vecchio e ormai ingestibile mondo.  La prossima pandemia non va aspettata ma evitata o quantomeno pianificata nelle sue soluzioni: gli  spillover sono all'ordine del giorno, immediatamente dovremmo cambiare il nostro rapporto con  gli animali. Abbiamo da subito la possibilità di cambiare la mobilità, e invece immediatamente i  comuni si preoccupano solo di rimettere la sosta a pagamento, incentivare la diminuzione del peso  burocratico sulle imprese, e invece già ci vogliono decine di moduli per avere del suolo pubblico  che a Berlino regalano d’ufficio, potremmo incentivare la produzione di cibo alternativo con una  meat tax (tassa sulla carne), invece la preoccupazione generale e sostenere vecchi e assurdi  modelli produttivi, potremmo fare lezioni all’aperto sostitutive delle ore scolastiche perse, invece  siamo più bravi a fare ripartire un campionato di calcio (e parlo da tifoso del Napoli) che la  struttura educativa di un Paese. Talvolta mi viene il sospetto che con “distopia” non chiamiamo  soltanto la nostra incapacità gestionale, con “utopia” invece tutto ciò che potremmo fare ma non  abbiamo nessuna voglia di fare».

 Quali pensa siano le azioni più importanti da mettere in campo con urgenza a partire dal mondo  degli intellettuali?  «Qui voglio essere molto pratico: le università non funzionano più, soprattutto i dipartimenti  umanistici. Il reclutamento degli insegnanti si basa su modelli di pubblicazioni astruse e illeggibili,  alimentano quelle che sono a tutti gli effetti mafie gestionali, i più penalizzati sono gli studenti.  Anche le scuole, ma sulle università il ragionamento è più urgente è profondo. Bisogna richiedere  immediatamente che il valore del titolo legale venga abolito, liberarci dall’idea che conti un pezzo  di carta quando invece conta ciò che si sa fare davvero, iniziare a fondare accademia alternative sul  modello della Scuola Holden, che reputo straordinaria, ma orientate a ibridazioni educative tra cultura,  agricoltura, arte contemporanea, economia gestionale. Delle scuole e accademie dove sapersi  orientare in un bosco o fare una tesi di laurea con le note fatte bene contino allo stesso modo, una specie di Scuola Walden per dirla col titolo del capolavoro di Thoreau dove piantare un seme,  mettere un bullone, o tradurre Ovidio, siano tutte cose che compongono l’apparato umano della  specie che verrà».

*Regista ed artista visivaRinascimento 2.0 a cura di Laura Milani, Irene Dionisio e Marco Zappalorto, è un progetto che intende generare - attraverso testimonianze autorevoli in differenti settori culturali - nuove domande e porre al centro del discorso la visionarietà e la creatività come strumenti indispensabili di innovazione per il benessere sociale rispetto al cambiamento epocale che stiamo attraversando.

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Perché ritengo il giornale valido con articoli interessanti, redatti da validi giornalisti ed opinionisti. Non ultimo, nonostante sia lontano, sono rimasto attaccato alla mia città, Torino. La possibilità di leggere il giornale online, puntualmente, è per me un vantaggio. headtopics.com

Cina, la battaglia per fermare la strage di cani al solstizio di Yulin Morte di Adil, il camionista al gip: «Sono fuggito per paura di essere linciato». E ottiene i domiciliari Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno

RobertoI perché dei nostri lettori“La Stampa è autorevole, lineare, ed essenziale. Senza fronzoli. E’ locale e globale. Copre spesso temi e aree geografiche lontane dalle luci della ribalta.Matteo, MantovaI perché dei nostri lettori“Sento il bisogno di avere

notizie affidabilie controllate sia a livello nazionale che locali. I commenti degli editorialisti sonopreziosi, aiutano a leggere tra le righe i fatti.Angelo, (TO)I perché dei nostri lettori“Nel 1956 avevo 5 anni e guardavo le foto (le figure) della Stampa che mio padre acquistava ogni giorno. Ho mantenuto l’abitudine paterna, ed in questo periodo, mi è arrivato, da mia figlia,

un abbonamento digitale: la ringraziai dicendole che quel cibo per la mia mente, valeva molto di più di una torta di compleanno.Ezio, Pocapaglia (CN)I perché dei nostri lettori“Perchè è comodissimo: a disposizione ovunque si sia, disponibile già di notte e a minor costo; ora anche email d'aggiornamento lungo la giornata: cosa si può chiedere di più?

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Purtroppo un paese in cui il calcio ha la priorità sulla cultura è un paese che non ha speranza Calcio e scuola possono coesistere se chi deve decidere ha più di 2 neuroni... Si, in peggio. Sì va beh.... Il covid mostra solo che il re è nudo. Game over ...e ancora non si fa nulla! Da mamma credo che a settembre, nella nostra piccola scuola elementare, non si potrà ricominciare! Ma il calcio, gli stabilimenti balneari, le discoteche (Zaia docet)! Quello sì! Non ci lamentiamo di chi regge il Paese poi!

Farei presente al saggista Caffo che scuola e calcio possono riaprire una indipendentemente dall’altro. Il suo “invece” è del tutto gratuito. La fornitura di ombrelli e ombrelloni sarebbe stata comunque un problema

Chi è il generale Pappalardo, dei gilet arancioni, che vuol curare il Covid con lo yogaEx generale, al governo con Ciampi Vuole arrestare Mattarella e curare il covid con lo yoga Io avrei arrestato chi gli ha venduto una giacca così....!!! 🤷🏻‍♂️🤦🏻‍♂️ Ciampi ha nominato sottosegretario alle finanze uno così? COMPLIMENTONI Ricoveratelo!!

Zak, si gira: il sogno di fare il wrestler - Il Fatto QuotidianoIl 15 giugno riaprono i cinema, sì, ma non fatevi troppe illusioni: tra il dire e il fare, non c’è di mezzo ancora una programmazione. Stretti tra una domanda rimaneggiata se non improbabile e un’offerta risicata se non risibile, esercenti e distributori faticano a credere nella ripartenza. Si sta, e per un bel po’ si … Drive in = guardatelo dal PC? marcotravaglio DIRETTORE PERCHE' LEI E IL DIRETTORE SCANZI ,TRANNE SPORADICHE VOLTE ,NON SIETE MAI DA BRUNO VESPA?SOLO SALLUSTI/SENALDI/FELTRI SONO SEMPRE DAPPERTUTTO?COMBATTETELI SONO LA ROVINA DELL'ITALIA COME SALVINI E MELONI--(SO CHE E' ANCHE QUESTIONE POLITICA...)--SI PUO' AVERE RISPOSTA?

Rimborsi viaggi annullati per il Covid: chi può richiederli e come - VanityFair.itDal 3 giugno ricominceremo a viaggiare, ma con tante limitazioni: cosa fare per non perdere il denaro di viaggi cancellati (o che non vogliamo più fare)

Covid-19 e sigarette, il video choc: fumo e vapore sono veicolo di propagazione di gocciolineDurante il lockdown aumentano svapatori e fumatori di tabacco riscaldato e l’Istituto superiore di sanità lancia l’allarme: sono a rischio di contagio Covid. «Studi con una buona casistica non ne sono stati ancora condotti, ma basta il buon senso per capire che vapore e fumo siano un veicolo di propagazione del droplet e quindi di contagio», afferma Roberta Pacifici, Direttore del Centro nazionale dipendenze e doping dell’Iss. «Questo -aggiunge- vale anche per il fumo di sigarette tradizionali, ma quelle elettroniche così come quelle a tabacco riscaldato non sono regolamentate dalla legge Sirchia antifumo, così possono essere utilizzate anche nei locali pubblici, dove le restrizioni le decide eventualmente il singolo esercente». Inutile dire che le possibilità di contagio, come dimostrato da diversi studi internazionali, aumentano con la diffusione di aerosol e droplet negli ambienti chiusi e per questo, secondo la Pacifici, «anche alla luce di questa emergenza sarebbe auspicabile un intervento legislativo che equipari svapo e fumo elettronico a quello delle sigarette tradizionali».LEGGI ANCHE L’allarme dell’Istituto superiore di sanità: “Svapatori a rischio Covid”Video Istituto Superiore di Sanità

Gilet arancioni in piazza a Roma: “Il covid è un bluff della finanza mondiale”«Il covid è un bluff della finanza mondiale», il video diventato virale 😂😂 Poco ma sicuro che a questo qui qualcuno gli proporrà una bella poltrona... teste rasate, aitanti, giovani magari, all'occasione, anche mazzieri GiletArancioni più pericolosi di quanto si possa immaginare, Pappalardo va fermato

Il Covid-19 premia l’affitto se flessibile e senza penaliCresce l’appeal delle locazioni, ma attenzione a tempi e clausole di recesso per evitare «sorprese»