Pirlo, Centrocampo Juve, Confronto Centrocampi Juve, Centrocampo Pirlo Allegri Sarri

Pirlo, Centrocampo Juve

Il centrocampo non punge più: un gol su 3 con Allegri, solo uno su 8 con Pirlo

#Juventus in 7 anni il centrocampo ha smesso di pungere: un gol su 3 con il primo Allegri, solo uno ogni 8 con #Pirlo #serieA

13/04/2021 15.59.00

Juventus in 7 anni il centrocampo ha smesso di pungere: un gol su 3 con il primo Allegri, solo uno ogni 8 con Pirlo serieA

Impietoso il confronto della capacità realizzativa delle ultime 7 stagioni della Juve. Dal 2014/15, primo anno di Allegri, i centrali hanno inciso sempre meno sul totale delle reti bianconere: dal 32% all’attuale 13%

del recente passato e della concorrenza, ci si può appellare ai numeri per verificare questa tesi. Di certo quando l’attuale allenatore condivideva in campo il reparto con Arturo Vidal, Claudio Marchisio e Paul Pogba, il peso dei nomi era diverso. Soprattutto, però, differente era l’incisività offensiva. Così, partendo dal primo anno con Massimiliano Allegri in panchina, si è passati da un gol su 3 prodotto da un centrocampista centrale nella stagione 2014/15, a poco più di uno su 8 dell’attuale annata.

Milan, arriva il lieto fine: riscattato Tomori per 28 milioni! Milano, rubano estintori e li svuotano in un bus: denunciati 8 minori Eriksen, video di auguri da tutte le nazionali

COMPOSIZIONE—  Innanzitutto va sottolineato che quella di 6 anni fa era una rosa ricca di calciatori con ottime capacità balistiche e un eccellente fiuto del gol. I loro picchi di reti stagionali sono stati sfiorati poi da Sami Khedira sempre con Allegri e da Weston McKennie con Pirlo, considerando che mancano ancora 8 partite alla fine della Serie A 2020/21. Intorno, quasi tutti compagni di reparto da 2-3 centri annui, con in repertorio altre armi, dall’interdizione alla visione di gioco. Tornando ai numeri, in questa stagione i centrocampisti centrali hanno prodotto 12 degli 88 gol di squadra, il 13%. Meglio del 10% dello scorso anno (10/96), ma peggio di tutte le 5 annate con Allegri in panchina. Va detto che una sostanziosa diminuzione ha coinciso proprio con lo smantellamento della premiata ditta dei “bomber” alternativi Pogba e Vidal ceduti all’estero. Nel primo anno di Allegri dalla metà campo arrivarono infatti addirittura 33 reti sulle 102 totali, la quota scese la stagione successiva a 21 su 93 (22%). Dal 2016 a oggi quell'incidenza non è però mai più stata al di sopra del 20%: 15% nel 2016/17 e 18% nelle ultime due annate dell'allenatore livornese a Torino. Le sensazioni dei tifosi non sono quindi errate - per quanto riguarda l’incisività sotto porta - soprattutto se il confronto viene fatto con la squadra che perse la finale di Champions League a Berlino contro il Barcellona.

Leggi di più: LaGazzettadelloSport »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Il Milan soffre ma batte il Genoa 2-1 e conserva il secondo posto in classificaRebic e un’autorete di Scamacca danno la vittoria ai rossoneri, che mancava a San Siro dal 9 febbraio. Di Destro il pari temporaneo. Doppio salvataggio sulla linea a Donnarumma battuto

Mentre il calcio rischia il default, Gravina si alza lo stipendio - Il Fatto QuotidianoIl calcio mondiale è a rischio default, i top club sommersi dai debiti provano a scappare nella Superlega, l’intero movimento s’interroga su come sopravvivere. Il momento ideale per una bella infornata di stipendi. Tra una riforma e l’altra per moralizzare il sistema (inclusa la nuova “norma anti-Superlega” che in futuro vieterà l’iscrizione al campionato a … Sempre pensato che gagravina è un mafioso , adesso poi che è entrato in società con Ceferin 'Il calcio è dei tifosi, l'etica e i valori dello sport'...e poi pensano solo ad aumentarsi lo stipendio!!!

Milano, confermato il Salone del Mobile: prenderà il via il 5 settembre - Tgcom24Il Salone del Mobile si terrà, come da programma, dal 5 al 10 settembre a Milano. Si tratta si 'un'edizione innovativa, iconica, unica', annuncia una nota del Salone. 'E' una bella notizia per Milano e l&... hipsterdelcazzo siamo carichi

Il digitale giusto per il rilancio europeo - Il Sole 24 OREIl commissario europeo per l'Economia Paolo Gentiloni è intervenuto a “Reshape the world”, l'evento digitale del Sole24Ore dedicato all'innovazione e... Suca Dal Governo Renzi si parla di digitale, parole su parole...poi nulla di fatto. Tanti buoni propositi specie in Consiglio di Ministri e poi? Soldi spesi male e senza benefici. Cominciate a fare le cose per benino... PaoloGentiloni Ma smettetela di dire cazzate, dobbiamo PRODURRE.

«Il potere dell’alleanza»: il nuovo Vanity Stage dedicato alla sensibilizzazione contro il tumore ovarico - VanityFair.itInformazione, ricerca e condivisione sono le armi per combattere una delle neoplasie femminili più aggressive. L’incontro virtuale è in programma stasera alle ore 18:30, sulla piattaforma dedicata e sui canali social di Vanity Fair Italia

Culicchia: 'Il Toro lascia il campo scaligero con il rimpianto di aver buttato una vittoria decisiva'Verona e Torino hanno pareggiato 1-1 nell'incontro valido per la 35/a giornata di Serie A. Il commento dello scrittore e tifoso granata Giuseppe Culicchia per la rubrica Il Toro è casa mia.LEGGI: Toro, il successo sfumato a Verona e i rimpianti di Nicola: “So che il gruppo ha dato il massimo, ora c’è da lottare” (Francesco Manassero)