Il capo dell'intelligence militare danese è in un grosso guaio - Il Post

10/01/2022 23:55:00

Il capo dell’intelligence militare danese è in un grosso guaio

Il capo dell’intelligence militare danese è in un grosso guaio

Lars Findsen è stato arrestato con l'accusa di avere passato diverse informazioni ai giornali, e rischia fino a 12 anni di carcere

che una delle persone coinvolte in una ampia inchiesta giudiziaria sui servizi segreti nazionali è Lars Findsen, capo dellaForsvarets Efterretningstjeneste, l’agenzia di intelligence militare danese. Findsen è accusato di avere diffuso illecitamente alcune informazioni sensibili insieme ad altri tre membri dell’intelligence.

Sul caso – di cui stanno parlando tutti i principali giornali danesi – circolano però pochissime informazioni, data la sua delicatezza. Diversi giornali danesi scrivono però che l’arresto di Findsen sia legato aun grosso scandaloche ha colpito i servizi di intelligence danesi fra il 2020 e il 2021, quando si scoprì che avevano sviluppato uno strettissimo rapporto con l’NSA, la principale agenzia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Questo rapporto comportò per esempio un’estesa intercettazione del cellulare della cancelliera tedesca Angela Merkel, e secondo alcune inchieste giornalistiche la condivisione di molte informazioni sensibili che l’intelligence danese aveva raccolto su alcune persone danesi.

Leggi di più:
Il Post »

Frana Ischia, individuata ottava vittima: è un uomo

Vigili del fuoco al lavoro tutta la notte dopo il ritrovamento di sette corpi, ancora 4 i dispersi. Droni per mappare la zona della frana Leggi di più >>

Ma da quale film è tratto

In Kazakistan la rivolta contro il regime è stata in gran parte repressa - Il PostGrazie anche all'intervento militare russo, mentre diventano sempre più forti le teorie su uno scontro per il potere tra le fazioni politiche Parlato con fonti locali che sono in linea con quanto riportato dal Vs. articolo Dittatura energetica. Cittadini assassinati per continuare a garantire prezzi minimi alla Russia? Espediente nell’Esercizio di Bilancio Interno a favore della Bilancia Comerciale Internazionale!?

Le molte bevande vegetali che sostituiscono il latte - Il PostCe ne sono tantissime, sono ricche di nutrienti e la loro produzione impiega molte meno risorse rispetto a quello vaccino

Uno scrittore ugandese è stato arrestato e torturato per dei tweet contro il presidente - Il PostKakwenza Rukirabashaija è in prigione da oltre dieci giorni e ha subìto torture per aver dato del ladro al presidente Yoweri Museveni E noi lasciamo tweettare renzi. Evidentemente in Uganda non conoscono l' 'effetto Streisand'. Ora le accuse di uno sconosciuto giornalista verso il presidente di uno stato poco conosciuto sono trattate dalla stampa internazionale e lette in tutto il mondo.

Politics - Un trailer, e il resto dal 13 gennaio - Il PostDal 13 gennaio arriva un nuovo podcast del Post, sulla nostra app e su tutte le piattaforme: POLITICS, la politica italiana spiegata bene. Ogni giovedì, con francescocosta e chiaraalbanese. Qui c'è il trailer! francescocosta chiaraalbanese Sicuramente ci faremo delle grosse risate 😬🤡 francescocosta chiaraalbanese Bravissimi, non vedo l'ora! francescocosta chiaraalbanese 👏👏👏

È morto Robert Durst, il milionario protagonista della serie tv “The Jinx” - Il PostÈ morto Robert Durst, il milionario protagonista della serie tv-documentario “The Jinx”

«Non ha senso chiudere la scuola prima di tutto il resto» - Il PostLo ha detto Mario Draghi nella conferenza stampa sul nuovo decreto sulle restrizioni, rispetto al tema del giorno Evviva! Ma la scuola sta chiudendo da sola SPEAK IT LOUDER ! 📣

Lunedì i giornali danesi che una delle persone coinvolte in una ampia inchiesta giudiziaria sui servizi segreti nazionali è Lars Findsen, capo della Forsvarets Efterretningstjeneste , l’agenzia di intelligence militare danese.(AP Photo/Vasily Krestyaninov) In Kazakistan le rivolte che nel corso dell’ultima settimana stavano mettendo in difficoltà il regime di Kassym-Jomart Tokayev sono state in gran parte represse.(Sean Gallup/ Getty Images) Molte bevande a base vegetale che si trovano in commercio sono valide alternative al latte vaccino e si adattano bene alle esigenze di chi non lo digerisce oppure ha scelto di seguire una dieta vegana e non consuma alimenti che derivino dagli animali.Una foto di Kakwenza Rukirabashaija dal suo account Twitter Lo scrittore satirico ugandese Kakwenza Rukirabashaija, che l’anno scorso aveva vinto il “Premio scrittore internazionale del coraggio” della PEN, una delle più importanti associazioni di scrittori nota per il suo impegno umanitario, è stato arrestato e torturato dopo aver pubblicato dei tweet offensivi nei confronti del presidente dell’Uganda Yoweri Museveni.

Findsen è accusato di avere diffuso illecitamente alcune informazioni sensibili insieme ad altri tre membri dell’intelligence. Sul caso – di cui stanno parlando tutti i principali giornali danesi – circolano però pochissime informazioni, data la sua delicatezza.500 militari provenienti da un’alleanza di paesi guidati dalla Russia. Diversi giornali danesi scrivono però che l’arresto di Findsen sia legato a un grosso scandalo che ha colpito i servizi di intelligence danesi fra il 2020 e il 2021, quando si scoprì che avevano sviluppato uno strettissimo rapporto con l’NSA, la principale agenzia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Le bevande alternative al latte non sono un’invenzione recente: in Cina si consuma da secoli la bevanda che si ricava dalla soia, mentre in Messico è molto popolare l’ horchata , che si ottiene a partire dalla farina di riso (e non va confusa con l’orzata). Questo rapporto comportò per esempio un’estesa intercettazione del cellulare della cancelliera tedesca Angela Merkel, e secondo alcune inchieste giornalistiche la condivisione di molte informazioni sensibili che l’intelligence danese aveva raccolto su alcune persone danesi. In particolare, ha fatto sapere il ministro della Difesa russo, le truppe hanno contribuito a riprendere il controllo dell’aeroporto di Almaty, che era stato occupato dai rivoltosi all’inizio delle proteste. Findsen si trova in carcere dall’8 dicembre, giorno in cui era stato arrestato insieme ad altri quattro membri dell’intelligence danese: solo lunedì, però, un tribunale ha permesso che il suo coinvolgimento nell’inchiesta potesse diventare pubblico. — KAKWENZA RUKIRA (@KakwenzaRukira).

Findsen ha 57 anni ed è da tempo uno dei dirigenti più importanti dell’intelligence danese: negli ultimi vent’anni è stato capo dell’agenzia di intelligence della polizia, capo di dipartimento al ministero e infine capo dell’intelligence militare, carica che ricopre dal 2015. Massimov era una delle persone più potenti del Kazakistan, ed era uno stretto alleato dell’ex presidente Nursultan Nazarbayev, che aveva lasciato il potere a Tokayev nel 2019 dopo aver governato ininterrottamente per quasi trent’anni. La maggior parte di queste bevande deriva da piante, legumi, cereali o frutta a guscio. Sulle accuse contro di lui non circolano moltissimi dettagli: si sa soltanto che i magistrati dell’agenzia di intelligence della polizia lo accusano di avere violato un articolo del codice penale che prevede fino a 12 anni di carcere per «diffusione di informazioni altamente riservate». DR l’agenzia di intelligence della polizia sospetta, in sostanza, che Findsen e alcuni suoi colleghi siano stati le fonti delle inchieste giornalistiche che nei mesi scorsi hanno svelato molti aspetti della collaborazione fra le agenzie di intelligence danese e la NSA, che ha causato un ingente danno d’immagine per l’intelligence danese. Queste mosse hanno spinto molti analisti a pensare che dietro alle rivolte ci sia stata una più ampia lotta per il potere tra fazioni dell’élite del Kazakistan. Il caso di Findsen ricade probabilmente nella delicata zona grigia fra due esigenze spesso contrastanti: la protezione della sicurezza nazionale, anche con operazioni al limite di ciò che è consentito per legge, e una certa trasparenza che lo stato si impegna a garantire. Gli esperti non sono concordi sul fatto che gli additivi vengano assorbiti dal corpo umano durante il consumo, come succede per le proteine e il calcio naturalmente presenti nel latte vaccino: ci sono però buone prove scientifiche sull’alto contenuto di proteine e nutrienti nella maggior parte di queste bevande. La vicenda tocca anche altri temi assi rilevanti come la la pubblicazione sui giornali di informazioni sensibili per la sicurezza nazionale, e la presunta violazione della privacy di privati cittadini da parte delle agenzie di intelligence. Questa ipotesi sarebbe sostenuta anche dalle modalità con cui si sono svolte le rivolte: secondo vari testimoni sentiti dal New York Times , le proteste più violente sarebbero state messe in atto da gruppi ben armati estranei alle manifestazioni dei cittadini, che erano cominciate per protestare contro l’aumento del prezzo del carburante.

Un portavoce dell’agenzia di intelligence della polizia danese Reuters che la diffusione di informazioni altamente riservate può causare «conseguenze gravi o gravissime» per la Danimarca e i paesi dell’Unione Europea e della NATO. Findsen si è dichiarato innocente e ha detto ai giornalisti danesi che considera «assurde» le accuse nei suoi confronti. Inoltre, non bisogna pensare che il malcontento che ha provocato l’inizio delle proteste fosse frutto di una messa in scena: «Il malcontento, anche se sfruttato dalle élite politiche, è decisamente reale», ha scritto il New York Times. Contiene anche fibre, vitamine e minerali ma è piuttosto povera di calcio, che spesso viene aggiunto in fase di produzione. Non si sa esattamente quanto dureranno ancora le indagini e quando, eventualmente, inizierà il processo: Findsen rimarrà in carcere almeno fino al 3 febbraio. TAG: .