Animali%2Ccane

Animali%2Ccane

“Il cane è come un figlio”: il giudice dà l’affido condiviso ai due ex conviventi - La Stampa

“Il cane è come un figlio”: il giudice dà l’affido condiviso ai due ex conviventi @fulviocerutti

26/01/2020 23.20.00

“Il cane è come un figlio”: il giudice dà l’affido condiviso ai due ex conviventi fulviocerutti

Da un amore finito spesso nasce una guerra. E a pagarne le conseguenze non sono solo le due parti in causa, ma anche chi ha vissuto con loro per anni. E così è successo a Caronte, un non più giovane esemplare di Bracco italiano che da un giorno all’altro è ...

Pubblicato il26 Gennaio 2020Da un amore finito spesso nasce una guerra. E a pagarne le conseguenze non sono solo le due parti in causa, ma anche chi ha vissuto con loro per anni. E così è successo a Caronte, un non più giovane esemplare di Bracco italiano che da un giorno all’altro è andato a vivere con uno dei due conviventi che si sono separati, senza più poter vedere l’altro. Ma il rapporto con quel quattrozampe è molto forte, e un ex ispettore di polizia è entrato in depressione di fronte al divieto di della ex compagna.

Roberto Vecchioni: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano» Sardine, il leader Santori: 'Adesso una pausa di riposo e riflessione' Armstrong confessa: «Dopato già a 21 anni, per quello mi è venuto il cancro»

Ora, dopo sette mesi, il giudice del Tribunale di Lucca ha deciso che quell’uomo deve avere il diritto di rivedere Caronte, coccolarlo e portarlo in giro in giorni e orari stabiliti. Di fatto il togato ha disposto l’affido condiviso del cane ad entrambe le parti, condannando tra l’altro la ex, a versargli quattromila euro come risarcimento delle spese legali.

Una decisione importante visto che sul tema dell’affido del cane nei casi di separazione o divorzio il giudice non è tenuto a prendere una decisione. Un vuoto normativo sul diritto dell’animale. Una situazione che in futuro potrebbe cambiare vista la proposta di legge in discussione in Commissione e giustizia che prevede invece il rispetto della natura di “essere senziente” dell’animale.

In questo caso il giudice ha stabilito che la normativa più vicina alla fattispecie sia quella relativa all’affidamento dei figli minori. Non solo: vista l’età avanzata di Caronte, che fu adottato quando aveva 9 anni e oggi ne ha 13, il giudice ha deciso che l’affido abbia carattere di urgenza.

Leggi di più: La Stampa »

fulviocerutti Ma anche no! Con tutto il rispetto e l'affetto...ma anche no! fulviocerutti

Bocce, il Crc Botalla Formaggi torna al successo contro la Borgonese - La StampaTorna al successo il Crc Botalla formaggi. Nel campionato di serie A di bocce le rosse casacche battono a domicilio la Borgonese con il perentorio punteggio di 18-9. Per i biellesi la vittoria era d’obbligo per proseguire nella caccia al quarto posto in classifica che aprirebbe loro le porte delle final four scudetto. Buono il 55/60 fatto registrare nella staffetta da Roggero-Aliverti, l’11-2 inflitto ai valsusini dalla coppia Pautassi-Bruzzone e l’11-0 ottenuto da Enrico Barbero nell’ultimo individuale di giornata. La prossima settimana seconda trasferta consecutiva in casa della Ferriera.

Emilia, Conte e la tesi della sconfitta che blinda il governo - La StampaEmilia, Conte e la tesi della sconfitta che blinda il governo FORT ALAMO Ho letto che hanno ordinato tonnellate di bulloni. Vinavil a nastro.

La storia di Federica, lascia il lavoro per salvare l’unica edicola del paese - La StampaFederica Ciampa, geometra, 27 anni neomamma. La sua è stata una scelta di vita e amore: “Nole non poteva restare senza giornali” Brava, buona fortuna!

Dragon Ball Z: Kakarot, il videogioco per chi da piccolo voleva lanciare onde energetiche - La StampaIl titolo dedicato alla storica saga di Akira Toryama è una gioia per i fan, ma alcuni difetti importanti gli impediscono di spiccare il volo.

Il pericoloso virus di Wuhan è un campanello d’allarme sulle contraddizioni interne alla Cina - La StampaCaro Direttore, sul sito de “La Stampa” leggo di intere città cinesi in quarantena per il coronavirus, circa 20 milioni di persone completamente isolate. Con il passare delle ore e con l’aumento dei casi di contagio, arrivati a oltre 6oo, a Pechino cresce la preoccupazione e le autorità adottano misure sempre più drastiche e che ci riportano ai tempi bui delle epidemie medioevali (anche la Città Proibita è stata chiusa e tutti i festeggiamenti per il Capodanno cinese sono stati annullati). Ma queste decisioni, prese peraltro quando il virus ha già attraversato i confini, suscitano apprensione e sollecitano parecchi interrogativi. Quanto dobbiamo sentirci minacciati da nuove malattie? In un mondo sempre più globale è possibile prevenire i contagi? Alberto Galli, Novara Caro Galli, nell’arco di pochi giorni il virus che si origina dalla città cinese di Wuhan si è trasformato in un imprevisto test, tanto sanitario che politico, per la Cina di Xi Jinping. La rapida reazione di Pechino nel sigillare tutte le aree di potenziale focolaio del virus - con uno sforzo logistico e finanziario senza precedenti - tradisce la volontà di prevenire la dichiarazione di allerta sanitaria da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) con il conseguente eventuale impatto negativo sui viaggi da e per la Cina, da cui dipende gran parte del pil nazionale. Pechino vuole inoltre eccellere nella reazione al virus per dimostrare di aver raggiunto un livello di sviluppo interno - nella protezione della salute dei cittadini - pari alle grandi democrazie industriali. Ma la pur efficiente reazione delle autorità cinesi nulla toglie al fatto che il virus si sia effettivamente generato in Cina riproponendo i rischi connessi alla ancora frequente coabitazione fra animali ed esseri umani in ambienti non protetti. Si tratta di un corto circuito che evidenzia una delle contraddizioni con cui la Cina è chiamata a confrontarsi nel cammino verso la modernità: la coesistenza fra una delle società

L’appello di Bonaccini: “I grillini scelgano il mio nome” - La StampaIl candidato del centrosinistra chiude a Forlì, amministrata dagli avversari e si appella agli elettori del Movimento 5 Stelle. 😂😜 ATTENZIONE il giornale La Stampa è del gruppo economico finanziario ge.di, collocabile a sinistra ed estrema sinistra E che sia passato agli Agnelli, è irrilevante perché giornalisti e direttori sono stati nominato prima ATTENZIONE ALLA AFFIDABILITÀ DELLE NOTIZIE