I tre vuoti da colmare per continuare a fare scuola nell’emergenza

Coronavirus, Scuole, Christian Raimo, Scuola, İstruzione, Miur, Digital Divide, İnsegnanti, Banda Larga, Disuguaglianze

I tre vuoti da colmare per continuare a fare scuola nell’emergenza. L’analisi di Christian Raimo.

Coronavirus, Scuole

3/26/2020

I tre vuoti da colmare per continuare a fare scuola nell’emergenza. L’analisi di Christian Raimo .

Ascolto psicologico, disuguaglianze e contenuti digitali. Su questi tre punti bisogna intervenire subito. Leggi

Un professore tiene una lezione online dal suo ufficio, Trieste, 12 marzo 2020. (Jacopo Landi, NurPhoto via Getty Images) 26 marzo 2020 10:59 Cosa significa fare scuola nell’emergenza? Cosa significa farla a distanza, durante giorni di paura, di dolore, di crisi sociale? Le questioni che riguardano i modi in cui si può e si deve continuare a farla sono molto complesse, e non si possono ridurre a un mero cambiamento di assetto, a una rimodulazione della didattica. La scuola riguarda tutti, non solo gli studenti e gli insegnanti, e in questi giorni ne abbiamo la dimostrazione: siamo tutti una comunità educante, le nostre azioni e i nostri comportamenti hanno un effetto sulle persone che ci sono vicino, e gli interrogativi su cosa fare e come vivere queste giornate toccano particolarmente chi è più giovane, chi è in via di formazione, chi ha un’identità più malleabile. Ormai è evidente: quest’epidemia non è una parentesi, per cui si tratta di capire quando e come rientreremo in classe. Non può nemmeno essere considerata un’opportunità per ripensare la didattica digitale. La scuola, come qualunque altra infrastruttura sociale, non era pronta per affrontare una simile evenienza. Ed è normale che viviamo questo tempo come un tempo di crisi. La scuola è sempre in crisi. Una delle cose che s’imparano standoci è che è impossibile essere infallibili: che lo si voglia o no, stare così a lungo insieme ad altre persone – bambine, bambini e adolescenti – rivela il nostro carattere e le nostre vulnerabilità. Lo spazio della scuola è anche quello dove si elabora questo confronto, dove semplicemente si cresce insieme. L’importanza dell’ascolto La discussione che in questi giorni sta tenendo banco tra ministero, associazioni di insegnanti e sindacati – se quella di questi giorni sia scuola o non sia scuola, se la scuola si ferma o se la scuola non si ferma – è forse un dibattito capzioso: tutto dipende da come usiamo questo tempo per l’educazione, mettendo al centro sempre la relazione educativa, che esiste anche quando è complicata, anche quando deve fare a meno della presenza fisica, perfino quando non c’è. I vuoti di relazione tra docenti e studenti, anche tra compagni, sono le esperienze negative che tutti conosciamo: il nostro compito principale è colmarli. Quello che mostra questa crisi sistemica è soprattutto quello che alla scuola manca tutti i giorni, quello che manca nella “normalità”. E quindi se è impensabile ragionare su come ovviare ai problemi della scuola nell’emergenza, si può invece riconoscere insieme come affrontare le mancanze, per ora e per dopo. La prima mancanza è quella di una scuola che si occupi dell’educazione emotiva e sentimentale. Le richieste che vengono dagli studenti in questi giorni sono soprattutto richieste di ascolto. Gli insegnanti e le classi devono essere capaci d’intercettare questa richiesta; e questo non vale solo per l’emergenza di una pandemia, ma per il quotidiano andamento della vita scolastica. Vuol dire ricordare che si fa scuola sempre all’interno di una comunità e di un mondo che cambiano, con le problematiche gigantesche e i piccoli avvenimenti che colpiscono la classe. Bisogna sempre trovare il tempo per parlarne, mantenendo un difficile equilibrio: senza pensare che i programmi da seguire vengono prima di tutto e senza lasciare che tutto sia stravolto. I rischi opposti, anche nel contesto educativo, sono la rimozione e la saturazione. Questo bisogno diffuso, che riguarda ovviamente anche gli adulti, dimostra quanto sia necessaria una formazione psicologica degli insegnanti, sia al momento della selezione sia durante il percorso professionale. E conferma che per i docenti e per gli studenti è indispensabile avere figure di riferimento per il sostegno psicologico, anche all’interno della scuola. Queste figure esistono, ma sono poche e spesso fantomatiche. Il grande lavoro di cura che chiediamo agli insegnanti – e di cui sono tenuti a farsi carico – dev’essere un lavoro di qualità, che non può contare solo sull’iniziativa o sulle attitudini individuali. Disuguaglianze La seconda mancanza evidenziata dalla crisi è quella di un’educazione che tenga conto delle disuguaglianze sostanziali tra le famiglie degli studenti. Chi ha genitori che riescono a seguire i figli nei compiti e chi no, chi ha a disposizione un computer e chi no, chi ha una stanza tutta per sé e chi no, chi ha una connessione decente e chi no, chi ha molti libri a casa e chi no. Le mattine in classe riducono e in parte nascondono queste disparità, che sono invece tangibili e appaiono ancora più evidenti in questi giorni in cui le webcam – di chi ce l’ha – sono puntate sulle camerette. In Italia il Leggi di più: Internazionale

Hanno i sintomi, niente tampone Dubbi su 20mila malati lombardiSaranno controllati da remoto dai medici di base che potranno richiedere visite e assistenza domiciliare. Le misure per scongiurare eventuali crisi respiratorio Senza mascherine, abbiamo chiuso tutto quando eravamo già tutti contagiati, a febbraio il problema più grosso era non apparire razzisti con i cinesi ed ora abbiamo il record di morti! Ecco cosa vuol dire avere un governo ( Conte ) incompetente!

Per i giudici americani, Trump non può bloccare chi lo critica su Twitter - La StampaLa corte d’Appello Usa: “È violazione incostituzionale della libertà di espressione, perché il social network è il suo più importante canale di comunicazione”. Pensa quando Salvini verrà a saperlo.....😂😂😂 Ahahahahahah Chi si loda s'imbroda

Le previsioni dell’Intelligenza Artificiale su come andrà la pandemia - La StampaAlgoritmi e dati spiegati da Eran Segal ricercatore del Weizmann Institute of Science, alla guida del team di studiosi della Hebrew University di Gerusalemme e dei Clalit Health Services con il coordinamento del ministero della Salute.

Coronavirus, Draghi su FT: 'Agire con forza per evitare depressione' | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus , Draghi su FT: 'Agire con forza per evitare depressione' | Sky TG24 Ora è certo. Draghi sostituirà Conte Cioè stampare soldi cm se nn ci fosse un domani...Per far in modo che un domani ci sia ancora 👏🏿👏🏿👏🏿🌍🌎🌏 Dateci Draghi alla guida del Paese

Coronavirus: 'Viral Monologues', monologhi d'autore su Instagram | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus : 'Viral Monologues', monologhi d'autore su Instagram | Sky TG24 È da giorni che il professor Andrea Crisanti scuote la testa: «Non riesco a spiegarmi come sia stato possibile sottovalutare le dimensioni dell’emergenza, quando erano sotto gli occhi di tutti

La sindaca di Orbassano fa outing su Facebook: “Ho il coronavirus” - La StampaCinzia Bosso ha la fabbre ed è risultata positiva al tampone che le hanno fatto all’ospedale San Luigi. Outing ! ? Ma siete normali ? Coraggio sindaca ce la farai. Auguroni



Macron: “La Francia è al fianco dell’Italia. L’Europa smetta di essere egoista”

La forza di nonna Lina, a 102 anni guarisce dal coronavirus e finisce sulla Cnn

Tandem Israele-Cina per battere il coronavirus, un laboratorio consentirà di fare oltre 10mila test al giorno

Coronavirus, ministro Provenzano: “Reddito di cittadinanza va esteso” | Sky TG24

Coronavirus, Renzi: Fabbriche e scuole riaprano. Calenda replica | Sky TG24

Coronabond, Sassoli a Sky Tg24: 'Serve strumento condivisione debito' | Sky TG24

La preghiera di Papa Francesco contro il Coronavirus | Sky TG24

Scrivi un Commento

Thank you for your comment.
Please try again later.

Ultime Notizie

Notizia

26 marzo 2020, giovedì Notizia

Notizie precedenti

Gli asintomatici che diffondono il virus senza saperlo

Prossime notizie

Oroscopo Rob Brezsny - 26 marzo/1 aprile 2020
Coronavirus: il video 'piazzista' di Urbano Cairo, felice del fatturato ai tempi del Covid-19 - Il Fatto Quotidiano I “ladri dell’argenteria” sono i campioni del centrodestra - Il Fatto Quotidiano Coronavirus, Boccia a Sky Tg24: a giorni superata la crisi mascherine | Sky TG24 400 milioni a tutti i Comuni per comprare cibo ai poveri - Il Fatto Quotidiano Sky TG24 @SkyTG24 Falsi volantini ministero dell'Interno, Polizia: 'Attenti alle truffe' “Avevo imparato ad andare in bicicletta senza rotelle, spero di non scordarmelo” L’Italia resterà bloccata dopo il 3 aprile: l’allungamento dello stop è certo Coronavirus, a Brescia medici albanesi. Rama: “Siamo tutti italiani' | Sky TG24 Bicicletta, cosa si può fare e cosa no al tempo del coronavirus Coronavirus, Papa Francesco: “Sia per tutti noi domenica del pianto” | Sky TG24 Coronavirus, gli animali selvatici nella Milano deserta. FOTO | Sky TG24
Macron: “La Francia è al fianco dell’Italia. L’Europa smetta di essere egoista” La forza di nonna Lina, a 102 anni guarisce dal coronavirus e finisce sulla Cnn Tandem Israele-Cina per battere il coronavirus, un laboratorio consentirà di fare oltre 10mila test al giorno Coronavirus, ministro Provenzano: “Reddito di cittadinanza va esteso” | Sky TG24 Coronavirus, Renzi: Fabbriche e scuole riaprano. Calenda replica | Sky TG24 Coronabond, Sassoli a Sky Tg24: 'Serve strumento condivisione debito' | Sky TG24 La preghiera di Papa Francesco contro il Coronavirus | Sky TG24 Il virus uccide le bollicine di Bottega Coronavirus, accordo Juventus-calciatori: rinunciano a stipendio | Sky TG24 In Edicola sul Fatto Quotidiano del 29 Marzo: Arrivano più soldi: ecco come prenderli. Conte: “nuovi fondi per fare la spesa” - Il Fatto Quotidiano Il 3 aprile non si tornerà a scuola Mattarella, discorso alla nazione: viviamo pagina triste della storia, serve azione comune della Ue