Spettacoli, Film, Tv

Spettacoli, Film

I film da vedere stasera in tv, 10 febbraio - La Stampa

Prima serata Iris.

10/02/2020 12.21.00

Prima serata Iris.

Prima serata Iris. La rete Mediaset specializzata nel cinema propone alle 21 una pellicola di genere fantastico girata nel 1989 da Phil Alden Robinson, regista americano che si affidò all'allora divo sulla cresta dell'onda Kevin Costner per impersonare un contadino dello Iowa che un giorno 'sente una voce' che lo invita a costruire nel terreno vicino a casa un campo da baseball destinato a diventare luogo d'incontro tra campioni del passato. Nel cast si segnala inoltre Burt Lancaster. Canale 22. Paramount Network. In Alaska cade un aereo: sopravvivono otto operai di una raffineria per i quali comincia un lungo viaggio nella neve verso la salvezza: sul loro cammino branchi di lupi affamati. È la storia di 'The Grey', pellicola d'azione girata otto anni fa da Joe Carnahan, regista pupillo di Tom Cruise, con protagonista Liam Neeson e Dermot Mulroney e Frank Grillo fra gli interpreti. Il film caratterizza la prima serata della rete di proprietà americana visibile sul canale 27 del digitale terrestre. S'inizia alle 21,10. Cine34. Spicca nel palinsesto della nuova rete Mediaset incentrata sul cinema italiano un titolo da tempo assente dalla programmazione televisiva: 'Pasqualino settebellezze' di Lina Wertmuller, commedia grottesca risalente al 1975 interpretata da Giancarlo Giannini che ottenne all' epoca consensi di critica e pubblico ed è considerata uno dei momenti più alti della filmografia della regista. Al centro del racconto le vicissitudini di un bizzarro camorrista. S'inizia alle 21,10. Canale 34. Tv8. Prosegue sulla rete del gruppo Discovery il ciclo di film della saga di Rocky Balboa: in questo caso va in onda alle 21,30 'Rocky 5' con Sylvester Stallone mattatore affiancato comedi consueto da Talia Shire. Diretto nel 1990 da John Avildsen, vede Rocky cominciare ad allenare sul ring un giovane dal roseo futuro pugilistico.

Iris.La rete Mediaset specializzata nel cinema propone alle 21 una pellicola di genere fantastico girata nel 1989 da Phil Alden Robinson, regista americano che si affidò all'allora divo sulla cresta dell'onda Kevin Costner per impersonare un contadino dello Iowa che un giorno 'sente una voce" che lo invita a costruire nel terreno vicino a casa un campo da baseball destinato a diventare luogo d'incontro tra campioni del passato. Nel cast si segnala inoltre Burt Lancaster. Canale 22.

Hakimi verso il Chelsea, scelta la contropartita tecnica VIDEO. Lukaku commosso durante l'omaggio a Eriksen - Sky Sport Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio

Paramount Network. In Alaska cade un aereo: sopravvivono otto operai di una raffineria per i quali comincia un lungo viaggio nella neve verso la salvezza: sul loro cammino branchi di lupi affamati. È la storia di "The Grey", pellicola d'azione girata otto anni fa da Joe Carnahan, regista pupillo di Tom Cruise, con protagonista Liam Neeson e Dermot Mulroney e Frank Grillo fra gli interpreti. Il film caratterizza la prima serata della rete di proprietà americana visibile sul canale 27 del digitale terrestre. S'inizia alle 21,10.

Cine34. Spicca nel palinsesto della nuova rete Mediaset incentrata sul cinema italiano un titolo da tempo assente dalla programmazione televisiva: "Pasqualino settebellezze" di Lina Wertmuller, commedia grottesca risalente al 1975 interpretata da Giancarlo Giannini che ottenne all' epoca consensi di critica e pubblico ed è considerata uno dei momenti più alti della filmografia della regista. Al centro del racconto  le vicissitudini di un bizzarro camorrista. S'inizia alle 21,10. Canale 34. headtopics.com

Tv8. Prosegue sulla rete del gruppo Discovery il ciclo di film della saga di Rocky Balboa: in questo caso va in onda alle 21,30 "Rocky 5"  con Sylvester Stallone mattatore affiancato comedi consueto da Talia Shire. Diretto nel 1990 da John Avildsen, vede Rocky cominciare ad allenare sul ring un giovane dal roseo futuro pugilistico. 

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Fotorassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani di lunedì 10 Febbraio 2020Le prime in edicola oggi Vado a farmi un caffè arrivo! ECCOMI MAMMA RAI! 😵😵😵😵😵aiuto VICARETTI! Speriamo che non faccia sclerare

La moda maschile a Sanremo: un inno alla libertà - La StampaQuesto è stato un Sanremo con tante prime volte. E una di queste è l’avanzata dello stile maschile su quello femminile. Dimenticati gli anni in cui si aspettavano con ansia non solo le canzoni ma soprattutto gli abiti delle artiste in gara, delle vallette, delle presentatrici. Look che hanno fatto storia tanto da essere esposti, in questi giorni, in una mostra nella città dei fiori. Dall’abito con il pancione di Loredana Bertè, alla farfallina di Belen, ma anche il punk sdoganato in prima serata da Anna Oxa. O lo smoking nero nude look che l’anno scorso ha messo i riflettori su Paola Turci. Tempi passati. Perché con questa edizione 2020 le donne hanno preteso il passo avanti come è giusto che sia, ma sono rimaste un passo indietro nell’estetica. Le nonne direbbero che “era meglio prima”, ma i loro nipoti, almeno a dar retta agli ascolti, invece non sono dello stesso avviso. Se le donne pretendono di essere prese sul serio e in considerazione non solo per l’estetica, al contrario gli uomini pretendono di essere presi sul serio anche con estetiche non convenzionali, battendosi per il diritto alla vanità. E così ne abbiamo viste delle belle. Anzi, degli abiti meravigliosi a iniziare da quelli di Achille Lauro pensati dal genio di Gucci Alessandro Michele. La prima serata con il mantello sontuoso nero e oro e la tutina nude “francescana” ma pure l’abito alla David Bowie versione di Ziggy Stardust. E anche la Divina ed eccentrica Marchesa Casati, e il completo della finale ispirato da Elisabetta I Tudor, vergine sposa della patria, del popolo, dell’arte e difensore della libertà. Ma quasi tutti gli artisti in gara hanno portato sul palco un nuovo stile. E anche lo smoking non è stato più quello di una volta. A iniziare da quelli di Amadeus, disegnati da Gai Mattiolo, vistosi, con le paillettes, argentati, cangianti. Ma anche il tuxedo Valentino bianco e nero di Mika confezionato su misura dal direttore creativo della Maison Pierpaolo Piccioli. E quelli del vincitore, Dio Se adesso si chiama moda! Chanel e Christian Dior? Due dilettanti?

Basket A2, Marks trascina la Reale: battuta Rieti - La StampaLa Reale Mutua riparte e, dopo il ko di Napoli, batte Rieti 79-74 al pala Gianni Asti confermandosi in testa al girone Ovest della serie A2 di basket. Migliore in campo, il gialloblù Derrick Marks: 22 punti e 25 di valutazione. Torino parte subito forte (20-10), nonostante debba rinunciare momentaneamente a Diop: la difesa reatina non è granchè, l’attacco gialloblù ringrazia e al termine del primo quarto il divario è di 10 lunghezze (28-18). Vildera e Cannon cercano di tenere su Rieti, ma la Reale rimane davanti senza troppo patire (39-27): il terzo fallo di Pinkins non complica più di tanto i piani di coach Cavina, dall’altro lato sono Stefanelli e Pastore a dovere fare attenzione alle penalità. Le triple di Marks e Raffa chiudono il secondo periodo (46-37), con Torino in controllo. Non è una gran partita, a dirla tutta. E Rieti non riesce mai a rientrare davvero: quando Pinkins trova la prima (e unica) tripla della sua serata., la Reale allunga di nuovo fino al +13 (56-43) entrando poi negli ultimi dieci minuti con 11 punti di margine (62-51) grazie a un tap-in sulla sirena di Toscano. Pinkins abbandona la gara per raggiunto limite di falli sul 67-55 per la Reale: l’Energy Group reagisce, Cannon è il suo leader riconosciuto e il divario si riduce a soli 5 punti (67-62). Una tripla di Raffa avvicina ulteriormente gli ospiti (69-66) con meno di 4’ sul cronometro. C’è un arrivo in volata, allora: Marks dalla lunetta segna solo un libero (72-68), Cannon insiste (72-70) ma ancora Marks risponde (74-70). Ultimo minuto: ancora Marks spinge i suoi (76-70), Raffa accorcia ma è ancora il ragazzo di Chicago a chiudere i conti. TABELLINO REALE MUTUA: Cappelletti 7, Bushati 2, Marks 22, Alibegovic 12, Diop 9, Pinkins 4, Traini 2, Campani 13, Toscano 8, Cassar, Reggiani, Jakimovski. All. Cavina. ENERGY GROUP: Passera, Raffa 24, Nikolic 4, Cannon 26, Filoni, Stefanelli, Zucca, Fumagalli, Pastore, Vildera 20. All. Rossi.

Sei Nazioni, l’Italia sfida la Francia ma ormai è un “caso” - La StampaGli azzurri negli ultimi cinque anni non hanno vinto una sola partita. «Siamo scarsi», la sintesi della stampa inglese. «Il problema è che le alternative per sostituirci nel torneo sono peggio».

Achille Lauro porta sul palco di Sanremo la regina Elisabetta Tudor - La StampaPer l’ultima serata il cantante di “Me Ne Frego” si ispira ancora a un personaggio storico: la corona era l’ultimo dei quattro indizi che aveva nascosto sul web. Anche stavolta il look è curato da Gucci Poveretto...che svarione!!! I agree

Una notte degli Oscar tra i sensi di colpa e la battaglia studios-Netflix - La StampaLe statuette per «parasite» potrebbero essere il risultato dello scontro a Hollywood più che una vera rivoluzione.