Cinema, Francesco Boille

I fantasmi di Joker siamo noi

I fantasmi di Joker siamo noi. La recensione di Francesco Boille.

06/11/2019 17.01.00
Cinema, Francesco Boille, Joker, Todd Phillips, New York, Joaquin Phoenix, Psicopatologia, Martin Scorsese, Robert De Niro, Taxi Driver, Charlie Chaplin, Tempi Moderni, Alan Moore, V For Vendetta, Batman, Tim Burton, Jack Nicholson, Warren Buffett

I fantasmi di Joker siamo noi. La recensione di Francesco Boille .

Siamo in un mondo che sta per perdere le sue ultime batterie, le sue ultime energie. O forse le ha già terminate e non se n’è ancora reso conto. Leggi

06 novembre 2019 13:08“La lotta di classe esiste da vent’anni e la mia classe l’ha vinta”. La frase ormai celebre del ricchissimo banchiere statunitense Warren Buffett, una frase in realtà inserita in un contesto critico verso i privilegi della classe di appartenenza, suona oggi più che mai rivelatrice di questa vittoria, o presunta tale, e quindi incendiaria.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia» Primarie, il segretario del Pd Enrico Letta vota al Testaccio: 'Grande affluenza, popolo centrosinistra c'è' - Il Fatto Quotidiano

Perché in tutti questi anni nulla è successo per invertire la rotta sulla povertà crescente, anzi la situazione peggiora. E i risultati di questo immobilismo cominciano a sentirsi con le rivolte che si stanno verificando nei luoghi più disparati del pianeta, tra l’altro a ridosso dell’uscita del Leone d’oro veneziano,

Joker, il film di Todd Phillips che a sua volta sta facendo scorrere fiumi d’inchiostro. E la dichiarazione di Buffett torna in mente, come rovesciata, di fronte alle parole dal sapore reaganiano di Thomas Wayne, padre miliardario di Bruce Wayne, il futuro Batman: “Chi non ha mai prodotto nulla nella vita, chi è invidioso, sarà sempre visto come un clown”. headtopics.com

Abbiamo scritto di luoghi e immobilismo non a caso. Perché in fondo il luogo d’ambientazione del film è proprio questo immobilismo. Un luogo, o meglio un non luogo, per riprendere la formulazione un po’ abusata della saggistica di Marc Augé e poi estesa nel suo senso in vario modo.

Pura apparenzaSotto le mentite spoglie di Gotham City, la città di Batman, si nasconde una New York che a sua volta è pura apparenza. Una New York atemporale, o meglio sospesa in una curva temporale che potrebbe essere situata tra la metà degli anni settanta e l’inizio degli ottanta, pur essendo il film chiaramente ambientato nel 1981. Una sospensione che somiglia a una palude putrefatta, a un limbo allucinato e squallido.

Lo spettatore oscilla spesso tra un forte disagio e una fascinazione altrettanto forte alla visione diJoker. È raro, soprattutto in questo genere di film. Perché è un ritorno sui luoghi dal sapore triste, quasi come fosse quello di fantasmi, ma dove i fantasmi in fondo siamo noi.

Luoghi disadorni, avvolti in una forma-film che oscilla tra l’estetica dello squallore e l’incanto dell’estetica rétro, sorta di dolce e ipnotico cavallo di Troia che nasconde una realtà cruda, eternamente sia vecchia sia nuova. Un mondo rinchiuso nel riciclaggio del rétro e del vintage, evidente fin dall’inizio, fin dalla musica e i caratteri dei titoli, fin dalla scritta Warner Bros, particolarmente appariscente. Siamo come in un vecchio teatro. Dietro l’apparente rivisitazione dei luoghi, o meglio delle atmosfere di cui erano intrisi i luoghi di headtopics.com

Per non far sparire Forza Italia Berlusconi insiste col partito unico di centrodestra Euro 2020: Italia-Galles 1-0, azzurri primi nel girone A. LIVE Giustizia, l'attacco di Marta Cartabia: “Crisi di credibilità e fiducia, ci vorrebbero tanti Livatino”

Taxi Driver(1976) di Martin Scorsese. Con quella straordinaria forma onirica, quasi una bolla-sogno inarrivabile che conteneva l’alienazione sociale post-Vietnam, il regista non prova a competere, e non avrebbe senso.Specchio rovesciatoNondimeno il film impressiona per la forza visiva di tante inquadrature, alcune davvero maestose, come per esempio quando Joker (Joaquin Phoenix), deambula di notte sotto le arcate di un tunnel cittadino. Rivelando nel regista un vero senso dello spazio in un film che ci parla di uno spazio finito quanto la temporalità. Perché sono anche onnipresenti, quasi ossessive (inevitabili in un film psicotico), inquadrature oblique dall’ufficio dell’assistente sociale, o dal finestrino di un bus che corre nella città rivelando il volto di un Joker dallo sguardo ossessivo. Così come ricorrono cunicoli, corridoi, tunnel o vicoli filmati lateralmente, in sezione, oppure frontalmente. Tutti procedimenti di regia che sono altrettante proiezioni di un film-cervello, come tale labirintico ma (ri)stretto dall’ossessione.

Ma il mondo eternamente rétro in realtà è un mondo consunto, logoro. Come subito detto fin dalle prime battute dalla tv che parla di diecimila tonnellate di rifiuti che si accumulano nella città, dello stato d’emergenza dichiarato dalle autorità, del rischio di tifo. Una calamità che colpisce tutti indistintamente. Ma alcune classi di questo Titanic metropolitano, immobilizzato (temporaneamente) nel suo affondamento, lo sono molto di più. Se un’ascensore cade a pezzi e le sue lucette al neon lampeggiano facendo uno strano crepitio è perché tendono a saltare nel treno della metropolitana e in tutti i luoghi di servizio pubblico o nelle abitazioni private di chi è ai margini. Siamo in un mondo che sta per perdere le sue ultime batterie, le sue ultime energie. O forse le ha già terminate e non se n’è ancora reso conto. E torniamo al limbo, al non-luogo.

Le inquadrature casalinghe dell’inizio richiamano la stanza di un ospedale psichiatrico, e già anticipano la sua (pre)destinazioneIn questa New York della perenne decadenza si è avvolti nel passato, come nel vecchio show, anzi nello spettacolo di gran classe: vecchi musical in bianco e nero su una piccola tv preparano il terreno alla scena chiave nel lussuoso teatro dove si proietta

Tempi moderni, uno dei capolavori di Charlie Chaplin. Un luogo dorato, congelato nel tempo, che a tratti pare quasi il bar dell’hotel diShiningdi Stanley Kubrick, in grande. Un luogo di fantasmi della comicità del passato e di ricchi che sembrano i fantasmi di un futuro che hanno annullato, cancellato. I signori sono in smoking e ridono, si estraniano, mentre fuori del teatro infuria la protesta sociale. Estraniazione tanto più significativa quando si conosce storia e significato del film di Chaplin e che anche una rapida occhiata alla sua scheda su Wikipedia farà capire che headtopics.com

Joker, il film, ne è una sorta di specchio rovesciato.La meccanicità in cui è imprigionato Joker è la stessa di Charlot, dove la prigione mentale e quella sociale si confondono in un tutt’uno. La differenza, non piccola, conTempi moderni

sta nell’esistenza di una prospettiva di futuro, di speranza. Per Arthur Fleck/Joker è vero l’opposto. Le inquadrature casalinghe dell’inizio, mentre lui scrive, che richiamano la stanza di un ospedale psichiatrico, già anticipano la sua (pre)destinazione causata da un ambiente socioeconomico deterministico. Ogni azione ha qui un rapporto di causa-effetto, come in un laboratorio per cavie, che viene sovvertito.

Covid Napoli, festa in terrazza senza mascherina: 96 sanzioni Belgio, trovato il corpo di Jurgen Conings: il soldato della destra no vax minacciava attentati contro le autorità politiche e sanitarie - Il Fatto Quotidiano Covid, 17 morti in 24 ore: è il numero più basso dell’anno. I DATI

Joker, nei fumetti di Batman, è un’icona che ha, come fissata, immobilizzata e congelata per sempre, la risata. Una maschera che pare come una condanna agli inferi. Proprio come la risata forzata e incontenibile di Fleck. Quella fissità qui è colta mentre si trova ancora nel movimento, nel divenire. Joaquin Phoenix è perfetto, è dentro al film come al personaggio – le due cose si equivalgono –, ne è l’incarnazione. Grazie a quel suo corpo che appare rotto, storto come la sua psiche e la forma visiva del film.

La sua vita in realtà è una tragedia risibile perché è una commedia stancaUn corpo che, denudato, si rivela un po’ informe e scheletrico, come un clown o come un personaggio circense privato di magia, disadorno. Disadorno e solo. È nella solitudine quando balla davanti alla tv, come è solitario in mezzo alla folla quando la sua risata nervosa e incontrollata balena in un locale notturno all’ascolto del monologo di un comico piuttosto dozzinale e monocorde. Balla e mima sempre in solitario così come ride sempre quando non deve e non ride quando invece gli altri si divertono. “Tutti da piccolo dicevano che avrei dovuto fare il comico, ma oggi nessuno ride”, dice a un dato momento. “Ho sempre creduto che la mia vita fosse una tragedia e invece ora mi rendo conto che è una cazzo di commedia”, dirà in altro momento.

Commedia consunta per giunta, e che non fa ridere nessuno, anzi che nessuno vede. Sbatte la faccia contro la vetrata di un’uscita che scambia per un’entrata, gag tipica da cinema comico del muto. Dovrebbe far ridere ma nessuno ride, gira a vuoto, perché rimanda al tragico, allo squallore e alla realtà. La sua vita in realtà è una tragedia risibile perché è una commedia stanca.

Lo show è consunto, lo show è (un) falso (divertimento), lo show è finito. Il clown fallito lo invitano al talk show: ma è lo show che entra nella sua vita oppure è lui che fa entrare la sua (non) vita nello show? Non è un caso se non riesce a provare le battute per lo spettacolo. Siamo lontani dal Joker di Jack Nicholson, nel primo

Batmandi Tim Burton, che gioca o si prende gioco della pop art mutandosi egli stesso in un artista della pop art.Arthur Fleck gioca per la prima volta, brevemente, in ghingheri o abiti di scena, raggiante, mimando in solitario su una scalinata – stretta, lunga e ripida, metafora della scalata sociale, dove lo vediamo innumerevoli volte, mai però in cima –, quello che avrebbe potuto e voluto essere: un artista di successo acclamato dal pubblico. Mentre intanto il virus sociale si diffonde. Come si era propagato irreversibilmente il virus delle maschere anonime dell’anarchia in

V for Vendetta– il film un po’ giocattolo ma intelligente tratto dal capolavoro a fumetti, raffinato ed espressionista, dell’anarcosocialista Alan Moore –, ora si propagano quelle altrettanto anonime del clown psicotico specchio della società che lo ha prodotto, anzi creato.

Riso congelatoUno specchio della sua volgarità egoistica, del suo cinismo, che se è logora, consunta, spiega perché Joker dica “ho ucciso perché siete orrendi”. Siamo orrendi perché svuotati di ogni autenticità. Gli uomini come gli show. “Se morivo io mi camminavate sopra sul marciapiede, vi passo accanto tutti i giorni e nemmeno mi vedete” dice Fleck, la macchietta. “Tu sei orrendo volevi solo prenderti gioco di me”, dice ancora prima di sparare al presentatore dello show tv interpretato non a caso da Robert De Niro che, in questo film costruito su specchi e rovesciamenti, interpreta la sponda opposta del disadattato ossessivo di

Taxi driver. Non ha quindi senso la critica rivolta al film di essere figlio del trumpismo, così come il De Niro del film di Scorsese non incensava i psicopatici, e chi lo fa confonde la realtà con la rappresentazione poiché anche questa, per quanto disadorna e spogliata degli orpelli, è una rappresentazione, una messa in scena.

Gran guignol dal riso congelato, ma grezzo, disgustato, ilJokerdi Phillips è l’esatto opposto dello smile asettico, del suo finto ottimismo onnipresente sui social, sui nostri cellulari.pubblicitàAl momento della sua liberazione da parte della folla, per l’unica volta in pubblico esibisce il suo sorriso forzato e il suo stesso sangue diviene l’ultimo trucco, il suo ultimo (auto)sberleffo. E il suo momento magico, di apoteosi illusoria. Perché è inutile raccontare ancora la barzelletta, come dirà poi nel reparto psichiatrico. Anche la barzelletta è stanca, perché non ha più senso. Balla sulle proprie orme di sangue un’ultima volta in solitario. Ultima rappresentazione spuria, disadorna del (cinema) già visto. Tuttavia in quella sequenza c’è solennità. Lo spettacolo ora è davvero finito. Se la sua psicopatologia solitaria si dissolve nella moltitudine della rivolta forse è quella di noi tutti. La psicopatologia come la rivolta.

CinemaSostieni il giornalismo indipendente Leggi di più: Internazionale »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Ex Ilva, sindacati pronti allo sciopero: ''Siamo stanchi, non si gioca sulla pelle dei lavoratori'Il giorno dopo l'annuncio di ArcelorMittal di volersi disimpegnare dallo stabilimento dell'ex Ilva di Taranto, Fim, Fiom e Uil hanno organizzato... Cioè dopo 50/ 60ANNI. e migliaiaiaiaia di morti. E migliaiaiaia di bambini e adulti malati, terra, aria, e acqua avvelenata, animali morti Si sono stancati MAAAADAIIII CHE FRETTOLOSI

Balotelli, Toscani: 'Siamo dipendenti da ignoranza e volgarità. L'esempio più patetico è Salvini, votato dalla maggioranza dei cog***oni' - Il Fatto Quotidiano“Non è questione di veneti. I cretini ci sono dappertutto. Il problema è che abbiamo la dipendenza dall’ignoranza. Eravamo un Paese che avevamo una dignità, ormai la volgarità è galoppante. Siamo un Paese di tatuati con gli anelli al naso. Camminate per strada e ve ne renderete conto. E Salvini è l’esempio più patetico di … Mi sta sugli zebedei Toscani, ma questa volta appoggio in pieno la sua dichiarazione. toscani è il cavallo di troia della lega ah ah ah un genio. 👏👏👏🍾

Voto in Spagna, lo tsunami degli anarchici che blocca BarcellonaTra le tende la regola è niente sesso nè alcol: «Disciplina». «Non siamo ideologici, ma lo spagnolo per noi è straniero» Se sono anarchici, perché lo spagnolo è straniero?

Ex Ilva, Renzi: 'Ho idee diverse da M5s. Pronto a votare scudo penale domani mattina, ma non è causa del recesso' - Il Fatto Quotidiano“Nessuno di noi fa nascere cordate, ma se si arrivasse al recesso, se salta l’impegno di Mittal, ci va il secondo arrivato” nella gara, ovvero Jindal. Lo ha detto Matteo Renzi a margine della presentazione del libro di Serena Sileoni “Noi e lo Stato. Siamo ancora sudditi?”. “Siamo pronti a votare domattina la norma sullo … Verme viscido Ma fatti una pisciata controvento 😂😂 È ti pareva che non arrivasse il terzo distinguo della giornata. Stamattina la cordata, a pranzo l'emendamento, a cena analisi personalizzata della cazzata che ha votato. È non è ancora mezzanotte.

Trump, 11 mila tweet in (quasi) due anni: attacchi e autoelogi per un pubblico universaleNei suoi messaggi quotidiani il presidente spesso attacca gli altri o si autoelogia. La consigliera: ne ha bisogno quanto noi di mangiare

“Basta assistenti parlamentari in carcere” - Il Fatto QuotidianoGiuseppina Occhionero è stata eletta con Liberi e Uguali (LeU), il raggruppamento dell’ex procuratore Pietro Grasso. Poi nell’ottobre scorso è passata nelle file renziane di Italia Viva. Come collaboratore aveva scelto Antonino Nicosia, fermato ieri con l’accusa di associazione mafiosa. Il decreto di fermo è stato firmato dal procuratore aggiunto Paolo Guido, il magistrato che … PacelliValeria Era ora marcotravaglio PacelliValeria Certo quelli di Leu non possono essere sospettati mai di nulla! Hanno un dipendente mafioso, e naturalmente possono non sapere! Quando Berlusconi aveva uno stalliere mafioso, invece per questi pdm, lui doveva sapere, non poteva ignorare! Lui non era mica di sinistra! PacelliValeria Guarda caso un esponente radicale faceva da postino ai mafiosi e nessuno dei suoi amici e compagni ne sapeva niente. Come del resto in tutte le altre indagini per esempio Bibbiano. Tutti come le tre scimmiette.