Edmondo De Amicis, Libro, Collana

Edmondo De Amicis, Libro

I Classici di una vita in edicola con il Corriere. Si comincia con Cuore di Edmondo De Amicis

La collana da mercoledì 25 marzo

24/03/2020 23.17.00

La lezione eterna di «Cuore» inaugura «I classici di una vita». La collana con il «Co...

La collana da mercoledì 25 marzo

shadowStampaEmail«Educate l’infanzia… educate l’infanzia e la gioventù… governate con la libertà». Così Edmondo De Amicis, inCuore, fa parlare Cavour in preda al delirio della morte. Può sembrare un paradosso, ma non compare molto spesso la parola «educare», con i suoi derivati e i suoi sinonimi, nel bestseller scolastico per eccellenza. Può sembrare un paradosso, per un libro programmaticamente pensato dal suo autore e dal suo editore per educare i bambini facendo piangere o per far piangere educando. Un altro paradosso vuole che il libro delle lacrime si sia rovesciato col tempo in un libro tutto da ridere, grazie al famoso

Coronavirus, Sardegna verso il lockdown: attesa ordinanza della Regione - Tgcom24 Mancini, il Covid e il post che fa discutere: «Come ho preso il virus? Guardando i tg...» Ronaldo ancora positivo al Covid-19

Elogio di Franti, che Umberto Eco scrisse nel 1962. Si trattava di una lucida (e giocosa) vendetta: la vendetta di un’intera generazione che, come tante precedenti, aveva subìto l’imperio ricattatorio di quel racconto lacrimevole impostato su modelli militareschi, che Arbasino rubricò sotto la voce «sanguinaccio speziato e dolcissimo» e inserì nel solco del patetismo ottocentesco che lo stesso scrittore di Voghera considerava degno del Marchese de Sade.

Fatto sta che, debitamente contestualizzate, ancora oggi vanno ben riconosciute le ragioni dei detrattori nei confronti di quel paternalismo autoritario, di quel socialismo sentimentale che escludeva a priori ogni permeabilità tra i ceti sociali, sicché Nelli e Crossi sono destinati a rimanere poveracci, così come resta immutato lo status dell’aristocratico Nobis e del nobile Votini, né al malvagio Franti o al misero Muratorino si aprono panorami di speranza o di riscatto. Pur tuttavia, non è difficile, trascorso il necessario gusto parodistico e satirico della generazione neoavanguardistica, aderire a letture più morbide come quella che Domenico Starnone, nel 1993, consegnò all’introduzione del tascabile Feltrinelli. Il quale Starnone scrive a proposito del terribile Franti: «Tutti i valori di

Cuoresi sono spezzati in quel figlio irrispettoso, e si badi che non sono valori solo risibili: molti — tipo la reverenza per “la vecchiaia, la miseria, l’amor materno, l’infermità, la fatica, la morte” — sono tutti da sottoscrivere, anche quando vanno in scena al modo dell’ingegner Bottini».

Il primo volume della collana è «Cuore» di Edmondo De Amicis, in edicola dal 25 marzo a euro 6,90 più il prezzo del quotidianoL’ingegner Bottini è il padre del protagonista, Enrico, estensore del diario in cui il genitore si inserisce commentando e correggendo e rimproverando

: presenza prevaricante e francamente intrusiva. Eppure è a lui che si devono alcuni precetti non disprezzabili per la vita civile, anche se alla generazione di Eco e di Arbasino potevano apparire ridondanti e retorici, ma che oggi risultano tutt’altro che «risibili». Un esempio: «Rispetta la strada. L’educazione d’un popolo si giudica innanzi tutto dal contegno ch’egli tien per la strada. Dove troverai la villania per le strade, troverai la villania nelle case. E studiale, le strade, studia la città dove vivi…». Al netto di quel che segue (la «piccola patria» che «è stata una madre per te» eccetera…), si tratta di avvertenze sul vivere comunitario di cui oggi bisognerebbe fare tesoro. Non per nulla il libro

Cuorenon dispiacque al filologo Giorgio Pasquali che non esitò a elogiarlo come «il più laico» tra tutti i libri italiani di educazione: in esso, osservò Pasquali, «i ricchi, i signori si degnano di mandare i loro figli alle scuole pubbliche, li sgridano e svergognano quando essi si mostrano arroganti verso i compagni poveri, cioè inferiori». È pur vero che tra gli «inferiori» c’è Franti, quello che oggi definiremmo un «bullo» insopportabile e violento, destinato a essere espulso dalla scuola deamicisiana. Che ne faremmo oggi di un tale «perturbatore»? Andrebbe ad accrescere il conto della dispersione scolastica. Richiederebbe un’altra scuola che ancora, oltre un secolo dopo, non c’è. O di un mondo diverso che ancora non c’è. Sono i problemi irrisolti che ancora oggi ci pongono le pagine di

Covid, l’allarme di Galli: «Stiamo per avere la battaglia di Milano che temevo a marzo» Salvini: «Dai media terrorismo sulla corsa agli ospedali, non ci sono solo i malati di Covid» Grecia, Corte penale ordina la carcerazione del leader di Alba Dorata Nikos Michaloliakos: nei giorni scorsi è stato condannato a 13 anni - Il Fatto Quotidiano

Cuore.Johnny Dorelli interpreta il maestro Perboni nella miniserie televisiva «Cuore» (1984) diretta da Luigi Comencini (foto Ansa)Pubblicato nel 1886 da Treves dopo un lungo periodo di elaborazione,Cuoreottenne un successo straordinario, varcando subito i confini nazionali.

Per quasi un secolo è stato il libro più letto dai bambini italiani e non solo. Uno scrittore raffinato come l’israeliano Abraham Yehoshua ha ricordato, qualche anno fa in un’intervista, il suo debito sentimentale e letterario verso il libro di De Amicis: «Mia madre voleva che io diventassi avvocato, e anch’io pensavo fosse una buona idea... Mio padre invece mi leggeva tutte le sere i racconti di

Cuore. Sono storie che narrano di emozioni pure e sentimentali. E più leggeva e più io piangevo. Mia madre gli chiedeva: “Perché continui a farlo piangere?”, senza ottenere risposta.Ecco qual è il potere meraviglioso della letteratura

: una pagina di un libro riesce a commuoverci, a farci piangere o a farci ridere. Sono state le letture che mi faceva mio padre ad avvicinarmi alla letteratura». Non è male per un capolavoro della paraletteratura e dei buoni sentimenti.Il diario di un anno scolastico amato anche da cinema e tv

È in edicola da mercoledì 25 marzo con il «Corriere della Sera»Cuoredi Edmondo De Amicis, il primo titolo della nuova collana «I classici di una vita». La serie raccoglie venti tra le più grandi opere della letteratura mondiale, tutte provenienti dal catalogo Oscar Mondadori. L’uscita che inaugura la biblioteca è in vendita a

e6,90 in aggiunta al costo del quotidiano, come i volumi successivi, tutti proposti a cadenza settimanale (nel piano dell’opera di questa pagina sono raccolti i primi dieci titoli). La collana è realizzata con la partecipazione di Intesa Sanpaolo.

Coronavirus, Conte alla Camera: 'Per le scuole superiori previsti ingressi scaglionati e turni pomeridiani, ministra Azzolina vigilerà' - Il Fatto Quotidiano L’ex Ceo di Google (e Youtube): “I social sono degli amplificatori per idioti” Whirlpool conferma: «Il 31 ottobre a Napoli stop alla produzione». Provenzano: «Grave». Fiom: «Sarà scontro sociale, intervenga Conte»

Cuore, uscito il 15 ottobre 1886, è scritto nella forma di un diario tenuto da un ragazzo di terza elementare, Enrico Bottini, che racconta l’anno scolastico 1881-1882, dal 17 ottobre al 10 luglio. L’opera ha avuto numerosi adattamenti omonimi per il cinema e la televisione. Tra questi: il film diretto da Duilio Coletti nel 1948, prima riduzione integrale del romanzo; la pellicola di Romano Scavolini del 1973, che presenta 4 dei 9 «racconti mensili» di cui è composto il libro; lo sceneggiato televisivo prodotto dalla Rai e diretto da Luigi Comencini nel 1984. Edmondo De Amicis (1846-1908) fu anche giornalista: diresse il periodico «L’Italia militare» e collaborò con il quotidiano «La Nazione» di Firenze, per il quale raccontò in particolare la presa di Roma del 1870. Dopo un viaggio in Argentina pubblicò il romanzo

Sull’Oceano(1889), nel quale viene affrontato il tema dell’emigrazione italiana alla fine dell’Ottocento. Tra le prossime uscite della collana:Il grande Gatsby(1° aprile) di Francis Scott Fitzgerald;I promessi sposi(8 aprile) di Alessandro Manzoni;

Delitto e castigo(15 aprile) di Fëdor Dostoevskij;Ventimila leghe sotto i mari(22 aprile) di Jules Verne.24 marzo 2020 (modifica il 24 marzo 2020 | 19:45) Leggi di più: Corriere della Sera »

Roma, “Staffetta Diritti” per sesto Memorial di Stefano Cucchi. VIDEO

Leggi su Sky TG24 l'articolo Roma, “Staffetta Diritti” per sesto Memorial di Stefano Cucchi. VIDEO

I Classici di una vita in edicola con il Corriere. Si comincia con Cuore di De AmicisDa leggere o rileggere, i classici sanno sempre sorprendere

Coronavirus: contagiati 4824 operatori, il doppio che in Cina. Prima vittima in BasilicataDopo il lieve calo dei contagi e delle vittime di ieri, si apre una settimana decisiva per capire se il trend di crescita dell'epidemia si è Solo le barriere impediscono da contatto e quindi da infezione dei patogeni. Ci siamo infettati quando ci passarono info di blanda forma simil'influenzale. La stupidità e ignoranza ha fatto si che il 10% degli operatori sanitari si sia infettato.

Il gruppo Celli rileva l’azienda inglese T&J Installations Ltd ma teme il blocco della produzione per l’emergenza coronavirusIl gruppo che produce a Rimini impianti per la spillatura di birra e bevande già presente in Gran Bretagna con tre fabbriche si rafforza nell'assistenza tecnica con soluzioni Iot

Quando gli uomini si truccano - VanityFair.itNon solo Achille Lauro e Boss Doms, oggi sempre più ragazzi decidono di sperimentare forme di make-up anche nella vita di tutti i giorni e le icone del trucco si moltiplicano

Il senso della fiduciaIl commento di Luciano Violante sul Corriere del 23 marzo 2020

Un canale Rai per arte e culturaIl corsivo di Ernesto Galli della Loggia sul Corriere del 24 marzo 2020