Hong Kong, Rivolta

Hong Kong, Rivolta

Hong Kong, la città è divisa. Ma almeno 200 studenti resistono

Hong Kong, la città è divisa. Ma almeno 200 studenti resistono

15/11/2019 22.25.00

Hong Kong , la città è divisa. Ma almeno 200 studenti resistono

Nell’ateneo sono rimasti soltanto 200 contestatori, forse a guardia dell’armeria. Dal Brasile il monito di Xi: fermare la violenza è urgente

EmailHONG KONG Qual è la vera Hong Kong in un venerdì sera di metà novembre ancora tiepido e con una luna piena quasi rossa? Quella dei bar e dei ristoranti affollati di gente elegante nel quartiere di Sheung Wan, vicino al distretto finanziario? O quella dall’altra parte della baia, sulla terra ferma di Kowloon dove nella notte gli scontri, le barricate e i roghi hanno spazzato via l’illusione di una tregua? Quella delle file ordinate in attesa degli autobus o quella della Chinese University trasformata in un fortino dagli studenti armati di archi e frecce, di giavellotti presi dal campo sportivo per bersagliare la polizia? La città è tutto questo ed è sempre più divisa e inconsapevole del futuro.

Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Astrazeneca, Crisanti a La7: 'La verità è che hanno vaccinato i giovani per smaltire dosi inutilizzate e per immunità di gregge' - Il Fatto Quotidiano

Si sono divisi, forse solo per il fine settimana, anche i ragazzi arroccati nella Chinese University, perché la maggior parte di quel nucleo di mille che ha dato battaglia per gli ultimi quattro giorni, asserragliandosi nel campus e bloccando con una pioggia di mattoni e bottiglie incendiarie la superstrada che scorre sotto, ieri pomeriggio si è ritirata. Si sono tolti maglie e calzamaglie nere, le maschere e i guanti, si sono rimessi i vestiti leggeri dei loro vent’anni e sono scesi dal fortino, raccolti da un corteo di auto guidate da amici, sostenitori della protesta, genitori ansiosi di riaverli a casa. Dentro sono rimasti in duecento, pare, a guardia dell’armeria: le scorte di molotov, gli archi e le frecce razziati dal campo sportivo, i mattoni accumulati per continuare la guerriglia. Qualcuno di questi più duri tra i duri ha confidato la propria frustrazione: «Dormivo quando c’è stata un’assemblea, lì hanno deciso di ritirarsi e ora che siamo rimasti in pochi la polizia potrebbe attaccarci».

Pare ci sia stato un tentativo di negoziato: esponenti governativi hanno promesso che nonostante il clima di lotta continua non saranno annullate le elezioni per i consigli di quartiere previste tra una settimana, i ragazzi hanno lasciato la Chinese University e liberato la superstrada. Ma se mezza intesa c’è stata, è durata poco: gli irriducibili nella notte hanno bloccato di nuovo la grande strada. Non si può prevedere che cosa succederà nelle prossime ore. La polizia ha ammonito che «la società è sul punto di rottura», l’economia ieri è stata dichiarata ufficialmente in recessione dopo essersi contratta del 3,2%, solo Alibaba ha cercato di fare il cavaliere bianco lanciando una Ipo da 13 miliardi di dollari alla Borsa di Hong Kong e vedendo «un futuro luminoso per la città». headtopics.com

Dal Brasile dov’è in missione Xi Jinpingha lanciato un altro avvertimento: fermare la violenza è urgente, punire i colpevoli è un obbligo. Dev’essere anche un’umiliazione, per il presidente cinese, dover parlare dall’estero della crisi interna: significa che la sua pazienza è davvero alla fine. La stampa di Pechino ha scritto che «I tumulti di Hong Kong sono entrati nella follia finale».

Merita di essere letta e analizzatala cronaca delGlobal Times, quotidiano comunista che spesso anticipa le decisioni del Partito. Il giornale sostiene che i manifestanti sono impazziti, affascinati dalla loro violenza. E che però la rivolta è alla fase finale, perché «i numeri dei dimostranti sono scesi, caleranno ancora, ma i ribelli rimasti in strada diventeranno ancora più violenti». Il «consiglio», che potrebbe rispecchiare la linea di Pechino è di «non cedere, usare tutte le misure previste per spegnere la rivolta».

Però, folle è stata per prima la governatricedi Hong Kong (con i suoi padrini di Pechino) che ha sottovalutato e disprezzato la protesta pacifica di giugno di un milione, poi di due milioni di persone. La governatrice Carrie Lam non li ha voluti ascoltare, pensando di spaventarli con i lacrimogeni della polizia e dai cortei si sono staccati i più giovani, che hanno usato la guerriglia per farsi ascoltare. Ora non si vedono vie di sbocco, non ci sono proposte politiche. La polizia ha cominciato anche a sparare a bruciapelo su ragazzi disarmati; un uomo «filo-cinese» è stato incendiato mentre litigava con «hongkonghesi», un anziano netturbino è morto giovedì, colpito alla testa da un mattone. Incita alla repressione la stampa di Pechino. Sempre il

Global Timesin un editoriale ha descritto così la scena del ferimento di un manifestante lunedì: «Un poliziotto, che fronteggiava diversi ribelli, ne ha afferrato uno con la mano sinistra, ha impugnato la pistola con la destra e ha sparato per difendersi da un altro aggressore». È una narrativa da Far West in salsa mandarina. headtopics.com

In Gran Bretagna metà dei no-vax si è convertita al vaccino Pescatore: 'Inghiottito da una balena. Ho pensato che sarei morto' 'La prof ha dato dello scimpanzé a mio figlio. Altri casi, ma la preside non ha mai fatto nulla'

Però, in questa città che in alcuni quartierinei Nuovi Territori è divisa come Beirut tra cinesi e hongkonghesi, prevalgono ancora scene di civiltà disarmante. I colletti bianchi sfruttano la pausa pranzo per scendere in strada a Central e protestare pacificamente e poi alle sei di sera si incolonnano alle fermate degli autobus a migliaia, rispettando una fila ordinatissima.

15 novembre 2019 (modifica il 15 novembre 2019 | 19:33) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Hong Kong, video manifestanti bruciano la bandiera cinese | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Hong Kong , video manifestanti bruciano la bandiera cinese | Sky TG24 Immagino che anche questi siano provocatori infiltrati

Hong Kong, ancora proteste: muore 70enne colpito da un mattone | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Hong Kong , ancora proteste: muore 70enne colpito da un mattone | Sky TG24

Aifa, dirigenti indagati: danno al sistema sanitario da 200 milioniSecondo la Corte dei Conti alcuni membri dell’Agenzia del farmaco avrebbero limitato la prescrivibilità di farmaci più economici per le malattie oculari. Nel mirino i rapporti tra Novartis e Roche

Hong Kong, video manifestanti bruciano la bandiera cinese | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Hong Kong , video manifestanti bruciano la bandiera cinese | Sky TG24 Immagino che anche questi siano provocatori infiltrati

Mamma scioglie farmaci nel biberon e tenta di uccidere il figlio di 15 mesiScioglie i farmaci nel biberon e tenta di uccidere il figlio di 15 mesi Queste notizie ti lasciano senza aria. Com’è possibile? Ma che schifo GrammarNaziIT vi prego vi prego vi prego leggere la seconda metà di questo 'articolo'!

Venezia mostra che l’Italia è nel bel mezzo di una crisi climaticaL’acqua alta che ha sommerso la città è un sintomo emblematico di quanto la crisi climatica stia incidendo sulla fisionomia dell’Italia. Leggi ...vabbè A tal proposito interessantissimo anche il punto di vista di Arrigo Cirpiani a l'Ariachetira, ancora una volta testimone della forza e voglia di fare dell'imprenditoria sana di tanti imprenditori! E non solo climatica...