Esteri%2Creali

Esteri%2Creali

Harry e Meghan rinunciano allo status di reali - La Stampa

Harry e Meghan rinunciano allo status di reali

08/01/2020 22.08.00

Harry e Meghan rinunciano allo status di reali

Divideranno il loro tempo «fra il Regno Unito e il Nord America». La decisione è stata ufficialmente approvata dalla Regina

20:01LONDRA. Harry e Meghan hanno deciso di rinunciare al loro "ruolo senior" di membri della famiglia reale britannica per avere maggiore "autonomia finanziaria" nelle loro attività pubbliche e di beneficenza.Harry e Meghan dopo aver saltato le feste con la Regina svelano su Instagram il loro 2019 mai visto prima

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi Morto Paolo Armando, partecipò a Masterchef: lo chiamavano «tigre» I lavoratori del magazzino Lidl: 'Non ci sono orari, siamo pagati quanto vogliono loro e ricattati per gli straordinari. Li prende solo chi non fa storie' - Il Fatto Quotidiano

Lo rende noto Buckingham Palace confermando le anticipazioni del Sun anche sull'intenzione dei duchi di Sussex di dividere nel prossimo futuro il loro tempo "fra il Regno Unito e il Nord America". La decisione è stata ufficialmente approvata dalla regina. 

Remembrance Day, Meghan e Kate in due balconi separati: ecco perché©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...." headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Meglio così ! Meno pettegolezzi. La famiglia di William e Kate riempirà abbondantemente gli spazi vuoti !👍🏻😉 Rinunciano anche ai feudi e tutto quello in esso contenuto? Brexit! 😱 Se lo cedessero a me, sarei felicissima. 💏 rinuncia anche ai soldi di Nonna? unfollow per questa roba

“La guerra è finita”, la serie con Riondino e Ragonese nel segno della memoria - La Stampa“La guerra è finita”, la serie con Riondino e Ragonese nel segno della memoria

Shoah: come non perdere la Memoria vivendo nel Secolo istantaneo - La StampaDalle pietre di inciampo alla lettura dei nomi delle vittime organizzata ogni anno dal consolato italiano a New York.

La nuova elettorale e il profumo di un ritorno al 1946 - La StampaIl 2020 inizia con i soliti fermenti politici. Nuovi partiti, cambi di casacca e soprattutto trattative per una nuova legge elettorale, per sostituire l’attuale “Rosatellum”, che non piace a nessuno. Ora pare che ci sia un accordo Di Maio – Zingaretti per una legge proporzionale con soglia di sbarramento. La legge elettorale è da sempre il crocevia della nostra forma di governo. Perché non è semplicemente il modo per trasformare i voti in seggi. Visto che i diversi modelli elettorali possono incidere in maniera decisiva sulla formazione delle Camere: come tutti ricordiamo, nel 2006 la coalizione di Romano Prodi prese meno voti di quella guidata da Silvio Berlusconi, eppure ebbe più seggi in Parlamento, grazie al premio di maggioranza del c.d. Porcellum. In queste settimane, dopo le spinte del centro destra verso un sistema tutto maggioritario, ora sembra che si converga sul maggioritario. Siamo tornati al 1946? Anche dopo la caduta del fascismo, dovendo votare la Assemblea costituente prima ancora che le nuove camere ci fu un acceso dibattito sula legge elettorale che doveva sostituire la legge Acerbo. Anche lì si confrontavano partiti molto diversi che avevano molto timore di non prevalere. Democristiani, comunisti, socialisti, liberali e finanche i monarchici alla fine convennero sulla tipologia di legge che poteva garantire a tutti il numero di seggi il più possibile corrispondente al numero dei voti ottenuti da ciascuna formazione politica. Cioè il proporzionale semplice. Così si arrivo al decreto legislativo luogotenenziale 10 marzo 1946 n 74 che scelse la legge elettorale per la assemblea costituente. E venne confermato anche per le elezioni politiche del 1948. In fondo con il proporzionale semplice non si garantisce la governabilità , ma si assicura la più fedele rappresentanza delle forze in campo. E in questa fase di tre (o forse quattro) poli in campo, con grande fluidità di elettorato, forse siamo in una situazione molto simile a quella del 1946. Allora è

Un bambino senzatetto dorme abbracciato al suo cane, la foto simbolo di un’amicizia speciale - La StampaUn bambino abbraccia il suo cane. Dorme sereno. I due si stringono stretti. La scena è molto dolce. Ma quel bambino e il suo amico a quattrozampe non sono coricati in un morbido letto. Al caldo della loro cameretta. No, i due sono per strada. Lui è un ragazzino senzatetto ... Il senso morale di una società si misura su ciò che fa per i suoi bambini. Dietrich Bonhoeffer fulviocerutti Io leggo il rovescio della medaglia, ed è tutt'altro che esaltante rispetto alla vs. lettura :-( fulviocerutti Questo è ciò che facciamo agli ultimi, in questi anni.

La Nike fa (più) ricco il Liverpool: nuovo sponsor tecnico da 35 milioni all’anno - La StampaDal primo giugno il “baffo” prenderà il posto della New Balance. Ai Reds anche bonus e il 20% dei ricavi.

In Giappone mandato d’arresto per la moglie dell’ex ceo di Renault-Nissan - La StampaCarole Ghosn si era battuta con veemenza per la liberazione del marito.