Torino

Guasto al parcheggio, caos e code all’aeroporto di Caselle - La Stampa

Parcheggio per 10 minuti gra.

28/12/2019 14.07.00
Torino

Parcheggio per 10 minuti gra.

CASELLE (TORINO) E' bastata la sbarra del parcheggio «By&Fly» che non si alzava, per creare questa mattina il caos, in aeroporto a Caselle. Parcheggio per 10 minuti gratuito, ossia il tempo di scaricare parenti e amici in partenza, ma che passato quel tempo, fa scattare la tariffa piena, ossia 4,50 euro. E, così quella sbarra che non si alzava ha creato una coda inenarrabile e costretto chi se ne sarebbe andato dopo i canonici dieci minuti a pagare quel salatissimo ticket, creando un ingorgo gigantesco sulla rampa che porta alle Partenze con, da una parte chi era in coda per entrare, scaricare e andarsene e chi invece voleva parcheggiare nel multipiano e partire. E, con una sola corsia transitabile (l'altra è per i mezzi di servizio e la polizia, pena multe salatissime e l'occhio vigile della telecamera) il caos è stato inevitabile. «Sono entrato nel parcheggio - racconta Antonello Conte - ho scaricato i miei parenti in partenza per Madrid, in pochi minuti, ma per andarmene ci ho messo 35 minuti fra gente imbufalita che urlava 'vergogna', chiusi in quell'area senza poter rispettare la consegna dei dieci minuti e persone in coda sulla rampa che rischiavano di perdere il volo. Senza contare che io, come altri, per riuscire ad uscire abbiamo pure dovuto pagare i 4 euro e 50 centesimi».

12:12CASELLE (TORINO) E' bastata la sbarra del parcheggio «By&Fly» che non si alzava, per creare questa mattina il caos, in aeroporto a Caselle. Parcheggio per 10 minuti gratuito, ossia il tempo di scaricare parenti e amici in partenza, ma che passato quel tempo, fa scattare la tariffa piena, ossia 4,50 euro. E, così quella sbarra che non si alzava ha creato una coda inenarrabile e costretto chi se ne sarebbe andato dopo i canonici dieci minuti a pagare quel salatissimo ticket, creando un ingorgo gigantesco sulla rampa che porta alle Partenze con, da una parte chi era in coda per entrare, scaricare e andarsene e  chi invece voleva parcheggiare nel multipiano e partire. E, con una sola corsia transitabile (l'altra è per i mezzi di servizio e la polizia,  pena multe salatissime e l'occhio vigile della telecamera) il caos è stato inevitabile.

Omicidio Desireé: tutti condannati, due all'ergastolo - Cronaca 'Certi amori non finiscono', Zeman torna a Foggia - Calcio Roma, autobus in fiamme sulla Portuense, nessun ferito

«Sono entrato nel parcheggio - racconta Antonello Conte - ho scaricato i miei parenti in partenza per Madrid, in pochi minuti, ma per andarmene ci ho messo 35 minuti fra gente imbufalita che urlava "vergogna", chiusi in quell'area senza poter rispettare la consegna dei dieci minuti e persone in coda sulla rampa che rischiavano di perdere il volo. Senza contare che io, come altri, per riuscire ad uscire abbiamo pure dovuto pagare i 4 euro e 50 centesimi».

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...." headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Eh? 10 minuti gra.

Caselle, la solidarietà riparte da una tazza fumante - La StampaTORINO. «Dopo amare il verbo aiutare è il più bello del mondo». E’ lo slogan che ieri sera, 26 dicembre, ha animato un gruppo di casellesi che con l’associazione AMMP, «Maria Madre della Provvidenza onlus» ha distribuito per le vie centrali di Torino bevande calde, cuscini e coperte a chi ...

Rubano lo scooter carrozzina al nonno disabile: sospetti su una banda di ragazzini - La StampaIl figlio dell’82enne lancia un appello: “Mio papà si muove soltanto con quel mezzo, restituitecelo”.

La Bce rivede al ribasso la crescita del Pil dell’Eurozona nel 2020: +1,1% - La StampaROMA. Per il terzo trimestre del 2019 la crescita del Pil dell'area dell'euro in termini reali si è confermata allo 0,2% sul periodo precedente - fa notare la Bce - invariata rispetto al secondo trimestre. «La perdurante debolezza del commercio internazionale in un contesto di persistenti incertezze a livello mondiale continua a pesare sul settore manifatturiero dell'area dell'euro e frena la crescita degli investimenti. Allo stesso tempo, i dati economici più recenti e gli ultimi risultati delle indagini congiunturali, pur rimanendo nel complesso modesti, indicano una certa stabilizzazione del rallentamento economico nell'area». I servizi e le costruzioni mostrano capacità di tenuta, malgrado qualche moderazione nella seconda metà del 2019. In prospettiva, la crescita dell'area dell'euro continuerà a essere sostenuta da condizioni di finanziamento favorevoli, dall'ulteriore aumento dell'occupazione affiancato da un incremento delle retribuzioni, da un orientamento lievemente espansivo delle politiche di bilancio nell'area, nonché dal perdurare dell'espansione dell'attività mondiale, seppur a un ritmo lievemente meno sostenuto». un altra conferma del disastro socio economico che decenni di questa inetta europa ha causato a questo disgraziato continente! CAMBIAMO O LASCIAMO QUESTA EUROPA DI INCOMPENTENTI! ma davvero? un altro fiasco delle serie infinita di questa europa di inetti e incompetenti

La promessa di Ronaldo: “Voglio vincere tanti trofei con la Juve” - La StampaCR7 intervisto da Diletta Leotta su Dazn non ha dubbi: «Sono il migliore, gioco perché mi diverto». La rovesciata a Buffon «il gol più bello della mia carriera» Te salutano Luis Luis Alberto Lulic e Cataldi

Siria, appello di Trump a Mosca, Damasco e Iran: fermate il massacro di Idlib - La Stampa«Russia, Siria e Iran stanno uccidendo, o stanno per uccidere, migliaia di civili innocenti nella provincia di Idlib. Non fatelo! La Turchia sta lavorando duro per fermare questo massacro». Così su Twitter il presidente Usa, Donald Trump. Dal 16 dicembre le forze del presidente siriano Bashar Assad, sostenute dall'aviazione russa, hanno intensificato i bombardamenti sulla provincia di Idlib, nel nordovest della Siria, e i violenti combattimenti sul terreno le oppongono a jihadisti e ribelli, nonostante un cessate il fuoco annunciato ad agosto. Nell'ambito di questa nuova escalation sono stati uccisi circa 80 civili. Martedì la Turchia ha annunciato colloqui con Mosca per ottenere un nuovo cessate il fuoco a Idlib, lanciando un appello per la fine immediata dei raid. Anche la Francia ha chiesto una de-escalation immediata, accusando Damasco e i suoi alleati Russia e Iran di 'aggravare la crisi umanitaria'. La regione di Idlib è dominata dai jihadisti del gruppo Hayat Tahrir al-Sham (HTS) e da gruppi ribelli. Il regime, che controlla ormai oltre il 70% del territorio siriano, si è detto più volte determinato a riconquistare Idlib.

Conte cerca la sponda di Putin per rilanciare la diplomazia in Libia - La StampaTelefonata fra il premier e il presidente russo: necessaria una soluzione pacifica della crisi. Diventa fondamentale l’incontro del 7 gennaio fra il leader di Ankara e il capo del Cremlino. Siamo ostaggio della Francia e della sua politica filo Haftar portata avanti sottotraccia. Abbiamo sostenuto sempre Sarraj, con interessi nella Regione,ONU che riconosce Tripoli aggredita e questo governo abbassa la testa.