Rinvio A Giudizio, Tribunale Dei Ministri

Gregoretti, per Salvini il pm potrebbe chiedere l’assoluzione

Gregoretti, per Salvini il pm potrebbe chiedere l’assoluzione

13/02/2020 01.49.00
Rinvio A Giudizio, Tribunale Dei Ministri, Giudice Dell'udienza Preliminare, Proscioglimento, Procura, Udienza Preliminare

Gregoretti, per Salvini il pm potrebbe chiedere l’assoluzione

La procura di Catania aveva già negato l’esistenza del reato di sequestro di persona. La decisione finale dopo l’udienza davanti al gup

l’iter processuale a carico del ministrodebba proseguire «secondo le forme ordinarie, vale a dire per impulso del pubblico ministero e davanti agli ordinari organi giudicanti competenti». Ma proprio nell’ufficio dei pm guidati dalprocuratore Carmelo Zuccaro

«Se si può andare al ristorante, si può tornare in ufficio»: perché le parole del Ceo di Morgan Stanley sono solo la punta dell'iceberg Omicidio Desireé: tutti condannati, due all'ergastolo - Cronaca La guardia del corpo di Diana è il nuovo responsabile della sicurezza di Astrazeneca

ci si sta interrogando in queste ore se quella pronuncia (che fu «interpretativa di rigetto» di un’eccezione di incostituzionalità, non di accoglimento) sia vincolante o meno. La legge costituzionale del 1989 sui reati ministeriali dispone infatti che dopo l’autorizzazione il fascicolo venga restituito al tribunale dei ministri «perché continui il procedimento secondo le norme vigenti». Come se il soggetto chiamato a continuare fosse lo stesso tribunale e non un altro giudice. Ma un po’ perché la Consulta ha già detto la sua, e un po’ perché il tribunale dei ministri ha svolto fin qui le funzioni di inquirente, sarebbe strano che ora dovesse anche vestire i panni del giudicante chiamato a decidere sul rinvio a giudizio di Salvini.

L’udienza preliminareÈ dunque presumibile che la Procura uscirà da questa complessa questione tecnico-giuridica chiedendo a un gup la fissazione dell’udienza preliminare. E qui si assisterà a un’altra stranezza di questa vicenda. Solitamente, anche nei casi di «imputazione coatta» imposta da un gip al quale il pm aveva chiesto l’archiviziazione di un caso, la Procura formula l’accusa e conclude chiedendo al gup il rinvio a giudizio. Stavolta di scontato c’è solo la prima parte, e cioè la richiesta di fissazione dell’udienza preliminare con il capo d’imputazione contro l’ex ministro dell’Interno: sequestro di persona aggravato di 131 migranti commesso a Catania e Augusta, tra il 27 e il 31 agosto 2019. headtopics.com

Non ci fu alcun sequestroUn atto dovuto. Il resto è incerto, perché già all’esito dell’indagine svolta dal Tribunale dei ministri, gli stessi pubblici ministeri (il procuratore Zuccaro e il sostituto Andrea Bonomo, che in questo caso ha sottoscritto gli atti) avevano sostenuto il contrario: per loro

non ci fu alcun sequestro.Il fatto non costituisce reato, scrissero nellarichiesta di archiviazione, perché lasciare i migranti a bordo per tre giorni (al quarto fu decisa l’autorizzazione allo sbarco, sebbene formalizzata solo l’indomani), assistiti per ogni necessità, al fine di stabilire dove dovessero essere collocati una volta scesi dalla nave, non è un periodo di privazione della libertà «apprezzabile» per essere considerato un sequestro.

Proscioglimento o rinvio a giudizio?I pm potrebbero insistere su questa posizione e proporre il proscioglimento dell’imputato Salvini, oppure il rinvio a giudizio se dovessero mutare orientamento al termine dell’udienza preliminare. Nella quale l’ex ministro potrà chiedere di essere interrogato, il suo avvocato presentare nuovi atti e sollecitare nuovi accertamenti. Poi la Procura formulerà le proprie conclusioni (lì si vedrà se cambierà idea oppure no), quindi il giudice deciderà: processo o archiviazione.

Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Sarebbe il MINIMO! E dopo l'arringa della Bongiorno, in cui la verità sull'iter seguito è venuta a galla, forse conviene anche ad alcuni 'personaggi' del Conte1 che finisca in niente, altrimenti sarebbero coinvolti. Questo governodellavergogna, che cerca di liberarsi per via giudiziaria di un avversario politico, è arrivato alla frutta.

La notizia è sbagliata. Il P.M. ha già chiesto l'archiviazione Oggi si offendono gli elettori che hanno Votato per il blocco totale dei' trafficanti di esseri umani, aiuti e interventi in Africa . Invece ladri della accoglienza, oif e ong, schiavisti e negrieri 1815, parassiti dell'africa vincono .. ! m5s diventato come loro '' spread ''

Ma quindi la notizia è che in un processo la conclusione potrebbe essere una condanna o un'assoluzione? Sul serio? Ma siete sicuri? Ah no c'è anche la prescrizione.. ma le fonti sono certe? Non è che domani qualcuno smentisce oppure si sveglia e dà di matto per lo scoop? StefanoAndriano Già lo sapete?!

Salvini sfida la maggioranza sul caso Gregoretti - Politicamagari ti mettessero in galera cosi la smetterai di parlare sempre a nome degli italiani Non è niente dai , tieni le chiappe strette Sono curioso di vedere se i parlamentari leghisti saranno coerenti e voteranno come i loro colleghi della camera, ma non credo ormai le elezioni sono passate.

Al via al Senato il voto finale sul caso Gregoretti, Salvini: “Ho la coscienza pulita” - La StampaFI e FdI presenteranno un odg per negare l'autorizzazione. La Lega non parteciperà al voto

Uccisi in un agrumeto della Piana di Catania, fermato il guardiano - La StampaL’uomo, Giuseppe Sallemi, 42 anni, nella notte è stato sottoposto a fermo da parte dei pm di Siracusa. Due le vittime di 47 e 19 anni. Ferito un 36enne

Con la preghiera del figlio di Bachelet la mia generazione scoprì la vita pubblicaFu una scossa di commozione, energia e fiducia su bambini e adolescenti cresciuti negli anni di piombo

Corruzione, la Consulta boccia la retroattività della norma “Spazzacorrotti” - La StampaÈ illegittima l'applicazione retroattiva della legge Spazzacorrotti sul divieto di misure alternative e benefici penitenziari per chi e' condannato per alcuni reati contro la Pubblica amministrazione. Lo ha sancito la Corte costituzionale. La Corte ha esaminato oggi in camera di consiglio le censure sollevate da numerosi giudici sulla retroattivita' della legge Spazzacorrotti che aveva esteso ai reati contro la pubblica amministrazione le preclusioni previste dall'articolo 4 bis dell'ordinamento penitenziario rispetto alla concessione dei benefici e delle misure alternative alla detenzione. In particolare, era stata denunciata la mancanza di una disciplina transitoria che impedisca l'applicazione delle nuove norme ai condannati per un reato commesso prima dell'entrata in vigore della legge. In attesa del deposito della sentenza, previsto nelle prossime settimane, Palazzo della Consulta spiega che la Corte ha preso atto che, secondo la costante interpretazione giurisprudenziale, le modifiche peggiorative della disciplina sulle misure alternative alla detenzione vengono applicate retroattivamente, e che questo principio e' stato sinora seguito dalla giurisprudenza anche con riferimento alla Spazzacorrotti: secondo i giudici costituzionali, invece, questa interpretazione e' 'illegittima' con riferimento alle misure alternative alla detenzione, alla liberazione condizionale e al divieto di sospensione dell'ordine di carcerazione successivo alla sentenza di condanna. Secondo la Corte, infatti, 'l'applicazione retroattiva di una disciplina che comporta una radicale trasformazione della natura della pena e della sua incidenza sulla liberta' personale, rispetto a quella prevista al momento del reato, e' incompatibile con il principio di legalita' delle pene, sancito dall'articolo 25, secondo comma, della Costituzione'.

La lettera: la verità di Federica, la Vivandiera che ha denunciato le molestie: “Ivrea e la Mugnaia mi hanno insegnato il rispetto, ora pago un conto altissimo” - La StampaUna missiva lunga e accorata per ricostruire una vicenda che ha portato alle sue dimissioni, a una denuncia in procura e alla destituzione del Generale Alberto Bombonato.