Governo, Maie-Italia, Governo, Senato, Conte, Fiducia, Voto, Stefano-Ceccanti, Senatore, Tiziana-Drago, Gregorio-De-Falco, Matteo-Renzi, Quotidiano, Costituzione, Costruttore, Gruppo

Governo, Maie-Italia

Governo: Caccia a responsabili, incognita nuovo gruppo - Politica

16/01/2021 01.25.00

Caccia ai responsabili, incognita nuovo gruppo governo ANSA

E, dopo la costituzione della componente Maie Italia 2023, la trattativa per rimpinguare il numero dei"costruttori" procede a ritmo serrato, anche se con alcune difficoltà.Martedì in Senato, il governo potrebbe ottenere anche la fiducia con una maggioranza semplice, e non assoluta ma, Costituzione alla mano, tanto basta a Conte per andare avanti, lavorando semmai in un secondo momento al rafforzamento della maggioranza parlamentare anche alla luce del rafforzamento della squadra di governo.

Anche il ministro Speranza si è vaccinato: «Una grande gioia» Milan, arriva il lieto fine: riscattato Tomori per 28 milioni! Gli auguri dal carcere di Zaki per la partita Italia - Svizzera

La giornata era iniziata con una pioggia di smentite di nomi apparsi sui giornali come già arruolati tra i Responsabili: dalle renziane Donatella Conzatti e Gelsomina Vono, fino all'ex M5s Carlo Martelli e a Barbara Masini di Fi.Un altro ex pentastellato Gianni Marilotti, oggi nelle Autonomie, pur rifiutando di aderire al nascente gruppo, ha confermato il suo sostegno a Conte, facendo così salire a 148 i voti che questi ha nel cassetto, dopo l'uscita dei 18 di Iv. Chi in queste ore tiene i conti aggiunge i due voti dei senatori a vita Mario Monti ed Elena Cattaneo che sono sempre venuti a votare la fiducia.

Quota 152 si raggiunge con altri due ex M5s che hanno dichiarato la propria disponibilità, cioè Gregorio De Falco e Tiziana Drago, e lì ad oggi ci si ferma: infatti molti altri nomi apparsi sui quotidiani già votano per Conte (i tre senatori del Maie, gli ex Fi Fantetti e Lonardo, gli ex M5s Fattori e Nunes, ecc). Ma tanto basta dopo che Renzi ha fatto filtrare l'ipotesi di una astensione di Iv, per evitare l'uscita dal gruppo di qualche suo senatore. Mossa difensiva che però ha anche frenato quanti riflettevano sulla possibilità di aderire subito ai Responsabili per mandare avanti la legislatura. Per ora il passo, per alcuni non sarebbe necessario. headtopics.com

Come ha infatti ricordato Stefano Ceccanti, costituzionalista e capogruppo del Pd in commissione Affari costituzionali,"alcuni quotidiani scrivono che al Senato al Governo occorrerebbero 161 voti, ma non e' affatto vero.Può essere auspicabile, ma non e' necessaria alcuna soglia numerica. Nelle votazioni fiduciarie è sufficiente che i Si' battano i No". E in effetti nelle innumerevoli fiducie poste da Conte in Senato, spesso si è scesi sotto quota 150.

Leggi di più: Agenzia ANSA »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

avete provato all'ANCE?