Gli italiani che progettano l’Onu

Gli italiani che progettano l’Onu

12/11/2019 22.16.00

Gli italiani che progettano l’Onu

Lo studio Peia Associati firma il rinnovo della sala più grande delle Nazioni Unite a Ginevra. Con molti marchi del Made in Italy

12.11.2019Sala XIX e mezzanino nella sede Onu di GinevraLo studio Peia Associati firma il rinnovo della sala più grande delle Nazioni Unite a Ginevra. Tra luci cicardiane, inclusione e molti marchi del Made in ItalyC’è uno studio di architettura italiano e tanto Made in Italy nel rinnovo della Sala XIX dell’Onu a Ginevra, inaugurata il 12 novembre. Lo studio

'Io e tanti altri espatriati non torneremo se l'Italia non ci tutela' Vaticano contro la legge Zan: «Viola il Concordato». La Santa Sede scrive una nota ufficiale al Governo Sostegni bis, Confesercenti: 'Fare chiarezza sul perché gli aiuti non arrivano e risolvere il blocco. Per ripartire serve liquidità' - Il Fatto Quotidiano

Peia Associatiha infatti curato il progetto e numerose aziende nostrane sono state coinvolte, a partire dal general contractor CCM, con la controllata Matteo Grassi per le sedie, e poi Casalgrande Padana per il rivestimento ceramico, Wood-Skin per quello in legno, Flos per l’illuminazione: «Con loro abbiamo studiato un sistema di luci circadiano, che imita il sole e cambia a seconda delle ore della giornata, per le lunghe ore di riunione. È lo stesso usato dagli astronauti. Per la prima volta al mondo è in uno spazio del genere», racconta Giampiero Peia, responsabile con Marta Nasazzi del progetto.

La Sala XIX è quella principale della sede Onu di Ginevra, clone di quella di New York City: ospita le sessioni plenarie dei rappresentanti dei vari Paesi. È lamultilateralism halle da oggi in poi diventerà anche la Sala del Qatar visto che è stata donata dal Paese che si affaccia sul Golfo Persico. Una ventina i milioni di investimento. Che sono serviti a creare «una sala dalle caratteristiche più avanzate possibili, che servirà da modello per quelle future in termini di tecnologia, sostenibilità – molti dei materiali sono ecologici, assorbono CO2 –, inclusione», racconta ancora Peia. 4.000 mq quadrati per 800 posti, la maggior parte accessibili anche con sedia a rotelle: 320 per i delegati degli Stati, più altrettanti assistenti, oltre a osservatori e stampa; 10 cabine di traduzione simultanea tra cui, per la prima volta, una dedicata agli interpreti della lingua dei segni; una grande parete a led 4K, 400 monitor, telecamere motorizzate e un nuovo sofisticato sistema di trasmissione in ultra alta definizione; soluzioni di cyber security; 7mila sottili pannelli in legno mobili sul soffitto per migliorare l’acustica; infine un’apertura automatica che offre una vista sul Parco, il Lago di Ginevra e il massiccio del Monte Bianco. Anche per ricordare la crucialità dei temi ambientali. headtopics.com

La sala XIX dell’Onu a Ginevra rinnovata dallo studio Peia AssociatiLo Stato donatore, il Qatar, è stato omaggiato con una serie di caratteristiche estetiche come la reinterpretazione della calligrafia araba, che diventa decorativa, o quella di pattern tradizionali del Paese su pannelli acustici, griglie in bronzo, tessuti, tappeti e mosaici. C’è un riferimento all’immagine della duna del deserto nel soffitto a volta: simbolo qatariota ma, anche qui, dell’ambiente da preservare. A ciò si aggiunge un lavoro filologico dedicato all’architetto e designer francese Charlotte Perriand, che tra gli anni 60 e 70 contribuì al rifacimento degli interni del Palazzo delle Nazioni Unite di Ginevra. Mentre a Parigi la Fondation Louis Vuitton le dedica un’ampia retrospettiva (fino al 24 febbraio 2020) a vent’anni dalla morte, lo studio Peia ha recuperato e bonificato 40 poltroncine originali disegnate dalla Perriand e collocate nel mezzanino della sala, lo spazio dedicato ai visitatori. E si è ispirato alla loro forma nel creare le nuove sedute per l’assemblea. «È stato un lavoro archeologico», commenta Peia, «abbiamo cercato di dare una nuova immagine alla sala, ma preservando quello che si poteva tenere».

La sedia originale di Charlotte Perriand e a destra la reinterpratazione data dallo Studio Peia«Lavoriamo con il Qatar da molti anni», aggiunge l’architetto, «e quando 5 anni fa abbiamo vinto la gara per questo progetto siamo stati contenti di sapere che aveva vinto anche un’altra società italiana, CCM, che pure era stata coinvolta nel nuovo aeroporto di Doha. C’è stata quindi una doppia azione per l’Italia: sia sul design che sulla parte di

building Leggi di più: IlSole24ORE »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Made in italy sinonimo di qualità e buon gusto 👍👍👍👏🇮🇹🇮🇹

Professionisti: dalla cancelleria alle agende, gli indizi che insospettiscono il FiscoPer i professionisti sono in arrivo nei prossimi mesi nuove lettere di compliance e ulteriori controlli. I nominativi saranno selezionati anche in base...

Gli errori che la Bolivia non ha perdonato a Evo MoralesLa crisi in Bolivia è cominciata dopo che sono emerse irregolarità elettorali e una “chiara manipolazione” nel conteggio dei voti. Leggi Visione tipicamente occidentale che non riesce assolutamente a percepire le aspirazioni del popolo boliviano che non intende affatto tornare sotto la cupola dello Zio Sam. D'altronde l'autore è un canadese che ha sempre dimostrato di essere allineato con quest'ultimo! Ricorda un po’ una notte del 2006 in Italia dove all’improvviso qualcuno pensò di truccare le elezioni e poi comunque comprò qualche senatore dopo qualche tempo

«Gli occhi vuoti dei santi»: una potente educazione sentimental-letterariaContraddicendo moltissimi luoghi comuni, Giorgio Ghiotti confeziona una raccolta di racconti precisa ed elegante, in un itinerario di vite scolpite ai bordi che sperimentano le forme possibili d'iniziazione

L’ossessione per gli elettori di centro condanna a perdere - Il Fatto QuotidianoUn giovane sindaco senza esperienza politica nazionale si candida all’incarico più alto, vuole guidare l’esecutivo, anche se finora ha amministrato senza particolare successo soltanto una cittadina di 100.000 abitanti. Non è Matteo Renzi, ma Pete Buttigieg, “major Pete”: primo cittadino di South Bend, trascurabile località dell’Indiana, uno Stato repubblicano nel Midwest. Major Pete si è … StefanoFeltri Articolo trascurabile. Se avessimo mezzo Buttigieg in Italia non saremmo la repubblica delle banane

Trump ritira gli USA dall’Accordo di Parigi: la fashion industry cosa può fare?Il 4 novembre il Presidente Trump ha annunciato ufficialmente il ritiro degli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi. Vogue spiega perché la fashion industry deve impegnarsi di più contro il cambiamento climatico

A Natale gli incentivi per i nuovi decoder e smart tv - La StampaIl passaggio alla nuova tecnologia digitale DVBT2 è previsto da luglio 2022. In arrivo un voucher da 50 euro per chi è ammesso ad usufruire del contributo