09 45

09 45

Gli integratori alimentari non vi allungheranno la vita

Gli integratori alimentari non vi allungheranno la vita

23/04/2019 07.31.00

Gli integratori alimentari non vi allungheranno la vita

Ricerca condotta su oltre 27mila adulti statunitensi. Le vitamine A, K e D non devono mai essere assunte in eccesso

Integratori: servono davvero?Gli autori della ricerca hanno voluto indagare a livello la correlazione tra l’assunzione di diversi integratori e i tassi di mortalità, tenendo presente tutte le possibili cause. In questo modo, gli studiosi hanno stilato un compendio di quelle che erano alcune evidenze già emerse, ma relativamente a singole possibili cause di morte: da quelle cardiovascolari ai tumori. Le conclusioni di questa ampia sintesi non sono differenti rispetto a quelle già disponibili. L’uso di integratori alimentari non influisce in alcun modo sul «momento d’arrivo» del fine vita.

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Biden unisce la Nato contro Cina e Russia: “Sono una minaccia” Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano

Un’evidenza resa ancora più solida dai numeri di quest’ultima ricerca: condotta su oltre 27mila adulti statunitensi, campionati dall’indagine annuale che viene condotta negli Stati Uniti per valutare lo stato di salute e le abitudini alimentari dei cittadini. Incrociando i dati relativi ai consumi con quelli inseriti nei registri dei decessi, i ricercatori hanno potuto determinare una corrispondenza che è corretto definire probabilistica.

Ovvero: indipendentemente dal fatto che una persona sia o meno ancora viva, l’epilogo della sua vita non può essere ricondotto soltanto all’utilizzo (o meno) di integratori.Cosa aggiunge questa ricerca?I ricercatori hanno valutato pure se un’adeguata o un’eccessiva assunzione di nutrienti fosse associata a una maggiore probabilità di morte prematura e se l’utilizzo degli integratori determinasse una differenza rispetto all’assunzione dei nutrienti presenti nel cibo. Dalle analisi è emerso che adeguati apporti di vitamina K e magnesio sono correlati a un minor rischio di morte prematura, ma soltanto se assunti tramite fonti alimentari e non con gli integratori. headtopics.com

Anche il consumo di vitamina A, vitamina K e zinco è associato a un minor rischio di morte per malattia cardiovascolare: pure in questo caso però se le sostanze nutritive vengono assunte direttamente dagli alimenti e non dagli integratori. Quanti a questi, un apporto eccessivo di calcio in «pillole» (più di un grammo al giorno, a fronte di una dose raccomandata di 800 milligrammi) è risultato correlato a un più alto rischio di morte per cancro (lo stesso dato non è stato riscontrato in chi assumeva quantità elevate di calcio attraverso la dieta). Più o meno analogo il dato riguardante la vitamina D, se assunta in eccesso da chi non soffre di una carenza (e dunque non ha necessità di ricorrere a un integratore).

Italia prima in Europa per consumo di integratoriLo stesso micronutriente non garantirebbe dunque lo stesso effetto, se assunto attraverso un alimento o un integratore. L’eventuale diversa reazione dell’organismo potrebbe dipendere «dalla capacità che il corpo umano ha di regolare l’assunzione di nutrienti attraverso la dieta, cosa che invece potrebbe non essere in grado di fare allo stesso modo nei confronti di una pastiglia», afferma Fang Zhang, epidemiologa della Tufts University (Boston) e coordinatrice della ricerca. In Italia sono 32 milioni i consumatori di integratori alimentari : dato record in Europa. Alla luce di queste conclusioni, occorre fare alcune precisazioni. Chi assume gli integratori per far fronte a una carenza di nutrienti documentata, dettata da una malattia o da una scelta etica (veganesimo, per esempio), deve continuare a farlo sotto l’egida di uno specialista. Il messaggio punta invece ad arrivare soprattutto alle orecchie dei consumatori sani che pensano di trovare l’elisir di lunga vita in una pillola. È la qualità complessiva della dieta a fare la differenza, semmai.

Leggi di più: La Stampa »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

Blog | Ecco le dieci malattie che uccidono più gli uomini che le donne - Alley OopDai tumori al’’Hiv fino agli incidenti stradali: nel mondo sono molte le patologie che uccidono più gli uomini delle donne

Sky TG24 @SkyTG24Le indagini su Siri dividono il governo, per DiMaio deve dimettersi, Toninelli gli ritira le deleghe ⬇️ L'onesta dei 5stelle La mafia si combatte nn ci si convive come fa salvini con berlusconi e con siri I 2 sono ai coltelli. Ehi siri che hai combinato? Azz c’ho pure l’iphone indagato ora...

Juve-Ajax, gli sfottò in Rete: «Gli daremo la Champions di cittadinanza»Gli juventini ci metteranno un po’ per superarla e gli anti-juventini impiegheranno un po’ di tempo per smettere di divertirsi alle spalle dei rivali eliminati dalla Champions League. La debacle contro lo spumeggiante Ajax ai quarti ha scatenato una serie di prevedibili sfottò. La vittima preferita è Cristiano Ronaldo (foto via Twitter)

'L'Aquila grandi speranze', la fiction sul terremoto vince gli ascolti ma delude gli aquilaniCritiche e polemiche sui social dopo la prima puntata seguita da più di tre milioni di telespettatori: chi ha vissuto la tragedia non ha apprezzato Per la fiction sulla ricostruzione possono venire nel Modenese. È stata creata volontariamente per il pubblico di prima serata su Rai1, e questo spiega la qualità. Per il resto, L'Aquila si vede solo nel titolo oltre che essere la location

L’Autorità delle Tlc contro i servizi non richiestiAdottato un Codice di Autoregolamentazione per tutelare gli utenti e gli operatori corretti

Le organizzazioni non devono lasciare soli gli individuiUna buona e una cattiva notizia sul management: la buona è che gli studiosi della materia convergono sulla definizione di un corpus di conoscenze, Terzo..applicare il concetto di fail fast, fail forward. Sbagliare è ok se si prendono decisioni in situazioni di incertezza, ma bisogna saperlo riconoscere e correre ai ripari velocemente

Dietro il caso Siri gli affari fra le famiglie mafiose trapanesi e la politicaUna complessa rete di affari che porta da un lato a esponenti delle famiglie mafiose trapanesi legate a Matteo Messina Denaro e dall’altro alla politica siciliana e nazionale. Come il sottosegretario

Pasqua, gli italiani amano le vacanze ma preferiscono il pranzo a casa | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Pasqua, gli italiani amano le vacanze ma preferiscono il pranzo a casa | Sky TG24

Europee: Farage, Tajani, Le Pen, gli M5s: i personaggi chiave del Parlamento - Europee 2019

Bergamo, riaperte dopo 46 anni le indagini sul sequestro PanattoniFascicolo a carico di ignoti su input della Dda di Brescia che ha acquisito tutti gli atti

Svaniscono speranze per Lama e Auer - Trentino AA/S