Hikikomori

Gli hikikomori italiani: quei ragazzi immersi in un eterno presente

Gli #hikikomori italiani: quei ragazzi chiusi in una stanza per fuggire dalla società: l'inchiesta multimediale @cecgre @GEDIspa

11/02/2020 17.14.00
Hikikomori

Gli hikikomori italiani: quei ragazzi chiusi in una stanza per fuggire dalla società: l'inchiesta multimediale cecgre GEDIspa

Quattro ragazzi, quattro famiglie, quattro stanze. Perché a volte, per cercare di capire le ragioni di una scelta, quella di isolarsi dalla società e rinchiudersi in quattro mura, bisogna provare a entrare in un mondo che sembra molto lontano. Questa storia spiega cosa vuol dire essere un hikikomori, partendo dalle camere di Marco, Frederick, Sveva e Davide. Ed è proprio Davide, con la passione per il disegno, che ha voluto illustrare questo racconto, fatto di testimonianze, dati e audio interviste

Anna è la mamma di un ragazzo hikikomori di 19 anni, in autoreclusione da quattro.“Mio figlio ha girato l’interruttore da un giorno all’altro, la causa scatenante e' stato il pessimo rapporto con la scuola, un episodio di bullismo. Un giorno ha detto: in questa scuola di merda non ci metto piu' piede e non e' piu' uscito dalla sua stanza”.

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

Da lì, la vita della sua famiglia è cambiata in maniera drastica.“Ha sempre sofferto il peso delle aspettative. E' uno tsunami che arriva in casa e, come in tutti gli tsunami, vedi prima le macerie e poi cerchi di capire. Tutto l’equilibrio familiare va a farsi benedire. La prima reazione? E' la classica testa di cazzo che non vuole andare a scuola, non vuole studiare, due schiaffi e si risolve. Magari fosse cosi'. Quante volte ho sperato di avere un figlio con una testa di cacchio, ma piu' andavo avanti piu' mi rendevo conto che non era cosi'. A 15 anni chiudersi in una stanza senza far niente, spinto da questo impulso alla non vita: non e' normale. Quando capisci questo sprofondi ancora di piu', perché alle teste di cacchio c’e' piu' o meno soluzione”.

Bruna, mamma di una ragazza di 19 anni che in terza media ha accusato un malessere tale da non riuscire a camminare, fino ad arrivare a una cecità temporanea, racconta:“Tutto cio’ che e‘ pressione, tutto quello che ti spinge a essere come gli altri, crea sofferenza. Quando nessuno di noi ha avuto aspettative su di lei, abbassando tutte le asticelle, lei ha iniziato a migliorare. Sono finiti gli attacchi di panico e da un po’ di tempo ha ricominciato a uscire. Tolta la pressione, cioe’ quello che innesta questo ritiro a costo di fare sacrifici, abbassare le normali aspettative che ha un genitore rispetto a un figlio, loro stanno meglio. Te ne devi fare una ragione, hanno le antenne, capiscono che hai delle aspettative su di loro. Sono passati piu' di cinque anni e ora ne e' quasi uscita. E' stato fondamentale un sostegno psicologico, ma e' stato difficile trovare qualcuno che conoscesse il problema, quello degli hikikomori e' un fenomeno nuovo. Abbiamo scoperto che lei, oltre a essere hikikomori, soffriva del disturbo di conversione: trasformava in sintomi fisici i suoi disturbi psicologici”. headtopics.com

Uscire, andare a scuola, fare sport, studiare. “Il problema - conferma Crepaldi - sta anche nei genitori che vogliono vedere il figlio in un modo predefinito. Non capiscono che così i ragazzi non si sentono compresi nel loro malessere e si crea un conflitto. La cosa peggiore è spingerli a fare ciò che non vogliono. Avere un genitore che li forza gli fa perdere fiducia anche nel genitore stesso. Per migliorare la situazione bisogna cambiare approccio al problema, bisogna capire che un figlio esce se sta bene e non che se esce sta bene. L’uscita da casa è la naturale conseguenza di uno stato d’animo positivo, sennò è solo sofferenza e a un certo punto la sofferenza diventa insostenibile. Gli hikikomori possono uscirne, con la comprensione del problema, e ovviamente un aiuto psicologico”.

Anna spiega ancora:“Sono ragazzi ipersensibili, cio’ che per noi e‘ una puntura di spillo per loro e’ una ferita lacerante. Sono ragazzi senza pelle. Il fuori, la pressione sociale, questo mondo cosi‘ perfetto dove anche se respiri c’e’ la cassa di risonanza di internet, dove non puoi non essere in primo piano, dove tutti si aspettano da te tutto. Non ce la fanno”.

E come Anna, Lia, mamma di un ragazzo di 14 anni che non frequenta la scuola dalla prima media:”Questa problematica ha fatto deflagrare tutti gli equilibri familiari. All’inizio cercavo di forzarlo, ho capito solo dopo che la forzatura non serviva. Anzi, quando uno smette di pressarli anche sulle cose che ci sembrano normali, la situazione inizia ad andare un po’ meglio”.

Bruna racconta ancora:“Il giorno che io e mia figlia siamo andate a firmare il ritiro da scuola per me e’ stato un passo davvero doloroso. Lei invece, sorrideva. e‘ tornata a casa e ha detto: grazie mamma, non ce la facevo. Quando ha visto che non c’era piu’ la scuola a metterle pressione la strada e‘ andata in discesa. Adesso inizio a vedere un futuro per lei. Ha passato cinque anni in cui e’ rimasta ibernata, non ha vissuto l’adolescenza. Ora sta imparando, non solo a uscire, ma le cose piu’ semplici, come prendere i mezzi pubblici, fare la valigia, o semplicemente il letto”. headtopics.com

Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Netflix: accordo con Spielberg per diversi film all'anno

Ascolta MarcoAscolta Marco(Durata 09:51)Nella sua stanza, Marco ha raccolto tutte le cose della scuola e le ha messe in un sacco della spazzatura, poi“la cartella l'ho regalata a mia sorella e tutto cio’ che mi ricordava il mondo esterno - fogli, quaderni - li ho buttati. Ho portato il pc dal salotto in camera, e ho tenuto qualche videogioco. Nient’altro”.

“Sono quasi otto anni che mi considero un hikikomori. E' da poco che ho capito di esserlo, all'inizio mi ricordo che pensavo di essere l'unico a comportarmi cosi'. I miei genitori hanno adottato la tecnica: forziamolo e buttiamolo fuori casa. Mi pressavano cosi' tanto. Mi sentivo completamente solo. Anche se sembra strano, piuttosto che rompere la mia bolla, avrebbero dovuto cercare di entrarci, piano piano, cercando di avere un dialogo, di capirci. Ora ho trovato chi sta riuscendo ad aiutarmi, dei professionisti che conoscono il problema e non mi fanno sentire l'unico, ma non posso dire di stare bene”.

L’autoreclusione diventa così una scelta di vita, più o meno consapevole. C’è chi, come Marco, addossa gran parte della colpa al mondo esterno e chi, comeDavide, si sente totalmente responsabile.“Sono tutte pignolerie quelle degli hikikomori, per questo dico che l’hikikomori e' uno stronzo. Giudico male chi incolpa la societa', la societa' siamo noi. Non possiamo ripudiarla. Ci sono delle cose da cambiare, ma non posso dire: la societa' fa schifo, quindi mi isolo. Se ti isoli e' colpa tua, stai facendo una scelta. La colpa che uno ha e' aver scelto di isolarsi, ma anche qui e' difficile, e' una scelta istintiva, non si e' consapevoli delle conseguenze. Con il senno di poi e' tutto piu' facile. Non me ne pento, lo rifarei. E' giusto che uno viva come si sente. Riconosco la mia situazione, spesso inizi a pensare al futuro. La soluzione migliore e' parlarne con qualcuno, qualcuno che abbia polso. Perché chi si trova in questa situazione polso non ne ha, anche se e' difficile ammetterlo. Ma tutti abbiamo bisogno di aiuto, che sia in matematica, che sia nel vivere”.

Anche quello diFrederick, 21 anni, è stato un percorso di allontanamento graduale, iniziato da piccolissimo, intorno agli 8 anni, e concretizzato nel passaggio tra elementari e medie, “il periodo più delicato”, come conferma Crepaldi di Hikikomori Italia. headtopics.com

“Ci sono stati eventi che hanno favorito la mia caduta, ero spesso oggetto delle battute degli altri, forse non proprio bullismo, ma quasi. Ero deluso dal sistema scolastico, dai professori. Appena ho compiuto 18 anni ho scelto l’autoesonero. Piu' in la' sono riuscito a vincere l’isolamento, poi ci sono ricaduto. E' stato terribile, avevo una rabbia incontrollabile, una grande delusione. Sentivo di aver fallito in termini assoluti, quello che mi ero stabilito di non fare piu' lo avevo rifatto, tutti gli errori che non volevo ricommettere li avevo ricommessi. Non sono ancora sicuro di esserne uscito. Ma sto meglio ed e' stato fondamentale l’aiuto di alcuni amici che mi hanno capito. Sono anche loro dei reietti sociali, delle persone rotte, un po' frantumate”.

Ascolta FrederickAscolta Frederick(Durata 04:16)Nella sua stanza, quando era in isolamento, era il disordine a decodificare il suo stato d’animo.“Quando mi sentivo strano guardavo la mia stanza e capivo cosa mi turbava, era una rappresentazione del mio subconscio, piu' stavo peggio piu' intorno a me c’era disordine. Un punto fermo? Un cappello con la visiera, l’ho sempre tenuto con me, e' tutto sbiadito”.

Giocatore Nfl annuncia di essere gay, primo della storia - Ultima Ora Covid, Colombia: oltre 100 mila i morti da inizio pandemia - Ultima Ora Variante Delta, Financial Times: 'Italia quinta al mondo per incidenza'. La stima è del 26% - Il Fatto Quotidiano

C’è voluto molto tempo perché Frederick capisse che autorecludersi fosse un problema.“Nel periodo piu' buio non provavo piu' nulla, nulla mi suscitava piu' emozione. E nemmeno questo mi spaventava. Molto di quello che e' la mia storia l’ho capito con il senno del poi. Una volta che ci si rende conto quanto si puo' modificare il proprio modo di vivere le cose, si e' in grado di farne altre che si ritengono impossibili”.

Azioni normali, come andare a bere una birra con qualche amico, andare al cinema, al mare, a fare una passeggiata. Vivere nel mondo, in poche parole. E a volte, come è successo a Sveva, 13 anni, la spinta per uscire di casa è arrivata dai social network.

“Non riuscivo ad andare a scuola, stavo male, mi veniva l’ansia, gli attacchi di panico. Quando ho smesso di uscire ho tolto la maggior parte dei giochi dalla mia stanza e le cose della scuola. C'era sempre il mio beagle a farmi compagnia. Passavo tanto tempo al cellulare. Ho anche aperto un profilo Instagram appositamente per il mio cane. Lo aggiorno spesso e mi piace moltissimo. A volte esco solo per fargli le foto e postarle. Proprio tramite Instagram mi sono fatta delle amiche, parliamo spesso, a volte usciamo”.

Internet, i social, i giochi online, nel caso degli hikikomori non sono causa dell’isolamento ma anzi un indicatore positivo di contatto con il mondo, come spiega Marco Crepaldi: “La dipendenza da internet non è un fattore scatenante per gli hikikomori. Questi ragazzi non vengono trascinati dentro casa, ma utilizzano il pc come modo per stare in contatto con il mondo esterno e per distrarsi, per non pensare all’angoscia che sentono verso il mondo. I genitori che tolgono il computer a questi ragazzi sbagliano, sperano che magicamente escano di casa, ma non è così. Senza pc si buttano sul letto e non fanno niente. Internet gli consente di creare relazioni e di toglierli un po’ dal guscio dove si sono rinchiusi”.

La grande incognita, per i ragazzi e i loro genitori, rimane il futuro.Lucia, mamma di un ragazza di 15 anni, in autoreclusione da 3, racconta:“Ci si trova di colpo di fronte a una realta' completamente diversa. In un’eta' in cui dovrebbero scoprire il mondo, non escono dalla porta della camera. A volte pensiamo che ce la fara', che avra' la sua vita. A volte no. Forse sara' legata sempre a noi. Solo chi c’e' dentro capisce cosa vuol dire. Alcuni conoscenti, parenti, ci trattano come se fossero solo capricci, magari fossero solo capricci, avremmo gia' risolto tante cose”.

Come lei, Anna:“Per mio figlio la vita non ha senso, a volte parla addirittura di suicidio. Non gli interessa fare qualcosa, mi dice: vivo o muoio va bene tutto. Non riesce a vivere in questa societa'. Secondo lui non si abituera' mai. La trova errata, sbagliata. Crede che tutte le persone pensino solo a sopraffare gli altri, ai soldi, ad apparire. Nelle giornate migliori invece dice che vorrebbe vivere meglio, il suo sogno e' andare in America. Questo mondo non riesce proprio a capirlo: i pedofili, il razzismo, i femminicidi. Sono cose troppo piu' grandi di lui che non riesce ad accettare”.

Il tempo che gli hikikomori vivono è solo il presente. Da quando si svegliano a quando vanno a dormire non sono gli impegni, le ore, a scandire la giornata.“Si alzano e fanno quello che gli viene da fare. Molti scambiano il giorno con la notte, trascorrono le giornate con le serrande abbassate. Perché e' piu' facile non accorgersi del tempo che passa mentre il mondo fuori continua a vivere. Per loro non c'e' futuro, non c'e' domani, solo un eterno presente”.

Consulenze, fondatore e presidente Hikikomori ItaliaGiovanna BorsettoCoordinamento editoriale di Annalisa D'Aprile. Illustrazioni di Davide Conte. Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Ginnastica per il sesso: gli esercizi (e gli attrezzi) che migliorano il piacere - VanityFair.itTre modi per allenare il pavimento pelvico con la Sex Gym e gli accessori che rafforzano il muscolo pubococcigeo, contrastando in modo naturale l'anorgasmia (l'incapacità di raggiungere l'orgasmo)

New York-Londra in 4 ore 56’: nuovo record grazie alla tempesta che spinge gli aereiQuasi due ore in meno del previsto. La British Airways ha collegato l'aeroporto di Jfk a quello di Heatrow in 4 ore e 56 minuti, invece che nelle 6 ore e 13 stimate

Lindsey Vonn: «Con la moda esprimo me stessa (e gli insegnamenti di papà)» - VanityFair.itLa sciatrice più vincente di tutti i tempi disegna la sua prima linea di abbigliamento da sci insieme a Head. Stile impeccabile e richiami rètro per un gusto nato fin da quando era bambina lindseyvonn La gnocca dello sport è tutta inesplorata, ma è di grandissima qualità. Posso solo portare una conquista del Vanilla dei tempi che portai poi a mangiare alla sera 'Alla Botte' di Sampierdarena e lei era una giocatrice di pallanuoto. Forse era meglio portarla a una pizza. Bionda.

Ottimo lo share, ma con gli spettatori medi Baudo, Fazio e Morandi avevano fatto meglioQuesto Festival ha fatto rilevare numeri altissimi. Ottenuti anche grazie alla durata lunghissima del programma. Eh...diglielo LucaBizzarri Ma all'epoca non avevi Netflix ecc... Era il secolo dei pirla

Joaquin Phoenix, la dedica al fratello morto e gli altri momenti clou della cerimonia degli OscarLe scene che han segnato la notte degli Oscar: a partire dal discorso di Phoenix

La cena con JLo e Meghan, e gli altri gossip del weekend - VanityFair.itI duchi del Sussex hanno cenato con Jennifer Lopez e Alex Rodriguez a Miami raccontano i bene informati, mentre sul palco di Sanremo si baciavano un po' tutti...