Codice Civile, Anic

Codice Civile, Anic

«Gli animali non sono oggetti, il codice civile deve essere cambiato»

«Gli animali non sono oggetti, il codice civile deve essere cambiato»: oggi il corteo a...

21/12/2019 10.35.00

«Gli animali non sono oggetti, il codice civile deve essere cambiato»: oggi il corteo a...

Sabato pomeriggio a Milano il corteo di 35 associazioni per chiedere alla politica di riconoscere cani e gatti come esseri senzienti e membri delle nostre famiglie

EmailBasterebbe una legge ordinaria per modificare gli articoli del codice civile che ancora oggi attestano che gli animali, per l’ordinamento giuridico italiano, sono considerati come cose e non come esseri viventi e senzienti. Poche sedute di lavoro in commissione e poi il voto. Sulla carta sembra facile, di certo lo è molto di più della modifica dell’articolo 9 della Costituzione già incardinato nei lavori parlamentari, ma che, trattandosi di riforma costituzionale, richiede una doppia approvazione da parte di entrambe le Camere. Sarebbe un’azione in linea con il sentimento della popolazione italiana, che considera sempre di più gli animali domestici come parte delle famiglie. Ma la politica, su questi temi, sembra distante. Per questo una trentina di associazioni animaliste e ambientaliste hanno raccolto l’appello alla mobilitazione di Task Force Animalista e domani, sabato 21 dicembre, si troveranno al Palazzo di Giustizia (alle 15) per dare vita ad un corteo che raggiungerà Piazza Fontana. Obiettivo: tenere alta l’attenzione su questi temi e spronare le forze politiche ad attivarsi per una reale trasformazione in senso animalista di un codice che risale al 1942 e che risente dei limiti e delle diverse sensibilità di quell’epoca. Inadeguato, insomma, per la società odierna.

'La Chiesa dovrebbe abbracciare i gay, invece non li vuole liberi. E ora Francesco sembra un po' Pio IX' Il Fatto di Domani del 22 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Europei 2021, Juve e Barcellona per le differenze: loghi arcobaleno

Non cose ma esseri senzientiTask Force Animalista non è un partito e neppure un’associazione: è un movimento di opinione di cittadini indipendenti che si autofinanziano per portare avanti la causa. L’iniziativa milanese è stata organizzata con il supporto di Animalisti Italiani, di Parma Etica e dell’associazione Ca.Te.Ri.na. Hanno aderito associazioni nazionali (come Lav, Oipa, Enpa, Lac) e moltissimi gruppi locali o di piccole dimensioni che non per questo sono meno determinati a sostenere l’iniziativa. «La riforma del Codice civile promossa da Task Force Animalista — spiega la presidente Carolina Sala — rappresenta la base reale per la tutela animale perché, solo a partire da questa modifica che vedrà il riconoscimento di tutti gli animali come esseri senzienti, sarà effettivamente possibile abrogare tutte le precedenti disposizioni normative che considerano gli animali oggetti, ovvero beni mobili».

Una battaglia, tante battaglieUna trasformazione normativa che sarà determinante anche in tutte le altre battaglie condotte da anni dall’arcipelago animalista: dalla lotta alla vivisezione al contrasto al randagismo e ai canili lager fino all’abolizione degli animali nei circhi. Riconoscendo gli animali se non proprio come persone ma almeno come esseri senzienti sarà poi difficile giustificare le condizioni di vita a cui sono sottoposti in gabbie e stabulari. L’obiettivo però è andare anche oltre, per esempio con l’evoluzione del microchip in un vero e proprio codice fiscale e con il loro riconoscimento come membri della famiglia, con tutto ciò che ne consegue, fino ad immaginare la mutuabilità delle spese veterinarie. headtopics.com

Non solo animalistiGià diverse Regioni e diversi Comuni prevedono una sorta di riconoscimento del ruolo degli animali di affezione nelle nostre vite, valorizzando il loro diritto ad essere rispettati nel benessere e nella dignità. Ma fino a che i codici principali non si adegueranno, sarà difficile garantire loro una reale tutela. Fino a che saranno considerati cose, non saranno titolari di diritti. Di qui la mobilitazione milanese, che fa seguito a quella dello scorso anno, per dare la sveglia a chi deve decidere e per sensibilizzare l’opinione pubblica. «Non aderiscono solo associazioni animaliste — fanno notare gli organizzatori — ma anche gruppi come l’Anic, l’Associazione nazionale degli ipovedenti e ciechi, segno di come la tutela animale costituisca un tema caro alle più disparate entità della società civile.

Chi ci saràTra i gruppi che hanno dato la loro adesione: Anic, Lav, Oipa, Enpa, Lac, Animalisti onlus, Nogez polizia giudiziaria, Gaia Monza e Brianza, DQ’s Tribe, Freccia 45, Collettivo animalista Aranieuz, Camminiamo insieme onlus, Z.A.C., Radioveg, Aidaa, Made in Bunny, Taxi Pluto, Dida, Chi mi ha visto, Lotta, Iene vegane, Rumba Y Raices, Anime randagie, Csen, International tree protection commission Itpc, Pets, A-mici randagi Varese, International Animal Protection League Italia, Podenco’s Angel Rescue, Balzoo, Associazione vegetariana Italia, Associazione Anime animali Cinisello Balsamo.

20 dicembre 2019 (modifica il 20 dicembre 2019 | 17:10) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Patente moto: è a Milano la prima pista attrezzata per gli esami - Il Sole 24 OREDa quando per prendere la patente per le moto è diventato obbligatorio un test in circuito da percorrere entro un tempo determinato, la paura di...

Natale vip, gli alberi e gli addobbi più famosi (da copiare) - VanityFair.itFederica Pellegrini, Victoria Beckham, Chiara Ferragni: ecco come i famosi addobbano l'albero di Natale e si preparano alle Feste

Toro, sabato con la Spal torna il ‘Gallo’ Belotti - La StampaTORINO. Portafortuna Spal. Sono tre anni che il Toro non vince l’ultima partita casalinga prima delle festività natalizie (contro il Genoa grazie al solito Belotti e con Mihajlovic in panchina), ma sabato sera arriva il gruppo di Semplici per provare a ritrovare il sorriso. Non bastasse l’ultimo posto in classifica e il peggior rendimento europeo in trasferta al pari del Maiorca (appena un punto contro l’Udinese), la squadra di Ferrara è quella contro cui i granata vantano la striscia di successi consecutivi più lunga in Serie A: ben 10. Dal 1959 ad oggi il Toro ha sempre vinto contro i biancazzurri. Dall’1-0 targato Virgili, all’ultimo successo grazie a Nkoulou, i granata hanno messo insieme in tutto 16 gol subendone appena 5. E sabato torna pure il Gallo dopo quasi un mese per provare a confermare la tradizione favorevole.

Le moto (e gli scooter) da sogno del 2020Moto e scooter che vedremo nel 2020

Instagram: gli hashtag più brutti del 2019nofilter yummi lostinbali likeforlike ciaone. Guida ragionata agli hashtag che anche basta su Instagram

Auto elettriche, gli investimenti delle case e i modelli in arrivoL'impegno finanziario dei costruttori per le auto elettriche è aumentato di oltre il 50% negli ultimi 12 mesi. Si parla sempre e solo di elettrificazione,...