Gli «Afropei» colorano l’Europa

Gli «Afropei» colorano l’Europa

18/03/2021 01.56.00

Gli «Afropei» colorano l’Europa

Johny Pitts è andato in cerca degli «afropei», cittadini pienamente europei e protagonisti di vite che non si possono rinchiudere nello stereotipo dell’immigrato

17 marzo 20213' di letturaConoscete il nome di uno scrittore di viaggio di colore? Probabilmente no. Del resto prima di pensare a scrivere bisogna riuscire a viaggiare e non è sempre facile. Per cominciare ogni spostamento degli africani viene subito letto come un nascosto tentativo di migrazione. Date un’occhiata a

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero' Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

www.passportindex.org. La maggior parte dei Paesi sono lieti di accogliere i nostri viaggiatori senza chiedere il visto o con il visto all’arrivo, insomma senza troppe formalità. Ma la situazione cambia completamente se passiamo dall’altra parte del Mediterraneo…

Leggi ancheIl coraggio delle donne ebree nella Resistenza25 gennaio 2021I neri d’America sulla carta se la passano meglio ma molto è apparenza. Ancora negli anni Sessanta, prima delle lotte per i diritti civili, la provvidenzialeGuida verde, pubblicata dal 1936 al 1967 (ricordate il film premio Oscar 2019?), segnalava i pochi benzinai, ristoranti e hotel disposti ad accogliere viaggiatori di colore, nel clima infame della separazione razziale. Oggi “Negro Motorist Green Book” non si pubblica più ma molti usano i social per farsi segnalare luoghi dove sono benvenuti o si rivolgono a catene alberghiere note per accogliere volentieri viaggiatori di colore. Altri, specie al sud, hanno ancora paura di andarsene in giro dopo il tramonto o di essere fermati dalla polizia; per questo installano sulle loro auto delle videocamere per riprendere un eventuale fermo. Inoltre lasciano sempre detto dove sono e tendono a seguire strettamente il programma senza permettersi rischiose divagazioni, come farebbe invece un bianco. Nel paese di Jack Kerouac e dei viaggi headtopics.com

On the road, la prima domanda che i poliziotti rivolgono ai viaggiatori neri è «Dove stai andando? Perché sei qui?», come se non avessero il diritto di allontanarsi dal ghetto.Loading...Segni di cambiamentoPer fortuna però si scorgono anche i primi segni di cambiamento, dopo l’ondata di proteste della scorsa primavera. Per i neri riappropriarsi del viaggio è diventato parte della nuova agenda politica, un modo per rompere le catene (letteralmente, in prospettiva storica) e prendere il volo.

Per rispondere invece alla domanda in apertura di questo articolo, potreste fare il nome di Johny Pitts, nato da padre afroamericano e madre inglese nella periferia operaia di Sheffield. Johny ha viaggiato per mezza Europa (Afropei. Viaggio nel cuore dell’Europa nera

) in cerca degli afropei, persone che si sentono pienamente europei, protagonisti delle loro vite, senza lasciarsi rinchiudere nello stereotipo dell’immigrato. Sono soprattutto artisti e creativi, ma anche negozianti, ambulanti, guide turistiche, studenti, tassisti, buttafuori, attivisti, educatori. “Sono un cittadino nero che abita in Europa, oggi, e il mio viaggio è stato un tentativo di dare un senso a questo dato di fatto. Con la pelle scura e il passaporto britannico … una fredda mattina di ottobre sono partito in cerca degli afropei”.

Anche Jessica Nabongo potrebbe essere il simbolo di questa nuova leva.Travel bloggeramericana di origini ugandesi, sbarcando alle Seychelles il 6 ottobre 2019 ha visitato tutti i centonovantacinque Stati del pianeta prima di compiere trentacinque anni. Che sarà mai, si potrebbe dire. Il Guinness dei primati lo considera un record banale e prende in considerazione solo chi lo fa in giovane età o nel minor tempo possibile. E The Traveler’s Century Club ha millecinquecento soci che hanno visitato almeno cento Stati del mondo. Ma Jessica è la prima donna di colore ad averlo fatto. E dunque in questo caso pazienza se le sue osservazioni sono state piuttosto banali («L’insegnamento che ho tratto dai miei viaggi è che la maggior parte delle persone sono buone») e se il suo viaggio trafelato non è stato certo un esempio di sostenibilità; quanto meno ha aperto la strada per chi verrà dopo di lei. headtopics.com

Forum ANSA con Enrico Letta - Politica Tensione nel Mar Nero, incidente tra Londra e Mosca - Mondo Migranti, Draghi: 'Gestione dei flussi non può essere solo italiana. Va superato Regolamento di Dublino, appartiene a un'altra fase storica' - Il Fatto Quotidiano

0Ritrovare le proprie radiciPer chiudere il cerchio non resta che ricongiungersi ai propri inizi, ritrovare le proprie radici, dopo secoli di sfruttamento, miseria e umiliazioni. Nel 2019, quattrocento anni dopo la partenza della prima nave carica di schiavi diretta verso Jamestown, Virginia, il Ghana ha proclamato l’Anno del ritorno, richiamando in patria la «tribù perduta» dei discendenti degli schiavi. È un viaggio di forte impatto emotivo. Vuol dire passare nuovamente attraverso la «porta senza ritorno», l’ultimo lembo d’Africa prima della partenza in catene; oppure fare i conti con i silenzi e le complicità degli schiavisti africani, venditori dei loro fratelli; o ancora imparare a conoscere il Ghana di oggi, con i suoi problemi (povertà, ambiente, demografia esplosiva ecc.), insieme alla crescita economica e una stabile democrazia.

In poco tempo insomma, in forme anche sotterranee, il viaggio delle persone di colore è diventato una realtà solida, diffusa, definitiva (si spera). E forse, quando il Covid sarà passato, ci accorgeremo che questa è la vera novità nel campo dei viaggi.

Afropei. Viaggio nel cuore dell’Europa nera, Johny Pitts, EDT, Torino, pagg. 442, € 24 Leggi di più: IlSole24ORE »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Grandi! Proprio come gli afroricani Letto l'articolo interessante

Mark Wahlberg e gli altri, gli attori che si sono trasformati per un filmLeggi su Sky TG24 l'articolo Mark Wahlberg e gli altri, gli attori che si sono trasformati per un film. FOTO il bello è che quando parlate di uomini per dire che sono ingrassati: 'è ingrassato non di muscoli' quando parlate di donne per dire che sono ingrassate: 'è ingrassata' Ne vale la pena? L'organismo ne soffre terribilmente.

Pasquale Vespa e gli insulti ad Azzolina, il ministero dell'Istruzione gli toglie l'incaricoIl ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi ha dato mandato di procedere alla revoca dell'incarico assegnato al professore, consulente del sottosegretario leghista Rossano Sasso: Azzolina aveva portato Vespa a processo dopo aver ricevuto insulti via web Per quanti insulti si è presta sta tizia... penso che si sotterrerebbe se li sentisse tutti Magari ora arriva Borghezio Incredibile quanti pervertiti dal cervello grande quanto il loro pisellino piccolo piccolo!

AstraZeneca: gli esperti contro gli allarmismi, lo stop è cautela - Salute & Benessere

Gli abiti e gli accessori più desiderati nel primo trimestre del 2021Gucci continua a dominare, questa volta grazie alla collezione con The North Face. Ma c'è anche qualche sorpresa

Dopo gli assembramenti dei tifosi interisti gli esperti si aspettano un aumento dei contagiPregliasco: «Prevediamo un’onda di risalita dei contagi. Gli effetti tra 14 giorni». Rizzoli: «I controlli? C’erano, ma era impossibile sanzionare 30 mila persone» Se la regione diventa rossa e i ristoratori devono richiudere non si lamentino poi con Speranza Ancora stiamo aspettando quelli del 25 Aprile. Il nuovo direttore del CorSera

Cina, gli Usa: 'Non costringeremo gli alleati a una scelta noi-loro' - Tgcom24Gli Stati Uniti 'non costringeranno i propri alleati a fare una scelta 'noi o loro' con la Cina'. Lo ha detto il segretario di Stato americano, Antony Blinken, aggiungendo: 'Non c'è dubbio che il compo...