Fridays For Future: le finte svolte green dell'Europa e dei governi dell'Unione - Il Fatto Quotidiano

  • 📰 fattoquotidiano
  • ⏱ Reading Time:
  • 49 sec. here
  • 2 min. at publisher
  • 📊 Quality Score:
  • News: 23%
  • Publisher: 51%

Italia Notizie Notizia

Italia Ultime Notizie,Italia Notizie

Dalla Merkel, a Macron, a Conte, per non parlare dell'Europa di Von der Leyen. Tutti sposano programmi per l'ambiente, ma incrementano le centrali inquinanti e l'estrazione di gas e petrolio Iscriviti alla newsletter 'Fatto for Future' 🌿

. La battaglia, dicono alcuni, sembra ormai avviata verso una felice conclusione: le istituzioni hanno ascoltato gli esperti e, finalmente, agiscono.Tutti i piani sopra elencati – pur presentati in pompa magna – sono lacunosi, insufficienti, talvolta persino dannosi. Si distingue in negativo, poi, il governo italiano, timido fino al ridicolo nell’affrontare la questione.

Arriviamo, dunque, alla cronaca. Approfittando cinicamente dell’attenzione rivolta al covid, alcuni leader cercano di fare precipitosi passi indietro sui temi ambientali. Eccone alcuni esempi.brucia ormai da settimane, vittima di incendi resi sempre più violenti e incontrollabili dalla crisi climatica. In questo contesto il Presidente Trump – in piena campagna elettorale – si è detto convinto che le “temperature globali, invece di aumentare, diminuiranno”.

presentando il suo piano per la transizione ecologica. Già allora, in realtà, denunciammo l’inconsistenza del progetto, e oggi abbiamo l’ennesimo riscontro: il Parlamento Europeo ha ammesso tra gli investimenti verdi anche quelli sul gas, combustibile fossile responsabile della crisi climatica. E’ come se si raccomandassero baci e abbracci in un decreto anti-Covid.sta lavorando da mesi ad un piano di parziale riconversione dei SAD in sussidi favorevoli a clima, natura e salute.

 

Grazie per il tuo commento. Il tuo commento verrà pubblicato dopo essere stato esaminato.

Finché la popolazione mondiale crescerà sarà sempre peggio.

In Adriatico di fronte a noi estraggono idrocarburi croati e albanesi, i greci dallo Ionio e contendono ai turchi i giacimenti. Noi grazie ai grillini e ai cerebrolesi NO TRIV non sfruttiamo i nostri giacimenti, perdiamo competenze e posti di lavoro e compriamo il gas da loro!😭

Non condivido questa analisi

Abbiamo riassunto questa notizia in modo che tu possa leggerla velocemente. Se sei interessato alla notizia puoi leggere il testo completo qui. Leggi di più:

 /  🏆 45. in İT

Italia Ultime Notizie, Italia Notizie

Similar News:Puoi anche leggere notizie simili a questa che abbiamo raccolto da altre fonti di notizie.

We Are Who We Are: il trailer, la trama e il cast della serie tv SkyLeggi su Sky TG24 l'articolo We Are Who We Are: trailer, trama e cast della serie tv Sky in uscita il 9 ottobre
Fonte: SkyTG24 - 🏆 31. / 55 Leggi di più »

Acido ialuronico, il vero e il falsoLo sapete che ogni grammo di acido ialuronico può catturare fino a 6 litri d’acqua? Parola di esperta. Leggete qui
Fonte: vogue_italia - 🏆 17. / 68 Leggi di più »

Reddito di cittadinanza, il tagliando è un’occasione per correggere il tiroLe politiche attive del lavoro dovrebbero puntare su formazione e orientamento. E le indagini della Guardia di Finanza hanno dimostrato ampie sacche di irregolarità
Fonte: sole24ore - 🏆 1. / 98 Leggi di più »

Elezioni Usa 2020, ora si è rotta l’America: il 'Trump bis' fa paura - Il Fatto QuotidianoRicevo da New York, da Washington, dalla California messaggi che non avrei saputo inventare per un romanzo di fantapolitica. Sono messaggi brevi, concitati e difficili sia da credere sia da ignorare. Dicono: “Ho paura”. Stanno parlando delle elezioni presidenziali che stanno per avvenire con la implacabile regolarità che abbiamo sempre riconosciuto all’America: stesso giorno di … marcotravaglio Forza Trump! Che schifo Furio colombo e sticazzi
Fonte: fattoquotidiano - 🏆 45. / 51 Leggi di più »

Se la politica perde il contatto con il PaeseI partiti di governo prendono le distanze all’unisono dagli aumenti concessi in agosto al presidente dell’Inps Pasquale Tridico e all’intero Cda dell’istituto. E tuttavia non riescono a mettere a fuoco con esattezza il problema che li riguarda: la disconnessione, mai evidente come in questo caso, tra le scelte del Palazzo e la condizione anche emotiva del Paese. È una disconnessione “politica” nel senso più profondo del termine, perché l’arte di gestire la Polis è innanzitutto quella di capirne e interpretarne problemi e sentimenti. Come diavolo è potuto venire in mente al ministero del Lavoro, peraltro in concerto col Mef, di raddoppiare i compensi ai vertici della previdenza nel pieno della tempesta Covid, il 6 agosto, appena usciti dal lockdown, con centinaia di migliaia di italiani potenzialmente disoccupati, decine di migliaia di lavoratori che non hanno ancora preso la cassa integrazione, e l’economia in ginocchio? E come è possibile che nessuno, tra i molti che hanno letto e validato quel decreto, abbia pensato di sollevare l’obiezione che forse non era il momento? Mistero. O forse ovvia dimostrazione della differenza, a lungo dimenticata, che passa tra la categoria del populismo e un'autentica vocazione popolare. I desideri, le emozioni, le volontà del popolo sono da anni la bussola quasi esclusiva dei partiti, talvolta la loro ossessione, nonché il metronomo che regola i tempi del governo e del Parlamento, suggerisce di dilazionare o accelerare leggi, lanciare campagne o metterle a dormire. E’ bizzarro scoprire che a questa inesausta rincorsa del favore del popolo sia sfuggito l’elementare dato di realtà che il popolo italiano sta attraversando la crisi economica più grave della sua storia recente. Ha cancellato progetti di vita, spese non indispensabili, vacanze. Sta attingendo ai risparmi per sostenere figli che hanno perso il lavoro. Tira la cinghia in cassa integrazione senza sapere se a gennaio avrà ancora un reddito o no. Cerca la via dell’emigrazione
Fonte: LaStampa - 🏆 16. / 68 Leggi di più »

Novara, famiglie preoccupate dopo il lockdown: cresce il fenomeno “scuola da casa”NOVARA. «L’emergenza Covid è stata uno schiaffo che ci ha fatto riflettere su qualcosa che già pensavamo che non funzionasse per noi»: Antonio D’Adderio e la moglie Mildre sono delle famiglie che quest’anno non manderanno più il loro bambino a scuola ma sperimenteranno un sistema di homeschooling. In pochi mesi c’è stato un vero boom di richieste nel Novarese, zona fino ad ora non molto aperta all’istruzione parentale e i genitori come loro sono passati da una cinquantina a oltre cento (di cui 60 nel capoluogo). In Piemonte il fenomeno coinvolge oltre 800 famiglie di cui 400 a Torino, un centinaio a Biella, 80 nel Vco e altrettanti a Cuneo, una trentina ad Alessandria e una cinquantina ad Asti. Nel 2019 a Novara un gruppo di genitori aveva ottenuto una stanza in una scuola privata e creato un progetto di insegnamento parentale per bambini dai 2 ai 6 anni gestito da una mamma, Paola Silvestri, che era maestra elementare in una scuola pubblica e poi si è licenziata. Altre esperienze erano già attive a Borgomanero, Arona e Oleggio. «Vogliamo ribaltare il punto di vista e partire dai bisogni dei bambini invece che da un sistema statico, un po’ compresso - dice Silvestri -. Non è facile, però, trovare persone con cui condividere idee comuni». Ma l’emergenza Covid ha dato una spinta a chi era indeciso e sabato mattina una prima riunione informale tra famiglie si è tenuta in un parco di Novara. Coordina Francesco Bernabei, di professione sviluppatore sociale e padre: «Cinque anni fa avrei voluto avviare l’homeschooling con le mie prime due figlie ma non ho trovato altri con cui avviare il progetto, tutti pensavano fosse qualcosa di troppo strano. Adesso può essere il momento giusto». Perché si sceglie di non mandare i figli in classe? «Vogliamo evitare l’inquadramento dei bambini in un sistema di apprendimento unico, ce ne sono altri molto validi che la scuola non considera - dice Bernabei -. Poi gli scolari trascorrono troppo tempo chiusi in un’aula, senza la possibilità
Fonte: LaStampa - 🏆 16. / 68 Leggi di più »