Free Shots, un viaggio surreale con Paolo: il video

Free Shots, un viaggio surreale con Paolo: il video

06/04/2021 09.52.00

Free Shots, un viaggio surreale con Paolo: il video

Leggi su Sky TG24 l'articolo Free Shots, un viaggio surreale con Paolo: il video

06 apr 2021 - 07:07In questo periodo difficile di pandemia e di lontananza dal pubblico la band si è rimessa al lavoro scrivendo diversi nuovi brani. Questo singolo è il primo di una serie di inediti che saranno pubblicati nei prossimi mesi. Il video è presentato da un testo originale della band

Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Scontro Ue-Orban, Bruxelles scrive all'Ungheria: 'La vostra legge viola le norme europee' - Europa 'È come studiare gli anelli di un albero'. Lo studio sulla pandemia di coronavrus di 20mila anni fa

Condividi:"Paolo", il nostro nuovo singolo, è nato in pieno lockdown, nell'aprile 2020, quando, dopo tanti anni, abbiamo dovuto interrompere i concerti dal vivo, nostro habitat naturale. Ci siamo quindi dedicati alla scrittura. Il brano è un'idea testuale e musicale del batterista Mattia Ciuffardi, arrangiato e prodotto in band, quindi registrato dal fonico milanese Michele Marino Gallina al Greenfog Studio di Genova. Il lockdown ha condizionato le nostre vite. Abbiamo sentito, e ancora sentiamo, il bisogno di una speranza che ci spinga a guardare con positività al futuro nonostante le difficoltà. "Paolo" è la figura che rappresenta per noi l'ancora in un mare in tempesta, un amore al quale aggrapparsi, un bisogno di certezze in un mondo pieno di contraddizioni. Pensiamo che ognuno abbia il proprio "Paolo" o che lo stia cercando, e che ciascuno possa interpretare con grande libertà il nostro testo. Anche dal punto di vista musicale noi Free Shots abbiamo i nostri "Paolo": ci ispirano e ci danno lo slancio per continuare a suonare. Sono Louis Armstrong con la sua inimitabile tromba, Beyoncè con la sua classe cristallina, Count Basie e la sua orchestra, Cleopatra dei Lumineers con la sua vicenda travagliata, Johnny Cash e le sue storie, la voce di Tom Waits, un assolo di Mark Knopfler, De Andrè che scrive di Genova, un groove di Jaco Pastorius, un "cuoco ambulante che soffrigge musica" (citando un altro Paolo, Conte) e ci incanta suonando nella piazza di una città; e tanti altri ancora. La nostra ricerca musicale, cominciata nel 2014, è arrivata oggi ad avere un'identità ben precisa: la musica della grande tradizione americana dello swing e del blues, dalla quale il nostro Neo-swing trae origine, viene fusa con l'Electro-swing e col Pop, creando un ambiente trascinante dove poter raccontare storie. Suonando in giro per l'Italia abbiamo avuto modo di conoscere i migliori artisti della scena Electro-Swing internazionale che hanno, ciascuno a modo proprio, condizionato l'evolversi della nostra produzione. Proponiamo sonorità elettroniche, ritmiche più quadrate (tempo dimezzato) all'interno del rapido flusso sincopato dello swing degli anni '30.

Il videoclip che accompagna il brano è il risultato di un incontro di due visioni, quella musicale e quella teatrale. Diretto da Aleph Viola, regista, attore, scrittore e musicista, vede come protagonista Paolo Li Volsi, altro giovane attore con all'attivo esperienze teatrali e televisive. L'interpretazione dei due artisti rappresenta con la giusta dose di ironia le immagini proposte dal testo e dal flusso musicale. headtopics.com

Abbiamo individuato in questi due giovani creativi le persone giuste per dare un'impronta innovativa al nostro format. Crediamo che quello che è venuto fuori incarni bene le nostre idee e sentiamo particolarmente azzeccata questa produzione. "Paolo" è il primo di una serie di inediti che verranno presentati nei prossimi mesi. Consigliamo a tutti gli ascoltatori di seguire i nostri canali Spotify e Instagram per non perdersi le prossime uscite, con la speranza di incontrarci presto sulla strada.

Leggi di più: Sky tg24 »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa