Fotocamere mirrorless Canon R5 e R6: le abbiamo provate

Abbiamo toccato con mano e messo alla prova per una giornata i due nuovi modelli con cui il produttore giapponese punta a convertire i professionisti che preferiscono ancora la reflex

05/10/2020 13.17.00

Abbiamo toccato con mano e messo alla prova per una giornata i due nuovi modelli con cui il produttore giapponese punta a convertire i professionisti che preferiscono ancora la reflex.

Abbiamo toccato con mano e messo alla prova per una giornata i due nuovi modelli con cui il produttore giapponese punta a convertire i professionisti che preferiscono ancora la reflex

, la sua prima mirrorless a pieno formato di fascia professionale. Da allora il nuovo sistema RF, che si affianca (e sul lungo termine sostituirà) il trentennale EF, si è allargato e ha guadagnato sempre più importanza. L’azienda giapponese ha ampliato la gamma di ottiche con il nuovo attacco e aggiunto due nuovi promettenti modelli alla linea R:

Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Coronavirus, Israele verso il ritorno all’obbligo di mascherine al chiuso dopo l’aumento dei contagi

Canon EOS R5 e Canon EOS R6. Sono due macchine fotografiche pieno formato mirrorless che puntano alla fascia alta del mercato e si posizionano subito sotto l’ammiraglia 1D X Mark III (che è ancora una reflex, però). Non è un caso: hanno molto di più in comune con la macchina di punta dell’offerta canon e con la Canon 5D Mark IV (l’altra beniamina di molti fotografi professionisti) di quanto non condividano con la prima EOS R o la EOS RP (il modello economico). Lo abbiamo potuto riscontrare durante una giornata di prova a Cortona, in occasione del festival Cortona On The Move. 

Canon EOS R6, obiettivo RF 24-105 -  f/4, 1/640, 6400 ISOPrime impressioniIl primo aspetto di cui ci si rende subito conto impugnando le due nuove macchine, è il buon lavoro che Canon ha fatto sul piano dell’ergonomia. R5 e R6 sono facili da maneggiare e risvegliano velocemente la memoria muscolare di qualunque Canonista. I comandi sono facili da raggiungere, intuitivi, ben posizionati sul corpo macchina. EOS R5 in particolare sarà subito familiare al professionista che arriva da una reflex 5D Mark IV. Le impostazioni sono molto simili e si ha subito l’impressione che Canon abbia azzeccato la missione: offrire ai più convinti sostenitori delle reflex professionali dell’azienda una motivazione molto valida per abbandonare una volta per tutte il pentaprisma.  headtopics.com

Per molti il problema rimane naturalmente la fedeltà del mirino, che sulle mirrorless non è ottico ma digitale. Nel caso della EOS R5, in particolare, il viewfinder offre una fedeltà straordinaria, che non ha niente da invidiare ai mirini tradizionali. Lo dicono i dati tecnici (EVF da 0,5” OLED a 5,6 milioni di punti, frequenza di aggiornamento a 120fps, copertura del 100% del sensore) ma anche e soprattutto le prime impressioni dei fotografi professionisti che abbiamo incontrato a Cortona e che hanno già utilizzato le due macchine per alcuni dei loro lavori più recenti.

Canon EOS R5, obiettivo RF85mm f/1.2 - f/4, 1/125, 320 ISOLo scattoDurante lo scatto entrambe le fotocamere si sono comportate molto bene. Facili da operare anche per chi non viene dal mondo Canon, offrono modalità intuitive e comandi avanzati semplici da attivare. Di primo acchito il grande numero di impostazioni e settaggi possibili può essere difficile da digerire, ma la curva di apprendimento è corta e nel giro di poco si è pronti per scattare. 

Fare un confronto fra i due modelli non ha molto senso perché si tratta di due prodotti di fasce differenti. Ci siamo concentrati meno sulla R6, il modello di fascia più bassa pensato agli amatori avanzati che mira a “sostituire” la reflex EOS 6D, e di più invece sulla R5, con la quale Canon ha l’opportunità di convertire un numero ampio di professionisti ancora legati al mondo reflex. 

Canon EOS R5, obiettivo RF85mm f/1.2 - f/3,5, 1/125, 1250 ISOLe impressioni raccolte durante la giornata sono molto positive. EOS R6 è un prodotto onesto con caratteristiche decisamente ben pensate per il posizionamento medio-professionale. A nostro parere potrebbe però faticare un po’ di più sul mercato, perché chi punta a una fotocamera a questo prezzo potrebbe essere ingolosito da soluzioni di pari prezzo della concorrenza (Sony in primis, che su questo modello offre di più sul piano video) o della gamma reflex di Canon, i cui prezzi andranno inevitabilmente a scendere nei prossimi mesi.  headtopics.com

Logistica Verratti: 'Pensiamo in grande. Austria? Sarà dura' Nel Bresciano un agricoltore uccise due gatti, confermata la condanna a un anno e otto mesi

R5: la miglior Canon di sempre? R5, per contro, è - senza mezzi termini - un capolavoro fotografico. Ci possiamo sbilanciare, senza alcuna paura, e dire che è una delle migliori macchine fotografiche prodotte da Canon negli ultimi anni. Quando la si prende in mano si ha l’impressione di maneggiare decenni di esperienza Canon concentrati in una macchina mirrorless. Particolarmente impressionante l’efficacia dell’autofocus, una funzionalità ereditata direttamente dall’ammiraglia reflex 1D X Mark III. Il sistema di messa a fuoco è rapidissimo ed estremamente efficace. L’AF è talmente rapido ed efficace da metterci in difficoltà all’inizio: ci è servito un tempo tecnico per dimenticare gli adattamenti dell’occhio e della memoria muscolare che si sviluppano naturalmente compensando i meccanismi di autofocus tradizionali. 

Canon EOS R5, obiettivo RF85mm f/1.2 - f/3,5, 1/125,  400 ISOIl sistema di autofocus Dual Pixel CMOS AF II è stato “educato” tramite machine learning per imparare a riconoscere e seguire diverse tipologie di soggetto. Lo si può impostare sui volti e sugli occhi, ovviamente, ma si può attivare anche un sistema di tracking indipendente dal soggetto, che può seguire ad esempio anche una porzione del corpo. Il sistema funziona anche su oggetti in rapido movimento e soprattutto sugli animali in rapido movimento, come gli uccelli. Non abbiamo avuto modo di provare questo aspetto, a causa della location e del tempo inclemente, ma alcuni degli scatti promozionali di Canon sono sufficienti a comprendere l’efficacia. del sistema. 

Più semplice invece verificare come questo sistema funzioni bene in tutte le condizioni di luminosità durante la nostra prova a teatro (di cui vedete degli scatti di esempio in questo articolo). Non solo per la qualità ottica della capacità di messa a fuoco, ma anche per il meccanismo di stabilizzazione ottica a 5 assi implementato da Canon su queste due nuove macchine: seconda della lente, la macchina è in grado di applicare l’OIS fino a 8 stop. 

Qualità del dettaglio: Canon EOS R5, con obiettivo RF85mm f/1.2ConclusioniAbbiamo avuto poco tempo per provare a fondo R5 e R6, due macchine che avrebbero bisogno di giorni e giorni di prove per sviscerarne a fondo caratteristiche e potenzialità (come i video ad alta risoluzione, con cui non abbiamo sperimentato per questioni di tempo). Le impressioni però sono state estremamente positive. R5 ha decisamente superato le aspettative, giustificando l’hype che precedeva il lancio. R6 è un prodotto perfettamente posizionato e di alta qualità. headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Cerutti, i sindacati dopo la sentenza del Tribunale: “Lavoriamo per prolungare la cassa integrazione”«Abbiamo appreso che il Tribunale di Vercelli ha dichiarato il fallimento delle Officine Meccaniche Giovanni Cerutti. Ci rammarica non aver appreso la notizia tramite canali ufficiali, bensì tramite contatti informali. Pensiamo che questo atteggiamento sia una mancanza di rispetto verso i lavoratori che noi rappresentiamo». E' piccata la nota con cui Fim, Fiom e Uilm di Vercelli e Alessandria hanno informato i lavoratori della sentenza arrivata dal Tribunale di Vercelli: «Sarà nostra premura richiedere immediatamente un incontro con i curatori fallimentari per confermare la prosecuzione della cassa integrazione straordinaria così come previsto e sottoscritto negli accordi sindacali, soluzione che diversamente non sarebbe praticabile senza gli stessi accordi sindacali. Inoltre sarà nostra priorità attivare la necessaria discussione e analisi per ampliare il periodo di durata degli ammortizzatori sociali. Dopo richiesta e conseguente incontro con la direzione della nuova società, verranno convocate le assemblee sindacali». Insomma, quello che era nell'aria si è avverato ma non è stato comunicato ai sindacati. «Ce lo aspettavamo – conferma Ivan Terranova, segretario Fiom Cgil Vercelli Valsesia – ma nessuno ci ha avvisati. Ora vogliamo un incontro urgente». Sul tavolo ci sono temi come la cassa integrazione che coprirà i lavoratori rimasti fuori dalla newco Gruppo Cerutti S.r.l, che ha cominciato lunedì scorso la sua attività a Casale, fino al 31 gennaio 2021. «Dal concordato ora si passa al fallimento, con gli stessi lavoratori coinvolti. La cassa fortunatamente non è a rischio ma ci sono passaggi tecnici da fare. Ma la nostra richiesta sarà di prolungare la cassa integrazione, per questo un incontro con i curatori diventa fondamentale per non lasciare i lavoratori in un limbo». Il Tribunale ha nominato come giudice delegato per il fallimento la dottoressa Elisa Trotta e in veste di curatori l’avvocato Salvatore Sanzo e il dottor Ignazio Arcuri, con studio a Milano. I

I vigili del fuoco di Cuneo: “Al Tenda una catastrofe, così abbiamo salvato i colleghi francesi”«Abbiamo fatto appena in tempo ad infilarci nella galleria, mentre alle nostre spalle la strada stava crollando». Davide Cervetti, 51 anni, caporeparto dei vigili del fuoco di Cuneo, è uno dei 4 uomini del nucleo Speleo alpino fluviale che venerdì notte hanno portato in salvo altrettanti colleghi sapeur pompiers, rimasti isolati al presidio dell’imbocco francese del Tenda. Con loro, sotto choc, c’era anche un pastore (fratello dell’unico disperso in valle Roya), che ha dichiarato di averlo visto scomparire, trascinato via dalla furia della corrente, mentre lui si sarebbe salvato aggrappandosi a un albero. Il racconto di Cervetti inizia dalle 19,40 di venerdì. «Ero al centralino in sala operativa, poi con altri colleghi Saf siamo partiti verso Limone». Uno scenario apocalittico. «Abbiamo raggiunto non so come l’imbocco del tunnel lato Italia. La cabina Anas era distrutta, i computer in strada». Poi l’intervento di una pala meccanica della Edilmaco che esegue il cantiere Tenda Bis. «Ci hanno aperto un varco e scortati in Francia». All’uscita, il presidio dei pompieri era aperto, dei colleghi nessuna traccia. «Si erano rifugiati nel tunnel in costruzione – conclude -. Con loro il pastore. Li abbiamo riportati in Italia, scortati dalla pala meccanica di Edilmaco andata in retromarcia: dietro, si era aperta la voragine».

Milano Fashion Week: best of Talents presentationsAlle presentazioni della Milano Fashion Week abbiamo visto anche le borse colorate di Michele Chiocciolini MFW alwaysupportalent

Migranti, Comitato 3 ottobre, Andi Nganso: «Troppi di noi continuano a morire» - VanityFair.itIn occasione della Giornata della Memoria e dell'Accoglienza, abbiamo intervistato Andi Nganso, medico e attivista, a Lampedusa con il Comitato 3 ottobre

Blog | Biodiversità, mancati tutti gli obiettivi. ll Living Planet Index spiegato bene - Info DataFinora abbiamo mancato tutti gli obiettivi. L'allarme lanciato dall'Onu al summit sulla biodiversità e i numeri di questa catastrofe ambientale

Ruth Rogers: “Cibo italiano e relax, ecco il segreto del mio River Café”Chef del ristorante londinese: «I nostri clienti sanno che abbiamo ingredienti di altissima qualità e cerchiamo di compiacerli e accontentarli»