Volkswagen Id.4, Gtx

Formula GTX, così l'elettrica ID.4 mette il 'turbo'

Formula GTX, così l'elettrica ID.4 mette il 'turbo'

29/04/2021 15.15.00
Volkswagen Id.4, Gtx, Golf, Motori, Daniele P.M. Pellegrini

Formula GTX , così l'elettrica ID.4 mette il 'turbo'

Il modello a zero emissioni della Volkswagen raddoppia i motori e arriva a 299 Cv di potenza. Ecco numeri e prestazioni

2 minuti di letturaMILANO - I tempi cambiano ma ci sono cose che resistono al cambiamento. Il mito della GTI, per restare in campo automobilistico, più che un ricordo è un patrimonio da preservare, soprattutto per la Volkswagen alle prese con una transizione elettrica che ha il senso del cambiamento di pelle.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia» Giustizia, l'attacco di Marta Cartabia: “Crisi di credibilità e fiducia, ci vorrebbero tanti Livatino”

C’era una volta la Golf, e c’è ancora, ma per la “nuova” Volkswagen la Golf del futuro, e del destino, si chiama ID; d’obbligo quindi riservare ai modelli figli della rivoluzione elettrica le stesse attenzioni del modello più fortunato di tutti i tempi, a cominciare con la versione “cattiva”. Se la GTI degli anni Settanta ha fatto scoprire un nuovo mondo delle sportive (arrivando a mettere in ombra le classiche coupé) in tempi di emissioni zero la Volkswagen ci riprova e dedica una sigla altrettanto specifica alle versioni prestazionali dei modelli a batteria.

Si comincia con la ID4 che, a modo suo, ha l’ambizione di diventare qualcosa come la “Golf della nuova era” e quindi merita tutte le declinazioni del caso, compresa quella sportiva. La denominazione GTX, nata sull’onda della nostalgia per GTI, scommette sul fatto che la passione per la vivacità al volante continui, anche senza il rumore del quattro cilindri a iniezione e il pomolo del cambio a forma di pallina da golf che tanto hanno dato al mito Golf. Questa volta si tratta di auto a emissioni zero che, oltre a soddisfare i nuovi standard di mobilità sostenibile, strizzano l’occhio agli inguaribili del “mi piace andare più forte degli altri” anche senza il look di una supercar. La ID4 GTX aggiunge all’immagine e alla sostanza della crossover di base, tutto quello che “fa GTI” secondo gli standard di domani: più appeal, più tecnologia, più prestazioni in una sostanza e un look da auto di tutti i giorni. headtopics.com

Lo sforzo tecnico è importante, perché dare più cavalli a un motore elettrico è un gioco da ragazzi, ma cambiare personalità è un’altra cosa; per questo il motore della ID4 addirittura raddoppia (uno davanti e uno dietro per ottenere quattro ruote motrici) e mette a disposizione ben 299 Cv con tutto quello che segue: 180 km/h di velocità massima e 6,2 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

Il resto è normale caratterizzazione del look e degli interni con tutto quello che fa sportivo, dai cerchi da 20 (a richiesta 21) pollici alle colorazioni specifiche, mentre i rivestimenti recuperano le cuciture rosse e i sedili sono dedicati a questa versione. Un passo avanti anche nell’elettronica di bordo, arricchita dalla possibilità di aggiornamento on-air del software e con cinque diverse regolazioni della dinamica di marcia (Eco, Comfort, Sport, Individual e Traction).

Per gli ansiosi dell’autonomia la ID4 GTX garantisce che le sue batterie da 77 kWh permettono di percorrere fino a 480 km e che possono essere ricaricate con i sistemi rapidi fino a 125 kW di potenza. La ID4 GTX sarà commercializzata entro l’estate e i prezzi disponibili nel mese di maggio saranno proporzionalmente superiori a quelli delle versioni standard; per la Germania il listino di partenza sarà leggermente superiore ai 50.000 euro.

Leggi di più: la Repubblica »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Così il politically correct toglie il gusto di sognare con il bacio tra Biancaneve e il suo principeCosì il politically correct toglie il gusto di sognare con il bacio tra Biancaneve e il suo principe

Un’altra auto della Protezione civile mette nei guai il sindaco Corradino: aperta una nuova indaginePrende il via da un esposto presentato in Procura dal consigliere comunale di Cossato Stefano Revello la nuova indagine che ha coinvolto l'attuale sindaco di Biella Claudio Corradino, che avrebbe ricevuto un nuovo avviso di garanzia. Revello, insieme all'ex presidente del Cissabo Roberto Tomat, avrebbe rilevato degli abusi nell'acquisto, nel ...

Jaguar-Land Rover, l'offensiva elettrica dei modelli cultDalla nuova Defender al Suv a zero emissioni del giaguaro i-Pace, così il gruppo inglese prepara il futuro della mobilità Immagino il piacere di guida !!!!

Libia, così si spara ai pescherecci italiani: il video dell'abbordaggio degli uomini di HaftarSpari e non soltanto in aria ben visibili dai fori di proiettili nella parte superiore della plancia di comando del peschereccio di Mazara del Vallo Michele Giacalone. A seguire un gommone guidato da milizie libiche che si accosta al peschereccio. Gli uomini del generale Haftar salgono così a bordo armati con mitra e pistole. È quanto si vede nel video girato sul peschereccio Michele Giacalone che prova l’attacco da parte dei libici all’alba del 3 maggio, a circa 40 miglia da Bengasi, nel Mediterraneo centrale. La Giacalone fa parte della stessa marineria delle imbarcazioni Aliseo e Artemide, bersaglio del successivo attacco in cui è rimasto ferito uno dei comandanti.L'attacco alla Giacalone si è concluso con l’intervento della fregata Alpino della Marina militare che ha riportato i pescatori in salvo. Una vicenda analoga a quella avvenuta l’1 settembre 2020 quando 18 pescatori di Mazara del Vallo furono sequestrati dalle milizie del generale Haftar per poi trascorrere 108 giorni di detenzione in Libia prima di essere stati liberati dopo oltre tre mesi i il 17 dicembre 2020.Di Alessandro Puglia Gente in ginocchio delrio orfini?