Fast Animals and Slow Kids: «Per guardarsi indietro senza vergogna» - VanityFair.it

La band di Perugia, a dieci anni dal suo primo disco, torna dal 13 settembre con «È già domani», album complesso nel quale «Ci sono tante domande e nessuna risposta»

17/09/2021 21.31.00

La band di Perugia, a dieci anni dal suo primo disco, torna dal 13 settembre con «È già domani», album complesso nel quale «Ci sono tante domande e nessuna risposta»

La band di Perugia, a dieci anni dal suo primo disco, torna dal 13 settembre con «È già domani», album complesso nel quale «Ci sono tante domande e nessuna risposta». Fra la speranza di un tour e un talk per ritrovare gli amici: «La vittoria più grande è avere ancora voglia di uscire a cena tra di noi»

Animali Notturni. Cosa c’è dentro?«Noi siamo la band da cliché, con il taccuino in tasca. Prendiamo appunti sugli istanti della nostra vita, per metabolizzarli poi. Nell’album, c’è tutto quello che abbiamo vissuto negli ultimi ventiquattro mesi. C’è la pandemia, la vita che abbiamo vissuto, le tragedie umane che abbiamo visto consumarsi. C’è un tour che non è andato e c’è un senso di speranza, di qualcosa che ritorna».

Attacco hacker al sito della Siae: 60 gigabyte di dati rubati, pronti per essere pubblicati nel dark web. Richiesto riscatto in bitcoin Emma Raducanu è la nuova ambasciatrice della maison Dior Iperfragili, malati e ultraottantenni. Ecco l’identikit dei vaccinati che sono deceduti

Sembra, però, ci sia anche tanta critica sociale: rabbia, frustrazione.«Sicuramente,È già domanisi concentra sul futuro e sul senso del tempo. Abbiamo cercato, però, di darne una lettura duplice. Viviamo un presente che è sempre più vicino al futuro: una dimensione temporale che una lastra sottile, fragile, separa dalla successiva. Viviamo alla luce di quel che saremo poi, fra due minuti, settimane o mesi. Viviamo nella speranza di poter essere versioni migliori di noi stessi».

Ed è un male?«No, ma questa continua proiezione del sé nel futuro altera la percezione del sé presente, e questo genera ansia. Viviamo uno stress eterno, uno stato di continua progettazione. Abbiamo l’angoscia di un futuro che ancora non è arrivato». headtopics.com

La consapevolezza di questo dualismo è figlia della pandemia o dei trent’anni?«Forse, di entrambe le cose. I trent’anni non li stiamo mettendo a fuoco, li stiamo lasciando andare. Quel che conta sono i passaggi mentali ed umani che stiamo facendo, sono le domande che ci si pone a prescindere dall’età».

Dunque, il «cosa» prima del «quando».«Sì. Non crediamo che sia necessario fare determinate cose perché si ha una determinata età. Nel nostro gruppo di amici, un gruppo di coetanei, non siamo focalizzati tutti sugli stessi obiettivi. Abbiamo percorsi diversi, e vanno tutti bene. Perché lasciarsi trasportare dal proprio flusso non significa perdere la capacità di riconoscere ed analizzare quel che la vita, nella sua complessità, offre».

Perciò, inCosa ci direbbe,cantate «Se dovremo raccontare ai figli che sapore avranno questi anni, sarà il vento di quest’ignoranza a tramandare tutti i nostri sbagli»?«Nel disco, sono confluite alcune cose che fanno parte della nostra percezione odierna. Ci sono aspetti di questa società che non ci trovano in linea: l’ignoranza dilagante, capace di esplodere nella più cieca rabbia sociale, la progressiva disgregazione della collettività cui stiamo assistendo».

Come combattere tutto questo?«Questa volta, non abbiamo risposte. Questo album, quantomeno nella nostra percezione, si pone tante domande senza offrire alcuna soluzione. È una novità, per noi. Di solito, concepivamo le canzoni come percorsi chiusi nelle nostre teste. Oggi, invece, abbiamo bisogno di confronto». headtopics.com

Attacco hacker alla Siae: esfiltrati dati, chiesto il riscatto - Cronaca Angelina Jolie: le figlie riciclano i suoi look da red carpet Lavoro sottopagato - Ecco cosa offre il mercato: stipendi da fame con la promessa di “inquadramento” e stage-truffa con il requisito di due anni di esperienza - Il Fatto Quotidiano

E, infatti, l’uscita del disco sarà accompagnata daÈ già domani – Il talk, al Teatro della Pergola di Firenze alle 16 del 13 settembre.«L’idea è nata per caso. A trent’anni, ci siamo trovati a confrontarci con gli uomini che sono stati i nostri padri alla nostra età. Ne è uscito una conversazione profonda, la condivisione di un momento, e abbiamo pensato di riunire alcuni amici per chiedere loro di parlare con noi delle tematiche che abbiamo portato nel disco, un disco di dialogo».

Perché avete deciso di aprirvi, nel disco, a collaborazioni esterne, con Lodo Guenzi (Come un animaleCosa ci direbbe)?«La risposta l’abbiamo maturata solo adesso, auto-psicoanalizzandoci. Nell’ultimo periodo, c’è stata tanta distanza fra le persone e abbiamo cominciato a sentirci soli. Abbiamo avvertito il bisogno di avere intorno amici con i quali confrontarci. Lodo lo conosciamo dai tempi in cui davanti ai nostri palchi c’erano dieci persone. Siamo amici, amici veri. C’è una sintonia sincera fra noi».

Da un punto di vista musicale, È già domani è molto diverso dagli album passati. Scelta stilistica o casualità?«Processo fisiologico. Può essere difficile averne contezza, dall’esterno, ma noi suoniamo insieme da dieci anni: siamo gli stessi da sempre, da sempre viviamo nella stessa città. Parliamo tutti i giorni delle stesse tematiche, fino a farne un’ossessione. L’ascoltatore riesce a percepire quel che c’è negli album, ma quel che c’è tra gli album non lo sente, non lo vede. Alla fine, ci siamo dati una sola regola».

Quale?«La coerenza. Coerenza rispetto a quello che piace a noi, non rispetto a quel che dovremmo essere secondo uno spettatore esterno. È già molto difficile così: trovare una sintesi tra noi quattro. Dunque, la definizione del nostro suono vogliamo spetti a noi, ed è importante che sia onesto e puro così da poterlo riascoltare negli anni senza doversi mai vergognare di quel che si è fatto». headtopics.com

Onestà, coerenza e purezza sono parte di una strada difficile. Avete scelto di non sposare le mode, quindi il successo facile. Quanto ne avete sofferto?«Poco. Ogni singolo ci si aspetta vada meglio, ma non c’è nulla da rimpiangere. Le scelte che abbiamo fatto le abbiamo fatte insieme, e sono sempre frutto di una sintesi soddisfacente fra le nostre quattro teste. Stare bene insieme e continuare ad avere voglia di andare a cena in quattro, per i cazzi nostri, è la vittoria più grande. Non soffriamo per un singolo che sarebbe potuto andare meglio, anche perché la musica che facciamo è quella che vorremmo ascoltare».

Nessun rimpianto, dunque.«Ma no. Anche perché tutto questo, ad un certo punto, finirà. Come tutti i musicisti, ci troveremo un giorno a fare un altro lavoro. La musica è un mondo aleatorio: oggi ci sei, domani scompari. Quel che conta è potersi guardare indietro con soddisfazione, consapevoli di aver lasciato sassi, non briciole di pane».

Attacco hacker al sito della Siae, sottratti 60 gigabyte di dati: chiesto un riscatto in Bitcoin Effetto green pass: in Trentino-Alto Adige e Piemonte il tasso più alto di neo-vaccinati Prosegue il presidio dei no Green pass a Trieste: qualche centinaio in piazza

Ad aprile, partirete con un nuovo tour. Quanta fisicità ci sarà?«Speriamo quella che c’era un tempo. la campagna vaccinale sta andando bene e gli esperti del settore parlano di un ritorno alla normalità. Abbiamo fiducia assoluta sul fatto che ad aprile di potrà fare un concerto in presenza, stando vicini, in piedi, sudati. insieme».

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Cinema, Daniel Craig riceve la stella sulla Hollywood Walk Of Fame - Spettacolo

E' la 2704/a celebrita' a essere onorata sulla via delle star (ANSA)

Megan Rohrer è il primo vescovo transgender: la svolta storica per la Chiesa luterana - iO DonnaLa chiesa apre in maniera importante alla diversità: la rivoluzione parte dalla Chiesa Evangelica luterana d’America

Il settore food è la regina degli scacchi del retailSu 300 miliardi annui spesi in cibo oltre un terzo sono destinati alla ristorazione fuori casa, fenomeno in salita. Nell’analisi di Engel & Volkers i numeri e i trend

“Nonostante tutto la poesia è ancora viva e può portare benessere al territorio”Il poeta Max Ponte organizza il primo “Piccolo festival della poesia, dei libri e dei prodotti tipici” a Villanova d’Asti

Gigi D'Alessio nonno per la terza volta: è nata Giselle - VanityFair.itClaudio, primogenito del cantante, ha dato il benvenuto alla terza figlia. Le nascite del 2021, però, in casa D'Alessio non sono finite: entro la fine dell'anno è atteso anche il quinto figlio di Gigi Ridicolo la bimba nata avrà una zia/o non ancora nata/o....buffo

Green Pass, perché questa è la scelta giustaL’estensione del green pass a tutti i lavoratori, pubblici e privati, conferma la linea che il Governo ha tracciato negli ultimi mesi in merito alla ripartenza in sicurezza. Il provvedimento non è inaspettato ma, ovviamente, soleva una serie di dubbi e perplessità. Alcuni si domandano se serva davvero una misura ... In Italia i giornalisti si vantano di avere la schiena dritta. Peccato si dimentichino di dire che non è in posizione verticale.

Cristina Trivulzio di Belgiojoso è la prima statua dedicata a una donna a Milano - iO DonnaSono 121 le statue della città e nessuna è dedicata a una personalità femminile. Possibile? Forse è il momento di cominciare a colmare questo vuoto assurdo