Noisiamoilturismo, Coronavirus, Video, Rai, Tv, Raitv, Rai News, Coronavirus, Italia

Noisiamoilturismo, Coronavirus

Fase 2. Napoli, in Piazza Plebiscito la protesta scenografica degli operatori del turismo

In centinaia, tra agenti di viaggio, conducenti di bus turistici, titolari di stabilimenti balneari e tour operator, proprietari di b&b, hanno manifestato dietro un grande striscione con la scritta #noisiamoilturismo #coronavirus

21/05/2020 17.49.00

In centinaia, tra agenti di viaggio, conducenti di bus turistici, titolari di stabilimenti balneari e tour operator, proprietari di b&b, hanno manifestato dietro un grande striscione con la scritta noisiamoilturismo coronavirus

Operatori del turismo, animatori, laboratori del settore dell'ippica: in centinaia si sono raccolti oggi in un'affollata Piazza del Plebiscito a Napoli per protestare. Diversi i comparti ma comune la protesta di lavoratori rimasti del tutto fermi e senza prospettive nel breve periodo. In piazza i manifestanti hanno protestato 'contro l'indifferenza del governo e degli enti locali'.

Condividi21 maggio 2020Gli operatori del turismo si sono dati appuntamento stamattina davanti la sede della prefettura di Napoli per chiedere di essere ascoltati dal governo. In piazza del Plebiscito in centinaia, tra agenti di viaggio, conducenti di bus turistici, titolari di stabilimenti balneari e tour operator, proprietari di b&b e altri imprenditori e lavoratori della filiera, hanno manifestato dietro un grande striscione con lascritta #noisiamoilturismo.

Classi unite e plexiglass al posto delle mascherine. Cambiano le regole, i dubbi degli esperti Coronavirus Bergamo, in un liceo già collocati i plexiglass nelle aule Lampedusa, incendi dolosi nei depositi barche dei migranti

In piazza anche i lavoratori del settore intrattenimento, animatori, titolari di ludoteche e sale eventi, giostrai, la cui voce si è unita sotto lo slogan #noiesistiamo."Sembrerebbe un giorno di festa, il governo parla di 400 miliardi e altre cifre che sono in campo, poi nelle nostre tasche non c'e' niente. I dipendenti - spiega Rino di un'agenzia di viaggio - non hanno avuto la cassa integrazione. Sono arrivati i primi 600 euro ma la verità è che nessuno ci dà voce e nessuno ascolta una filiera enorme come quella del turismo. Il turismo siamo tutti noi".

"Siamo stati totalmente abbandonati - dice Ettore, gestore di una sala feste per bambini -. Conte ha detto che i party sono banditi, quindi oggi parlare di organizzare una festa è come commettere un reato? Dietro quelle feste ci sono le nostre famiglie da sostenere e, intanto, noi siamo stati i primi a dover chiudere e nessuno ci dice quando potremo riaprire".

Anche animatori ed operatori dell'intrattenimento affermano di aver ricevuto dal governo"solo il bonus da 600 euro una tantum, ma da tre mesi siamo fermi e non sappiamo come pagare utenze e fitti. Non vogliamo altri sussidi - afferma Nicola, titolare di un'agenzia di eventi e spettacoli - vogliamo riprendere a lavorare. Si può entrare in pullman e ristoranti, ci si può assembrare nelle chiese, e le agenzie per eventi? Sei mesi di blocco sono insostenibili. La Campania è una delle regioni con il maggior numero di agenzie di animazione ed eventi in Europa: quest'estate due milioni di impiegati del settore animatore rimarranno a casa senza portare reddito alle loro famiglie".

Tra i manifestanti anche i gestori di impianti sportivi del settore ippico. Pier Luigi D'Angelo, presidente di Ippodromi partenopei, società che gestisce l'ippodromo di Agnano, ha chiesto un incontro al prefetto Marco Valentini per"conoscere la data per la ripartenza delle corse a porte chiuse.

È ripartito tutto il Paese, non capiamo perché l'ippica, che garantisce il rispetto del distanziamento a differenza di tanti altri sport, debba restare ferma".Fuori alla motorizzazione civile di Napoli si sono invece riuniti i titolari di autoscuole, critici nei confronti delle nuove modalità di svolgimento degli esami di guida, che definiscono"una scelta calata dall'alto da parte del governo".

Leggi di più: Rainews »

Avete fatto bene ! Boia al coronavirus ! Bastardo di un covid-19 ! protestano contro lo stato che non li lascia lavorare,contro i cinesi,contro il covid,contro le chiusure,contro le misere sovvenzioni,contro la malattia diffusa socialmente solo per far paura,protestano contro la morte... Protestano contro i Cinesi e COVID-19?

Italia dovrebbe chiudere e anche vietare la entrata de cinese per un ano o anche due! Dovranno fare così come lezione per loro e anche per quello che anno perso parenti in questa maledetta epidemia dello vírus cinese

Torino, gli infermieri in piazza per un flashmob: “Ricorderemo alle istituzioni i nostri morti”TORINO. Flash mob in piazza Castello, domani mattina, dalle ore 9 alle 12. Lo organizza Nursind Piemonte, sindacato degli infermieri, per fare sentire la voce 'degli eroi dimenticati'. «Chiederemo il giusto risarcimento per gli infermieri, ricorderemo alle istituzioni i nostri morti, i nostri ammalati, le nostre ferite - annuncia Francesco ... ricordatelo ai governi precedenti , che poi sono quelli che hanno tolto risorse alla sanita' pubblica e vorrebbero andare al governo risolvendo i problemi con tutte le soluzioni in tasca !

Blog | Milano, Napoli, Roma e Verona: come è cambiata la mobilità nella Fase 2? - Info DataL’analisi si è concentrata su Milano, Roma, Napoli e Verona. Per ognuna sono stati scelte piazze, luoghi culturalmente rilevanti ma anche parchi e stazioni. Si spera più che altro che aprano l'aeroporto di Verona per consentire di nuovo il flusso di turisti. Consumer confidence è molto basso, i negozi aperti fanno poche vendite solo con i veronesi. bellissimo lavoro FilMastroianni!

Whirlpool: sindacati, salvare Napoli e altri stabilimentiLeggi su Sky TG24 l'articolo Whirlpool: sindacati, salvare Napoli e altri stabilimenti ❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤ Vadano via, la regione campania nn Produce niente per il Consumo Giornaliero della regione, piena di disoccupati .. Produzioni regionali , provinciali e comunali per l' azzeramento del lavoro a nero e disoccupazione ..Basta con la rappresentanza e vendita di Prodotti cinesi .

I rischi della movida: folla di giovani all’ora dell’aperitivo a Roma, Milano e NapoliLe città e i rischi della movida: l’ora dell’aperitivo a Roma e Milano Diretta video Giornalismo d’assalto La politica locale e nazionale, incapace di implementare una strategia efficace per Testare, Tracciare e Trattare, dopo i runner ha trovato il nuovo capro espiatorio per discolparsi: la movida e gli aperitivi. Buona volonta. Incredibile. In 2 settimane vediamo casi ⬆️.

Meteo a Napoli: le previsioni del 21 maggioLeggi su Sky TG24 l'articolo Meteo a Napoli: le previsioni del 21 maggio

Blog | Milano, Napoli, Roma e Verona: come è cambiata la mobilità nella Fase 2? - Info DataL’analisi si è concentrata su Milano, Roma, Napoli e Verona. Per ognuna sono stati scelte piazze, luoghi culturalmente rilevanti ma anche parchi e stazioni. Si spera più che altro che aprano l'aeroporto di Verona per consentire di nuovo il flusso di turisti. Consumer confidence è molto basso, i negozi aperti fanno poche vendite solo con i veronesi. bellissimo lavoro FilMastroianni!