Fase 2: l'ansia della nuova normalità e la paura di uscire (anche in vacanza) - iO Donna

Fase 2: l’ansia della nuova normalità e la paura di uscire (anche in vacanza)

08/05/2020 23.37.00

Fase 2: l’ansia della nuova normalità e la paura di uscire (anche in vacanza)

Abbiamo tanto desiderato il ritorno a una vita normale. Ma la fine del lockdown in alcuni di noi sta generando ansia, e il timore di uscire e trovare un mondo cambiato

c’è chi vive con ansia la ripresa dei ritmi precedenti, per paura di non farcela o perché ormai ha sviluppato nuove abitudini.Le nostre case, con tutte le difficoltà, in questo periodo, sono diventate un rifugio,ci hanno tenuto al sicuro dal

. E ricominciare a uscire là fuori dove il mondo è cambiato, non è facile per tutti.Inutile negare chesiamo stati sottoposti a un evento eccezionalee decisamente molto stressante che, nel bene o nel male, ha modificato il nostro modo di comportarci. E il timore, più o meno accentuato, di uscire di casa,

Leggi di più: iodonna »

Governo all’ultima spiaggia?

Tutti i retroscena che danno il Presidente del Consiglio come stanco delle continue liti tra i partiti che continuano a tirarlo per la giacchetta Leggi di più >>

Fase 2, le App per andare al mare nell'estate 2020 - iO DonnaNe abbiamo usate tante per sopravvivere alla quarantena, ora ne arrivano altre per organizzare le nostre uscite. Molte regioni pensano al numero chiuso negli stabilimenti balneari per rispettare il distanziamento sociale e la tecnologia corre in aiuto

La fase 2 della Francia comincia l'11 maggio (ma c'è un problema con le mascherine)Il premier Philippe annuncia: da lunedì via al “deconfinamento”, prevista una disciplina particolare a Parigi. Inchiesta di Le Monde sulle mascherine: dal 2011 al 2020 lo stock statale passato da 1,4 miliardi a 117 milioni, con una accelerazione delle distruzioni negli ultimi tre anni

Coronavirus, Istituto Superiore di Sanità: curva in calo, ma ancora siamo in fase epidemicaIl presidente dell'ISS Silvio Brusaferro: ​'Non siamo ancora in grado di immaginare l'eradicazione del virus perché serve il vaccino' Pensavo pandemonica.

Fase 2, negozi aperti da lunedì Ma Roma frena le RegioniIl documento dei governatori per anticipare la ripresa del commercioPalazzo Chigi dice no ma è pronto al via libera dal 18 a bar e parrucchieriDall’11 l’esame dei dati per decidere. Si potrà tornare anche a messa Non c'è speranza. Adesso tutti a discutere di tamponi e ancora non hanno nemmeno capito come si porta la mascherina. Sul mento come nella foto non serve a un cazzo. Su riproviamo, eppure non è difficile. MinisteroSalute GiuseppeConteIT Cartabellotta

Fase 2 e ricerca: in Bocconi, il nuovo laboratorio sul Covid-19 è guidato da una donna - iO DonnaIl Covid Crisis Lab studia l'impatto che la pandemia ha e avrà sulla società. Un bell'esempio di collaborazione tra discipline: ci lavorano 30 ricercatori tra economisti, statistici, demografi, giuristi e scienziati sociali. Al timone Alessia Melegaro, epidemiologa

I love shopping in Fase 2: capi imbustati , misurazione della temperatura ai clienti, sanificazione.Giulia Sartini, responsabile del prodotto Donna di Falconeri, racconta la gran rivoluzione nelle vendite e anche le nuove formule per fidelizzre i clienti. A iniziare dai prezzi.

Dopo mesi di quarantena, infatti, c’è chi vive con ansia la ripresa dei ritmi precedenti , per paura di non farcela o perché ormai ha sviluppato nuove abitudini. Le nostre case , con tutte le difficoltà, in questo periodo, sono diventate un rifugio, ci hanno tenuto al sicuro dal . E ricominciare a uscire là fuori dove il mondo è cambiato, non è facile per tutti. Inutile negare che siamo stati sottoposti a un evento eccezionale e decisamente molto stressante che, nel bene o nel male, ha modificato il nostro modo di comportarci. E il timore, più o meno accentuato, di uscire di casa, può essere una delle più comuni reazioni. Diversi fattori entrano in gioco e alimentano la voglia di rimanere confinati. Primo fra tutti il rifiuto di vedere (e accettare) che i propri riferimenti sono mutati : uscire significa prendere atto di com’è cambiato il mondo che si conosceva: città semi deserte, negozi chiusi, persone con mascherina e guanti. La nuova realtà può disorientare. Se a questo, si aggiunge che meno si esce di casa, meno voglia si avrà di uscire e che le certezze a livello sanitario non sono esattamente certezze, viene a crearsi un senso di inadeguatezza difficile da superare. Leggi anche