“False informazioni sui vaccini”, Neil Young chiede di togliere la sua musica da Spotify

La protesta contro il controverso podcast The Joe Rogan Experience

25/01/2022 13.12.00

“False informazioni sui vaccini”, Neil Young chiede di togliere la sua musica da Spotify

La protesta contro il controverso podcast The Joe Rogan Experience

Modificato il: 25 Gennaio 20221 minuti di lettura«Ora basta». Neil Young in una lettera alla sua casa discografica e al suo manager non usa mezzi termini. E arriva al punto di chiedere di rimuovere tutta la sua musica da Spotify. Il motivo? Il controverso podcast

The Joe Rogan Experience, in cui Joe Rogan parla di vaccini. «Lo sto facendo perché Spotify sta diffondendo informazioni false sui vaccini – causando potenzialmente la morte di coloro che credono alla disinformazione», ha scritto nella lettera Neil Young. «Per favore, agite immediatamente e tenetemi informato sui tempi». 

Leggi di più: La Stampa »

Governo all’ultima spiaggia?

Tutti i retroscena che danno il Presidente del Consiglio come stanco delle continue liti tra i partiti che continuano a tirarlo per la giacchetta Leggi di più >>

ALICE CASTAGNERI Modificato il: 25 Gennaio 2022 1 minuti di lettura «Ora basta». Neil Young in una lettera alla sua casa discografica e al suo manager non usa mezzi termini. E arriva al punto di chiedere di rimuovere tutta la sua musica da Spotify. Il motivo? Il controverso podcast The Joe Rogan Experience , in cui Joe Rogan parla di vaccini. «Lo sto facendo perché Spotify sta diffondendo informazioni false sui vaccini – causando potenzialmente la morte di coloro che credono alla disinformazione», ha scritto nella lettera Neil Young. «Per favore, agite immediatamente e tenetemi informato sui tempi».  Contro il podcast, il mese scorso, si è schierato anche un gruppo di oltre 250 medici che hanno firmato una lettera aperta indirizzata a Spotify per fermare il flusso di informazioni infondate diffuso da Rogan.  «Voglio che facciate sapere a Spotify immediatamente, oggi, che voglio tutta la mia musica fuori dalla loro piattaforma», ha continuato il cantautore nella lettera. «Possono avere Rogan o Young. Non entrambi», ha concluso perentorio. Con una stima di 11 milioni di ascoltatori per episodio,  The Joe Rogan Experience è tra i popolari podcast del mondo e ha un’enorme influenza. Per questo Young punta il dito contro Spotify che «ha la responsabilità di mitigare la diffusione della disinformazione sulla sua piattaforma». Il chitarrista, comunque, non è nuovo a battaglie contro il colosso dello streaming. Qualche anno fa aveva rimosso tutto il suo repertorio perché non era soddisfatto della qualità sonora. Alla fine, però, aveva fatto retromarcia. Al momento, nonostante la lettera di protesta, la musica di Young è ancora presente sulla piattaforma. Per ora Spotify tace. Ma, se la richiesta venisse accolta, tutte le canzoni potrebbero davvero sparire in un istante.  Leggi i commenti