Antonello Falqui, Scenografia

Antonello Falqui, Scenografia

Falqui in una frase: «Odio tutto ciò che è casuale»

Falqui in una frase: «Odio tutto ciò che è casuale»

16/11/2019 14.49.00

Falqui in una frase: «Odio tutto ciò che è casuale»

«Non volevo alfabetizzare il Paese come il maestro Manzi, ma solo intrattenerlo con grazia ed eleganza», diceva in un'intervista. Il regista è morto sabato notte a 94 anni

Email«Odio tutto ciò che è casuale, fortuitamente lasciato agli eventi, fuori dell’orbita del pensiero. Accanto all’esigenza di accontentare il pubblico nei suoi desideri, ci deve essere anche una volontà di stimolo al buon gusto, a un minimo di senso critico». In queste parole si racchiude la tv di Antonello Falqui, il più grande regista d’intrattenimento della tv italiana, sempre all’insegna della grazia e dell’eleganza. Aveva iniziato con «Arrivi e partenze» (1954) e finito con «Un altro varietà» (1986), in mezzo alcune pietre miliari della tv: «Canzonissima» (1958-59, 1969-70), in particolare l’edizione con il trio Scala-Manfredi-Panelli resta il più perfetto paradigma di varietà televisivo, «Giardino d’inverno» (1961), con le sorelle Kessler e il Quartetto Cetra, «Studio Uno», «Biblioteca di Studio Uno» e «Teatro 10» (1964), «Mille luci» (1974). Ma il suo capolavoro resta «Studio uno». Mentre Torino celebrava con «Italia 61» il centenario dell’unità d’Italia, gli italiani scoprivano le gemelle Kessler e il Dadaumpa. Falqui e Sacerdote erano stati negli Usa, avevano visto spettacoli nuovi, volevano proporli in Italia.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

Non c’era più bisogno di scenografie sfarzose, gli artisti si muovevano su fondali fatti di grandi spazi bianchi. La telecamera poteva così far risaltare meglio i corpi delle ballerine, delle star, dei conduttori; si cominciava in questo modo a ragionare in termini di linguaggio televisivo. E poi la cosa più moderna, sconvolgente: si vedevano in campo gli strumenti con cui si riprende lo spettacolo: telecamere, microfoni, giraffe, luci... Sull’

Espresso, Sergio Saviane ebbe parole di elogio: «Il merito di Sacerdote e Falqui non è solo d’aver allestito un varietà televisivo divertente, vivo, con molte idee e che promette di migliorare nelle prossime settimane, ma d’aver sconvolto le acque del rattrappito mondo della canzone, mettendo al bando i cantanti e le loro pietose interpretazioni». «Studio Uno» elimina i grigi, conosce solo il bianco e il nero. Ma non basta: di fronte a tanta accuratezza e tanta misura scenografica è possibile giocare sulla ridondanza. Nell’apparente asetticità dello studio c’è bisogno dell’enfasi delle gambe (le gemelle Kessler), dell’enfasi della parola (Walter Chiari), dell’enfasi della voce (Mina). Aveva capito tutto Achille Campanile che sottolineava la gestualità di Mina: «Di solito esordisce con alcuni cenni cabalistici. Intona, per esempio, “Giuramelo”, facendo schioccare le dita. Attacca “Besame mucho”, e si tocca la fronte, come per dire “Mi viene un'idea”. Indi passa all'ormai consueto suo gesto corrispondente al napoletano “pachioco”, per mettersi in posizione di riposo, con la palma sinistra sotto il gomito destro…». headtopics.com

Grazie a Falqui, l’allora direttore generale Ettore Bernabei si poteva vantare di aver tolto la gonna alle gemelle Kessler: «Le proponemmo con il tutù e la calzamaglia nera, senza gonna. Avevano bellissime gambe, ed erano statuarie come la Venere di Milo… E non si muovevano in maniera ammiccante e invitante: facevano vedere come si presenta, con eleganza e signorilità, una bella donna; sicché anche gli uomini presi da desideri umani le guardavano come ideali di bellezza e si contentavano delle loro mogli magari con un po’ di cellulite». In un’intervista rilasciata a Malcom Pagani, Falqui si confessa: «Non volevo alfabetizzare il Paese come il maestro Manzi, ma solo intrattenerlo con grazia ed eleganza. Così provai a trasformare la tv e spostai in quel contenitore il teatro di rivista, già declinante all'inizio degli anni '50. L'avanspettacolo lo conoscevo bene. Facevo sega a scuola per andare a vedere Rascel al Bernini». Falqui ha rappresentato l’espressione più alta del varietà televisivo classico: l’eleganza formale, gli ampi e maestosi movimenti di macchina, le scenografie liberty costituiscono il timbro inconfondibile delle sue regie.

16 novembre 2019 (modifica il 16 novembre 2019 | 12:31) Leggi di più: Corriere della Sera »

Siparietto Draghi-Casellati: 'Forse la presidente mi ha tolto parola' - Italia

Lei: 'Non mi permetterei' (ANSA)

allora odiava la vita.

Morto Antonello Falqui, regista del varietà televisivo da «Milleluci», «Il musichiere» e «Canzonissima»Era approdato in Rai nel 1952. A lui è dedicato il film «Il conte Max» del 1991 di Christian De Sica Ciao Antonello, grazie per la serenità che ci hai sempre regalato. Abbraccia Guidino per me

È morto regista Antonello Falqui | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo È morto regista Antonello Falqui | Sky TG24

Morto Antonello Falqui,padre del varietà - Ultima OraUn grande regista. Rio La classe. Da anni ci manca il suo stile...

Morto Antonello Falqui, regista del «Musichiere» e «Canzonissima»Era approdato in Rai nel 1952. A lui è dedicato il film «Il conte Max» del 1991 di Christian De Sica

Morto Antonello Falqui,padre del varietàSuoi Studio Uno e Canzonissima, lanciò Mina e le gemelle Kessler R.I.P. grandissimo Quando i varietà erano Varietà. 😔

È morto il regista Antonello Falqui, padre del varietà | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo È morto il regista Antonello Falqui , padre del varietà | Sky TG24