Ex Ilva, verifica Mise sulla riconversione a energia green

L’audizione di Giorgetti

03/03/2021 23.51.00

Ex Ilva, verifica Mise sulla riconversione a energia green

L’audizione di Giorgetti

3' di letturaSu ArcelorMittal, ex Ilva, stabilimento siderurgico di Taranto, il Mise effettuerà “una verifica di fattibilità tecnico-economica” per puntare ad “una riconversione energetica del sito”. Così il ministro Giancarlo Giorgetti nel question time alla Camera del 3 marzo, in risposta ad una interrogazione della parlamentare di Forza Italia, Vincenza Labriola. Sulla fabbrica, il Mise, ricorda il ministro, ha già avuto un primo confronto con i commissari di Ilva in amministrazione straordinaria, che rappresentano la proprietà dell'azienda, i sindacati, nonchè col governatore di Puglia, Michele Emiliano, e il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci. Per Giorgetti, è «emersa la volontà comune di vagliare ogni possibile ipotesi diretta a superare le criticità intervenute nel quadro di un rivalutato quadro dei fatti, coinvolgendo anche le istituzioni europee nell'ottica di tutelare la produzione strategica dell'acciaio in Italia, assicurare le garanzie per i lavoratori e la tutela dell'ambiente». Giorgetti non scopre le carte, ma termini come «riconversione energetica del sito» e «rivalutato quadro dei fatti» sembrerebbero preludere anche a nuovi scenari. In sostanza, potrebbe essere all'attenzione il lavoro di Danieli, Leonardo e Saipem che, giorni addietro, hanno firmato un accordo quadro per proporsi in progetti di riconversione sostenibile di impianti primari nel settore siderurgico sia in Italia, in particolare nel Sud e quindi Taranto, sia all'estero. In questo modo facendo «da traino e da integratori di una filiera tecnologica e produttiva italiana che costituisce una eccellenza a livello mondiale» spiegano le tre aziende. Per Danieli, Leonardo e Saipem, “la nuova soluzione tecnologica prevede la sostituzione del processo produttivo convenzionale dell'acciaio, basato sugli altoforni, con un nuovo processo che utilizzerà forni ad alimentazione elettrica ibrida integrati a impianti di riduzione diretta del minerale di ferro per mezzo di una miscela di metano e idrogeno per ottenere un acciaio green con emissioni limitate di Green House Gas”.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Giorgetti richiama l'accordo del 10 dicembre scorso tra ArcelorMittal Italia e Invitalia, relativo all'ingresso dello Stato nel capitale dell'azienda siderurgica con un primo versamento di 400 milioni per acquisire il controllo del 50 per cento. «Sembrava che la vicenda potesse aver avuto uno sblocco già all'inizio di quest'anno, ma ciò non è avvenuto nei termini e il 15 febbraio è passato abbondantemente» commenta il ministro riferendosi alla partecipazione di Invitalia per ora ancora sulla carta. Nel frattempo, rammenta Giorgetti, c'è stata la sentenza del Tar Lecce che ha ordinato lo spegnimento degli impianti dell'area a caldo entro 60 giorni (confermando una ordinanza anti-inquinamento di febbraio 2020 del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci). «Sentenza - sottolinea - che rischia di vanificare il buon esito dell'operazione». Tuttavia, rileva il ministro riferendosi all'udienza dell'11 marzo del Consiglio di Stato, «c'è una data in cui il giudice di appello dovrà decidere in merito alle misure cautelari». E per il ministro sarà un «passaggio fondamentale per valutare le iniziative da adottare». ArcelorMittal, così come Ilva in as, ha infatti chiesto la sospensiva della sentenza del Tar. Per Giorgetti, tuttavia, «il nuovo quadro finanziario, conseguente a una rivalutazione della tematica degli aiuti di Stato e al rinnovato approccio della situazione europea, permette di valutare in una nuova prospettiva la strategia di intervento pubblico nell'area». Inoltre, aggiunge, vi sono «specifiche previsioni del Piano nazionale di ripresa e resilienza che in questo momento sono in predisposizione al ministero».

ArcelorMittal, intanto, ha annunciato una nuova tranche di cassa integrazione ordinaria di 12 settimane, dal 29 marzo, per 8.128 dipendenti del sito di Taranto. La cig è già in atto da molti mesi e l'azienda motiva ai sindacati l'ulteriore ricorso con l'emergenza Covid 19 “ancora in atto in tutto il territorio nazionale e internazionale, i cui effetti continuano ad avere riflessi in termini di calo di commesse e ritiro degli ordini prodotti, considerato altresì il parziale blocco di parte delle attività produttive, distributive, manifatturiere e commerciali”. La società parla di un contesto “difficilissimo”, con «la chiusura degli ordini e delle fatturazioni visto il drastico calo registrato in questi mesi dei volumi e di conseguenza delle attività produttive». headtopics.com

Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Ex Ilva, il trasporto dell’acciaio è assegnato dal camputer: penalizzati i padroncini novesiTensione fra i fornitori: la nuova disciplina riguarda solo coloro che hanno determinate caratteristiche tecnico-operative

Ilva, A.Mittal: riduciamo produzione e rallentiamo investimenti - Tgcom24Aminvestco annuncia per gli stabilimenti ex Ilva 'una riduzione dei suoi livelli di produzione ed un rallentamento temporaneo dei suoi piani di investimento'. Le misure 'saranno in vigore fintanto che Invitalia non adempierà&nbs...

Ex Ilva, Giorgetti: 'Invitalia verserà 400 milioni prima della sentenza del 13 maggio'. Sindacati: 'Scaricabarile tre ministeri' - Il Fatto QuotidianoArriveranno prima del prossimo 13 maggio i 400 milioni di euro necessari per l’aumento di capitale che dovrebbero sbloccare l’ennesimo impasse nella complicata vicenda dell’ex Ilva. La data non è casuale, quel giorno è infatti fissata la discussione del Consiglio di Stato che dovrà decidere se confermare o meno lo spegnimento degli impianti ordinato dal … Ma non aveva risolto già tutto Landini ora che dice? O era buono solo ad attaccare Conte? Aspettiamo intanto che qualche giudice la mandi a puttane, sai che bello.

Ex Ilva, Bernabè: 'Sarò presidente da metà maggio. L'azienda va sanata salvaguardando salute e ambiente' - Il Fatto Quotidiano“Presidente dell’Ilva? Penso che lo sarò da metà maggio“. Intervistato a Otto e mezzo su La7, il manager di lungo corso Franco Bernabè ha confermato la sua nomina alla guida di Acciaierie d’Italia, la holding partecipata al 50 per cento da Invitalia e da Arcelor Mittal. “L’Ilva è un patrimonio enorme del Paese, che non … Belle parole. Vedremo Altro giro, altra sola. Stessi nomi da anni. A tutto apposto

Oggi Letta dice sì al Pd: ex renziani allo sbando - Il Fatto QuotidianoStamattina Enrico Letta dirà sì alla guida del Pd. È tornato nella sua casa di Testaccio a Roma, ieri. Riunioni via Zoom e dialoghi via telefono con i capi corrente e con i vari big del Pd. L’unico che manca all’appello è Lorenzo Guerini. Oggi Base Riformista farà un’Assemblea per decidere la linea: divisa e … WandaMarra Alla buon'ora, eh. Ma buongiorno! Una notte intera a dar fondo all'onicofagia nell'attesa, le 6000mignatte. : ) WandaMarra Accontenti tutti? 'Nche senso? WandaMarra i renziani possono fluire spontaneamente verso italiamorta; quanto a quelli che restano, vi consiglio caldamente di ritornare alle origini ristabilendo un rapporto di reciproca fiducia con le lavoratrici ed i lavoratori di tutte le categorie! Dovete ripartire dalla base!!!