Ossigeno, Kilian Jornet Burgada, Alta Quota

Ossigeno, Kilian Jornet Burgada

Everest, la tenda che simula la riduzione di ossigeno

Everest, la tenda che simula la riduzione di ossigeno

21/04/2019 16.37.00

Everest, la tenda che simula la riduzione di ossigeno

In uno studio il racconto di come l’alteta catalano Kilian Jornet si è allenato all’ alta quota in camera sua

shadowStampaEmailNel maggio del 2017 Kilian Jornet Burgada, fondista di corsa in montagna catalano, campione di ultrarail, raggiunse per due volte la vetta dell’Everest nel giro di pochi giorni (il 22 maggio e il 27 maggio) senza l’ausilio di ossigeno. L’impresa fu oggetto di grandi polemiche perché, come spesso capita in performance tanto estreme, non ci furono testimoni oculari o immagini nitide, ma neppure prove tecnologiche chiare che provassero il raggiungimento della vetta (il Gps riportò come quote massime raggiunte 8.593 metri e

'La Chiesa dovrebbe abbracciare i gay, invece non li vuole liberi. E ora Francesco sembra un po' Pio IX' Il Fatto di Domani del 22 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano I due ragazzi contro i genitori No Vax: «Vaccinateci, vogliamo essere liberi»

8.752 metri, poco sotto la vetta di 8.848 metri). Inoltre in molti misero in dubbio l’impresa anche perché non era chiaro come l’atleta fosse riuscito ad abituarsi all’alta quota in così poco tempo dall’arrivo in Himalaya, (appena una manciata di giorni), dal momento che vive per buona parte dell’anno sul livello del mare. Gli alpinisti che tentano gli Ottomila infatti normalmente trascorrono gran parte dell’ascensione (tra i 40 e i 60 giorni) ad acclimatarsi per evitare il classico «mal di montagna», che può portare a edema polmonare o cerebrale.

Lo studio’International Journal of Sport Fisiologia e performanceha spiegato nel dettaglio come lo skyrunner catalano si è preparato all’altitudine iniziando il lavoro «casalingo» ben due mesi prima di arrivare al campo base dell’Everest. Lo studio porta la firma di Grégoire Millet, professore associato di Fisiologia all’Università di Losanna, ma tra gli autori compare lo stesso Jornet. headtopics.com

La camera da letto trasformata in un simulatore d’alta quotaDue mesi prima di partire per l’Himalaya Kilian ha trasformato la sua camera da letto in Norvegia in un simulatore di alta quota. Ha prima cominciato a dormire in una tenda ipossica, che simula la riduzione di ossigeno, due o tre volte a settimana per abituarsi alla quota, proseguendo sempre il suo allenamento quotidiano. Un mese e mezzo prima della partenza ci ha dormito tutti i giorni, per un totale di 46 notti, simulando altitudini tra i 3900 e i 4800 metri. In pratica era come se dormisse sempre in cima al Monte Bianco. Alcune settimane prima della partenza ha iniziato a correre su un tapis roulant usando una maschera ipossica, in grado di fornire aria con un contenuto di ossigeno inferiore al normale, anche in questo caso simulando (in casa sua) un allenamento tra i 4000 e i 6000 metri.

L’ossigenazioneJornet durante il suo training ha misurato anche la sua ossigenazione del sangue: in circostanze normali il livello di saturazione si attesta tra 89-100%: tutta l’emoglobina presente nei globuli rossi che viaggiano verso i muscoli trasporta ossigeno. In quota, soprattutto se sotto sforzo, la quantità di ossigeno comincia a scendere e la saturazione di Kilian, alla fine di tutto il percorso di acclimatamento, si è attestata intorno all’85%.

Un nuovo protocollo di allenamentoNell’articolo si cita un vero e proprio protocollo di allenamento molto alternativo «live high, train low and high (vivi in alto, allenati in basso e in alto) dove di solito la regola è «live high, train low (vivi in alto, allenati in basso). L’acclimatamento classico prevede veloci salite ai campi alti, una notte verso i 6500 metri e poi periodi a quote più basse per abituare il corpo alla quota. In cima infatti c’è solo il 36 per cento dell’ossigeno che si trova al livello del mare. Un fisico non acclimatato rischia di collassare su se stesso, soffocando nei propri liquidi che invadono i polmoni e gonfiano il cervello. È proprio l’edema una delle cause principali delle 300 vittime che hanno trovato la morte sulla montagna più alta del Pianeta.

Dalle Alpi all’HimalayaLe tende ipossiche forniscono meno ossigeno, ma sulle vere montagne non manca solo l’ossigeno, anche la pressione è inferiore e la simulazione casalinga non può bastare. Per questo Kilian, una settimana prima di volare in Himalaya, si è allenato sulle Alpi: 100 ore di training «reale» con sessioni di scialpinismo, corsa e riposo in quota. Tre giorni dopo essere arrivato in Himalaya Kilian Jornet, il 27 aprile, ha raggiunto il campo Base del Cho Oyu a circa 5000 metri di altitudine dove ha proseguito l’acclimatazione. Nove giorni dopo ha raggiunto la vetta (8.201 metri) e subito dopo si è cimentato nella doppia conquista dell’Everest (vera o falsa che sia). Di sicuro senza la preparazione «a domicilio» nei due mesi precedenti all’Everest, in così poco tempo, non sarebbe neppure riuscito ad avvicinarsi. headtopics.com

Zan: «Sono incredulo, è un’ingerenza senza precedenti» Dichiarazione congiunta di 13 Paesi Ue contro la legge ungherese anti-Lgbt. Firma anche l'Italia (ma dopo le proteste) - Il Fatto Quotidiano Europei 2021, Juve e Barcellona per le differenze: loghi arcobaleno

Le spedizioni commercialiOggi alcune agenzie di spedizioni commerciali, proprio per evitare ai clienti lunghe permanenza in quota per l’acclimatamento, propongono un pacchetto che prevede programmi di allenamento mirati prima della partenza, ovvero dormire nel letto di casa, avvolti da teli completamente stagni, dove viene ridotto l’ossigeno proprio per simulare l’alta quota.

21 aprile 2019 (modifica il 21 aprile 2019 | 15:11) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Lyra McKee, la reporter di Belfast che definiva la pace “un’illusione”La 29enne giornalista uccisa da un colpo sparato probabilmente da militanti dell’Ira, negli scontri tra manifestanti e polizia giovedì notte a Derry. Forbes l’aveva inserita tra i giovani under 30 più influenti d’Europa

Salone del Mobile, quando è la luce che arreda (tra voglia di natura e tecnologia)A Euroluce collezioni ispirate al mondo delle piante e degli animali, lampade che si integrano con il verde o pensate per valorizzarlo. il tutto grazie a sorgenti miniaturizzate e forme sempre più essenziali, ma anche alla possibilità di regolare e gestire le fonti di illuminazione

Cairo: “Nessuna conseguenza per il gesto di Mazzarri che ha abbandonato la panchina”L’allenatore granata difeso dal patron: «Quest’anno è stato già enormemente penalizzato»

Lia, la pensionata che potrebbe «far pagare» 16 miliardi di euro allo StatoOggi la Corte costituzionale discute il suo ricorso contro la legge che rimanda di quattro anni il pagamento della liquidazione per i dipendenti pubblici ECCOLA QUA... UN'ALTRA COGLIONATA DI QUELLI CHE SI AUTO-DEFINISCONO COMPETENTI!!! LA NORMA È DEL 2010...MI RACCOMANDO 'CARTA IGIENICA DELLA SERA' DAI LA COLPA A QUESTO GOVERNO!!!

Notre-Dame, oltre 2,5 milioni di tweet per la cattedrale che bruciaBoom di foto, ricordi e messaggi con l’hashtag Notredame postati su Twitter subito dopo lo scoppio del rogo della cattedrale. Fra i trending topic anche la vignetta di Charlie Hebdo, uscito in “edizione straordinaria”

«What's Behind», la web serie che racconta il dietro le quinte di FcaArriva una «web serie» dedicata a Fca. Si chiama «What's Behind» ed è il progetto cinematografico che racconta il dietro le quinte delle articolate

Padula (Covip): «Per le spese c’è un ampio margine di riduzione»«Nel confronto internazionale i costi del secondo pilastro sono bassi, ma sono mediamente più elevati quelli dei prodotti di terzo pilastro. Per il presidente Covip potrebbe dare il buon esempio dimezzandosi lo stipendio.

Di Maio: 'Grave che la Lega minacci la crisi'. Salvini: 'Crisi governo è solo nella testa di Di Maio' - Europee 2019Non mi sembra dalle dichiarazioni di Salvini. Mandare a quel Paese i comunisti pentastellati è l' unica cosa da fare. Speriamo cada domani mattina.

La profezia di Caressa: «Sono curioso di vederlo questo Ajax contro la Juve»La battuta ironica del conduttore Sky è diventato un tormentone virale sui social network Detta anche 'la maledizione di Fassino' Ora tu l'ai visto cretino Ultimamente mi sembra che parli il politichese, un po di parte...

Pavia, la pista ciclabile che cattura la luce FotoNon più lastricati di pannelli fotovoltaici ma una speciale resina che, spalmata sull’asfalto, assorbe l’energia solare per rilasciarla di notte: 260mila euro il costo È una bella cittadina Ster317

Milano, 28 anni fa la storica nevicata che imbiancò la cittàIl 17 aprile 1991 le regioni del Nord si trovarono sotto la neve in un nomale giorno di primavera