Spettacoli, Cinema

Spettacoli, Cinema

Emma Thompson e Greg Wise chiedono di diventare cittadini di Venezia - La Stampa

«La prima cosa da fare, tesoro mio, è organizzarsi per nascere a Parigi», rispondeva la celebre fashion editor Diana Vreeland a chi le chiedeva il segreto del suo talento.

20/02/2020 19.49.00

«La prima cosa da fare, tesoro mio, è organizzarsi per nascere a Parigi», rispondeva la celebre fashion editor Diana Vreeland a chi le chiedeva il segreto del suo talento.

VENEZIA. «La prima cosa da fare, tesoro mio, è organizzarsi per nascere a Parigi», rispondeva la celebre fashion editor Diana Vreeland a chi le chiedeva il segreto del suo talento. Ma quando il talento lo hai messo a frutto e il successo è consacrato allora magari è tempo di prendere casa a Venezia come ha fatto il premio Oscar Emma Thompson insieme a suo marito Grieg Wise (sposato nel 2003 e da cui ha una figlia, Gaia Romily) che questa mattina hanno chiesto la residenza nella città presentandosi personalmente agli uffici del Comune. I due attori hanno firmato i documenti alla presenza dell'assessore comunale alla Coesione Sociale, Simone Venturini, che ha fatto loro dono di un Leone di San Marco. Insomma un vero e proprio «matrimonio» con Venezia, un luogo magico, fuori dal tempo, nonostante i problemi mai risolti. Non sono certo le prime star a prendere indirizzo in laguna. Elton John e il suo compagno David Furnish, hanno acquistato una palazzina del XV secolo per 200mila euro sull'isola della Giudecca, accanto alla chiesa delle Zitelle. E hanno chiamato il figlio, Zachary, in onore di San Zaccaria a cui è intitolata una delle più belle chiese di Venezia. Matrimoni «residenziali» ma anche matrimoni veri, come quello di George Clooney con Amal che ha fatto arrivare due anni fa sulla laguna una folla di star di tutto il mondo. D’altronde Peggy Guggenheim spiegava: «Si è sempre dato per scontato che Venezia è la città ideale per una luna di miele, ma è un grave errore. Vivere a Venezia, o semplicemente visitarla, significa innamorarsene e nel cuore non resta più posto per altro».

Gli attori Emma Thompson e Greg Wise chiedono di diventare cittadini di Venezia Pubblicato il20 Febbraio 2020VENEZIA. «La prima cosa da fare, tesoro mio, è organizzarsi per nascere a Parigi», rispondeva la celebre fashion editor Diana Vreeland a chi le chiedeva il segreto del suo talento.  Ma quando il talento lo hai messo a frutto e il successo è consacrato allora magari è tempo di prendere casa a Venezia come ha fatto il premio Oscar Emma Thompson insieme a suo marito Grieg Wise (sposato nel 2003 e da cui ha una figlia, Gaia Romily) che questa mattina hanno chiesto la residenza nella città presentandosi personalmente agli uffici del Comune. I due attori hanno firmato i documenti alla presenza dell'assessore comunale alla Coesione Sociale, Simone Venturini, che ha fatto loro dono di un Leone di San Marco. Insomma un vero e proprio «matrimonio» con Venezia, un luogo magico, fuori dal tempo, nonostante i problemi mai risolti.

Vietate le seconde domande Vaccino Covid, Draghi: “L’eterologa funziona, la farò anch’io” Le Foche: «AstraZeneca, il richiamo è fondamentale. E per il sistema immunitario è meglio il cambio di farmaco»

Non sono certo le prime star a prendere indirizzo in laguna. Elton John e il suo compagno David Furnish, hanno acquistato una palazzina del XV secolo per 200mila euro sull'isola della Giudecca, accanto alla chiesa delle Zitelle. E hanno chiamato il figlio, Zachary, in onore  di  San Zaccaria a cui è intitolata una delle più belle chiese di Venezia.

Matrimoni «residenziali» ma anche matrimoni veri, come quello di George Clooney con Amal che ha fatto arrivare due anni fa sulla laguna una folla di star di tutto il  mondo. D’altronde Peggy Guggenheim spiegava: «Si è sempre dato per scontato che Venezia è la città ideale per una luna di miele, ma è un grave errore. Vivere a Venezia, o semplicemente visitarla, significa innamorarsene e nel cuore non resta più posto per altro». headtopics.com

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Cassazione, chi cambia sesso potrà scegliere il nome che vuole - VanityFair.itGli ermellini hanno dato ragione ad Alessandro, che ha deciso di diventare Alexandra e non Alessandra

La retromarcia del Comune di Pragelato: “Nel weekend niente gare di sleddog” - La StampaIl vicesindaco: “Gli organizzatori non hanno affrontato il problema delle interferenze della manifestazione con i turisti che frequentano la zona”.

Storie di librerie che resistono: la Petrozziello di Avellino - La StampaIn una città piegata dalla crisi, un rivenditore che è anche centro culturale si rimpicciolisce per non chiudere. E tra i lettori si diffonde la solidarietà

Perché i sovranisti lodano la Brexit ma alla fine tutti in Europa ne hanno paura - La StampaIl Regno Unito rischia di diventare il paradiso della delocalizzazione e l’Italia è uno dei Paesi che deve temere di più. Ah, può essere .. quando le aziende capiscono che c'è un mondo, là fuori .. tanti saluti.. Scusate ma i competenti non avevano previsto l'arrivo di 3 dei 4 cavallieri dell'apocalisse (fame, peste e carestia) dopo la brexit Questo dipende da Bruxelles,e le eventuali contromisure che può benissimo adottare.

Calcio, l’Omegna cade 3-0 nell’andata dei quarti di Coppa Italia di Promozione - La StampaCon due gol in avvio e il tris a pochi minuti dalla fine, il Lucento supera 3-0 l’Omegna nell’andata dei quarti di finale della Coppa Piemonte di Promozione. A Santa Cristinetta i rossoneri pagano le assenze in difesa di Simone Spriano e Mattia Iob. Sotto 2-0 dopo appena 9’ con la doppietta di Ben Mannai, l’Omegna subisce a 5 minuti dalla fine il terzo gol di Racioppi. Nel finale viene espulso Perini. Il ritorno si giocherà l’11 marzo.

La Liguria è la prima trappola sul cammino di Crimi - La StampaI parlamentari liguri hanno consegnato ieri al reggente una lettera in cui si chiede di mettere al voto su Rousseau la possibilità di costruire con il Pd un fronte comune alle prossime Regionali di maggio