Emma Marrone: «Non ho mai pensato Perché di nuovo a me?, ma i primi due giorni li ho passati a piangere» - VanityFair.it

La cantante racconta in esclusiva a «Vanity Fair» la malattia e il ritorno

22/10/2019 13.01.00

«Non ho mai creduto al destino né alla sfiga. Il metro della tua vita sei tu». Emma Marrone ha raccontato la sua sfida più grande in esclusiva nel nuovo numero di Vanity Fair, in edicola dal 23 ottobre

La cantante racconta in esclusiva a «Vanity Fair» la malattia e il ritorno

di avere un’idea controcorrente su destino e felicità, e anche sul luogo comune del combattente che si ribella alla malattia. «Non ho mai creduto al destino né alla sfiga. Il metro della tua vita sei tu: è il tuo modo di scuoterti, di ovviare ai problemi, di affrontarli per quello che comportano che dà la cifra di quel che sei davvero.

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Il sondaggio di Pagnoncelli | Meloni sorpassa la Lega di Salvini. Pd primo partito (ma il centrodestra resta avanti) Djokovic regala la racchetta al piccolo tifoso: «Mi incitava e mi dava consigli tattici»

C’è gente a cui è andata sempre bene e gente a cui è andata sempre male, ma non è questo a determinare la tua felicità.A fare davvero la differenza non è mai quel che possiedi e, anche tre le persone a cui è andata sempre bene, non è che ne veda tante poi veramente felici».

Adesso, dopo l’operazione, dice di sentirsi «serena, azzarderei addirittura felicina»; dopo la scoperta del ritorno del male invece «ho pianto per due giorni perché ho imparato che tirare fuori tutto subito è meglio di covare il dolore, ma ero nera. headtopics.com

Sentivo che la vita mi stava togliendo una possibilità. Ai medici continuavo a dire: “Fatemi cantare al concerto”. “Vasco Rossi ha scritto un pezzo per me”, “Non posso andare a Malta e operarmi dopo?”». I medici le hanno risposto che non era il caso di rischiare. «Ho dovuto accettarlo e ho capito una cosa fondamentale. Che accettare non significa farsi andare bene ogni cosa o aspettare passivamente quel che ti accadrà, ma costruire la propria serenità. Ho avuto un problema di salute, ma non l’ho combattuto né respinto. L’ho fatto mio, l’ho digerito, me lo sono fatto fatto scivolare addosso.

Non sono arrabbiata e non sto combattendo.Per accettare una cosa del genere è necessaria molta più consapevolezza di quanto non ne serva per combattere. Accettare di stare di nuovo male mi ha aiutata ad arrivare all’intervento con serenità. Sono entrata in sala operatoria col sorriso e ne sono uscita nello stesso modo. L’operazione non mi ha incattivito: non sono arrabbiata con la vita, al limite alla vita sono grata».

La sua gratitudine, spiega aVanity Fair, viene tra le altre cose da «un lavoro che mi dà la possibilità economica di poter scegliere la maniera migliore per curarmi e i medici giusti». Ma è una consapevolezza che le mette anche tristezza: «

Invece di essere allegra, piango.Perché persone che si fanno il mazzo in fabbrica e lavorano il triplo di me meriterebbero di essere curate nello stesso modo e invece – non ci prendiamo in giro – la medicina non è uguale per tutti. Come vivono gli altri lo vedo tutti i giorni. Vado spesso al Bambin Gesù a trovare i bambini e mi sono passate accanto tante storiacce: genitori che non possono permettersi un b&b e per stare vicino ai figli dormono in macchina. Ecco cosa mi ha fatto davvero male nei giorni di cure, di tagli e di ospedali e di disordine emotivo: non tanto superare quello che mi è successo, ma pensare a chi è chiamato a sacrificare tutto senza avere niente. Non voglio sembrare paracula, ma è la verità». headtopics.com

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano Sangiovanni insultato per strada perché vestito di fucsia: «Non siamo liberi di essere come vogliamo» Cane con una zampa paralizzata sopravvive a una vita di stenti in mezzo all’indifferenza più totale

Emma, che il 25 maggio festeggerà all’Arena di Verona i suoi 36 anni e i 10 di carriera, dice di essere stata molto colpita dalla reazione al suo annunzio. Per i pochi tuttologhi dei social («Mi hanno scritto di tutto: da “Ti sei ammalata perché mangi troppa carne” a “Ti sei ammalata perché hai molte vite irrisolte”), ci sono stati i tantissimi che le hanno mostrato «amore infinito» e rispetto: «Nessuno di quelli che mi vuole bene o delle persone che vengono ai miei concerti facendo molti sacrifici mi ha chiesto cosa avessi esattamente. Ma semplicemente: “Come stai?”.

È come se il mio pubblico fosse cresciuto con me, fosse diventato maturo al mio stesso ritmo e fosse finalmente diventato il mio specchio. Nessuna curiosità morbosa, nessuna domanda indiscreta: solo la gioia di vedermi di nuovo in piedi. D’altra parte ogni tanto incontro lo sguardo pietoso degli altri e mi incazzo:

non ho bisogno di nessun pietismo. Ma di rispetto.L’altra sera ero in un ristorante e una ragazza mi ha regalato un sorriso bellissimo. Stava dicendo : “Che meraviglia vederti tornare a sorridere con i tuoi amici”. A volte nel silenzio c’è tutto».

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Sei bravissima mi piaci nel vero senso della parola . Vai avanti cosi , sei fortissima , come ho detto mi piaci molto . Ciao e auguri x tutto soppratutto x la tua salute che e molto importante . sento che sei forte come una roccia vai avanti cosi. Ma va che non sai cos'è la vera sofferenza Già ordinato....domani primo pensiero della mattina 😍

Che belle parole Emma ci puoi scrivere una bella canzone che può diventare l'inno di molte donne oggi .. MarroneEmma Grande Emma!!!!! Straordinaria ragazza e artista emmamarrone Grande MarroneEmma Bugia, chi ha telefonato. Ma dal ventootto un' altra musica

Morire di sport: non solo pugili, gli atleti morti in campo - VanityFair.itIl pugilato conta centinaia di morti fra gli atleti, ma non è solo il solo sport che abbia fatto vittime. Ci sono i motori e la bicicletta, oltre alle morti fra i calciatori.

La malattia rara di Daniele: «Non lasciate sole le famiglie» - VanityFair.it«Ci trovammo soli ad affrontare l’ignoto con in mano solo la relazione del nostro genetista. Come unico consiglio ci scrisse di costruire un ambiente familiare sereno e stimolante».

Alcol, l'esperto: «Nei giovani non parlate di abuso, è l'uso che fa male» - VanityFair.itI dati dell'ultimo rapporto dell'Istituto superiore di sanità sui teenager dicono che, nel 2018, il 43% dei 15enni italiani e il 37% delle 15enni ha bevuto cinque o più bicchieri di uno o più mix alcolici tutti insieme con l'obiettivo di ubriacarsi

Non solo ipoteche: l’agenzia immobiliare controlla che nelle case non ci siano fantasmi - VanityFair.itPrima che gli immobili vengano immessi sul mercato, gli investigatori del paranormale li visitano e stilano un rapporto

Ultimi giorni per correggere il 730Ho presentato il 730 e mi sono accorto solo ora di non aver indicato alcune spese di ristrutturazione dell&8217;edificio condominiale perch&233; la...

Martin Scorsese a Roma con The Irishman: «A volte ho fatto film solo perché c'era DiCaprio» - VanityFair.itIl film che dopo (tanti) anni riunisce Martin Scorsese e Robert De Niro arriverà nelle sale italiane dal 4 al 6 novembre e dal 27 novembre su Netflix (che lo ha prodotto)