Embraco, dopo la giravolta di Giorgetti la gestione della crisi torna alla viceministra Todde. Confermato il presidio al Mise - Il Fatto Quotidiano

Embraco, dopo la giravolta di Giorgetti la gestione della crisi torna alla viceministra Todde. Confermato il presidio al Mise

19/04/2021 18.23.00

Embraco, dopo la giravolta di Giorgetti la gestione della crisi torna alla viceministra Todde. Confermato il presidio al Mise

La settimana scorsa le dichiarazioni del ministro allo Sviluppo Giancarlo Giorgetti a favore di una soluzione interamente privata per il rilancio della Embraco avevano lasciato interdetti i sindacati. Che avevano rilevato come il progetto Italcomp basato sulla fusione con Acc e l’ingresso di Invitalia risultasse “completamente stravolto“. Ora però, a pochi giorni dall’avvio del licenziamento …

stravolto“. Ora però, a pochi giorni dall’avvio del licenziamento collettivo, il quadro cambia ancora: le redini tornano nelle mani della viceministra dello Sviluppo economicoAlessandra Todde(M5s), che nei mesi scorsi aveva sostenuto il piano per la realizzazione del terzo polo europeo di componenti per elettrodomestici con capitale per il 70% pubblico tramite il fondo crisi d’impresa e fondi regionali del Piemonte e del Veneto.

Sorrisi dopo il ko, Hazard ha spiegato le sue intenzioni Muore in un incidente stradale uno dei teste chiave dell'omicidio Sacchi - Lazio Roma - Manchester United: diretta live Europa League Calcio 06/05/2021 | La Gazzetta dello Sport

Vedi AncheLa Todde in una nota ha annunciato di aver definito il calendario deitavolisui casi di crisi: quello su Acc-Embraco è previsto per il23, ma i sindacati – già partiti per Roma con i lavoratori in vista del presidio davanti al Mise convocato per martedì – si aspettano di avere domani un primo confronto con la viceministra.

Leggi Anche“Non intendiamo disdire la manifestazione e domattina due delegazioni di lavoratori della Embraco di Torino e della Acc di Belluno verranno a Roma per manifestare dinanzi al ministero dello Sviluppo economico”, ha dettoGianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile dei settori auto ed elettrodomestici. headtopics.com

“I lavoratori verranno a Roma per chiedere la prosecuzione del progetto Italcomp, che prevede l’impegno diretto del pubblico, in sinergia con privati, per la costituzione di un polo di componentistica per elettrodomestici. Da quando ci è stato l’insediamento del nuovo governo, si è accumulato purtroppo un

ritardo gravissimo,che espone i 400 lavoratori di Embraco ad un imminente licenziamento e gli oltre 300 di Acc, in amministrazione straordinaria, a fortissimo rischio a causa delle difficoltà di liquidità”.Il presidio è stato organizzato da Fim, Fiom, Uilm, Uglm Torino per ribadire come, a 5 giorni dai licenziamenti e nonostante le ripetute richieste, non sia ancora arrivata alcuna risposta da parte sulla vicenda. Le sigle ribadiscono che “dopo tre anni di vertenza Embraco e due piani di reindustrializzazione falliti, non è accettabile un epilogo di questo tipo, che porrebbe 400 famiglie, già provate da anni di estrema incertezza e difficoltà, in una posizione di totale precarietà”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Covid, Crisanti a Sky TG24: 'Riaperture intempestive'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, Crisanti a Sky TG24: 'Le riaperture in queste condizioni sono intempestive'

Giorgetti e’ una figura inquietante e pessima Quando si va nelle stanze dei 'bottoni' (Nenni) anche per i pusillanimi leghisti le soluzioni non le hanno. Fanno solo propaganda, slogan. Incapaci di gestire