Edoardo Coen: «Effetto nostalgia» - VanityFair.it

Dalla passione per la musica ai sogni per il futuro, ecco cosa ci ha raccontato uno dei protagonisti di «Luna Park»

16/09/2021 17.30.00

Dalla passione per la musica ai sogni per il futuro, ecco cosa ci ha raccontato uno dei protagonisti di «Luna Park»

Dopo una lunga carriera a teatro, Edoardo Coen è uno dei protagonisti di «Luna Park», la nuova serie prodotta da Fandango disponibile su Netflix dal 30 settembre. Dalla passione per la musica ai sogni per il futuro, ecco cosa ci ha raccontato

Com’è stato tornare indietro nel tempo?«Bellissimo, anche perché sono da sempre un tipo nostalgico. Mi affascinano le cose del passato, ogni volta che vado nei mercatini dell’usato e dell’antiquariato è un viaggio straordinario. Tornare agli anni Sessanta, tra i capelli gellati e dei costumi incredibili, è stato un sogno che si è realizzato».

Cassazione: obbligatorio segnalare l’autovelox sulle auto dei vigili Burioni: “Chi si vaccina protegge se stesso e le persone più fragili” Frosinone, tabaccaio trova ladri in casa e ne uccide uno con un fucile

Da bambino che sogni aveva?«Diventare Harry Potter. Ho sempre avuto dentro di me una grande attrazione per il cinema e quando, a 10 anni, ho girato con la mia classe il mio primo cortometraggio, ho subito intuito che qualcosa era cambiato. Il teatro è la mia vita, ma l’ideale sarebbe, un domani, fare l’attore e il musicista insieme».

Sfoglia galleryPerché ha deciso di abbandonare il Conservatorio?«Non ero del tutto convinto. Mio padre è clavicembalista, stavo portando avanti quello che era il suo percorso, ma non lo sentivo davvero mio».Suo padre era contento della sua possibile carriera come musicista? headtopics.com

«Il suo sogno era quello, anche se i miei mi hanno appoggiato fin da subito nella scelta di diventare attore. Con mio padre, però, ho lavorato tante volte: alle sue tournée io faccio le letture, mi do da fare».A post shared by Edoardo Coen (@edo.coen)

Che bambino era?«Un pagliaccio assoluto, tenevo banco molto più di adesso. Avevo uno spasmodico bisogno di stare al centro dell’attenzione, ero sempre lì che guardavo, chiedevo, imitavo, esageravo».Quando ha capito, invece, di voler recitare sul serio?

«Intorno ai 17 anni, anche se pensavo solo al teatro. Avevo terrore della telecamera. Sul palco, invece, mi sentivo a casa: piani b non ce ne sono mai stati e, per fortuna, è andato tutto bene. Dopo l’accademia ho iniziato a lavorare da subito».

Passare dall’intimità del palco di un teatro alla platea immensa di una piattaforma come Netflix come la fa sentire?«Cerco di non pensarci e di tenere le aspettative basse, come quando vai a un ristornate un po’ zozzo e ti chiedi da dove provengono gli ingredienti che hai nel piatto». headtopics.com

Otto e mezzo, Obama e Springsteen: «Noi outsider? Ci interessa dare voce agli esclusi» Giulia Schiff dopo l'espulsione dall’Aeronautica: «Non voglio commiserazione, merito giustizia» Non si placa lo scontro Polonia-Ue, il premier: 'Bruxelles non avvii terza guerra mondiale'. Commissione: 'No alla retorica del conflitto' - Il Fatto Quotidiano

Che sogni ha oggi?«Sogno l’America, dove ci sono tanti progetti che stanno chiamando a sé attori italiani. Pensando in grande, mi piacerebbe lavorare un giorno con Paul Thomas Anderson, Quentin Tarantino e Christopher Nolan. Forse non è poi così impossibile».

Il suo più grande talento, invece?«Mi reputo un buono. Un professionista serio».(Foto in apertura di Fabrizio Cestari) Leggi di più: Vanity Fair Italia »

A Favignana canti della mattanza nella ex Tonnara Florio - Sicilia

Smart Working, se è il dipendente a scegliere quando lavorare - VanityFair.itMentre i dipendenti pubblici in Italia stanno per rientrare tutti in ufficio, le aziende private stanno pensando a forme alternative di smart working

Nuovo dolore per la regina Elisabetta, è morto Sir Timothy Colman, suo grande amico - VanityFair.itMarito di una cugina della sovrana, Colman è stato a lungo al servizio della monarchia, in qualità di Lord Luogotenente del Norfolk. Strettissimo il rapporto con Elisabetta II, che oggi piange un altro lutto

Fate meno, genitori - VanityFair.it«Inizia la scuola e da parte dei genitori un’attenzione distratta e fiduciosa è la cosa migliore» dariabig

Miriam Leone si sposa con Paolo Carullo, il 18 settembre a Scicli - VanityFair.itL'attrice si sposerà il 18 settembre in Sicilia con il compagno Paolo Carullo. La cerimonia si terrà al Santuario di Santa Maria La Nova a Scicli, in provincia di Ragusa

Patrick Zaki, il processo al via: la sentenza sarà inappellabile - VanityFair.itLo studente egiziano dell'Università di Bologna rischia fino a 5 anni di carcere. Zaki è ora formalmente accusato per un articolo sulla minoranza copta

Taglio alla Rachel per Sabrina Ferilli, della serie scalato è bello - VanityFair.itUn po' l'effetto «Friends reunion», un po' il revival anni Novanta che stiamo vivendo, fatto sta che il mitico taglio capelli di Jennifer Aniston nei panni di Rachel resta un must