Ecco come la «biopsia liquida» potrebbe evitare la chemioterapia

Ecco come la «biopsia liquida» potrebbe evitare la chemioterapia

31/03/2021 10.13.00

Ecco come la «biopsia liquida» potrebbe evitare la chemioterapia

Studio sul tumore al colon di Pegasus con Airc. Permetterà di capire quali sono i pazienti più a rischio di recidiva. L’oncologo Bardelli: metodo più preciso di quelli classici

EmailLa previsione è che, nei prossimi dieci anni, almeno 50 mila persone con tumore al colon potranno essere «esonerate» dalla chemioterapia.A un patto: che la cosiddetta «biopsia liquida» mantenga le sue promesse, come vorrebbe dimostrare

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano

o studio Pegasus, finanziato dalla Fondazione Aircper la ricerca sul cancro.Caccia ai frammenti di Dna nel sangueMa prima di entrare nel dettaglio dello studio, sono opportune alcune precisazioni. Intanto.Il tumore del colon è il secondo più frequente nella donna e il terzo nell’uomo

: si stima che, ogni anno, ne sianocolpite in Italia 43.700 persone(fonte Airc). Almeno l’80 per cento viene operato e la prima domanda che i pazienti pongono al chirurgo è: «Sono guarito?». Oggi come oggi, la risposta non è certa e, di solito, headtopics.com

i pazienti vengono sottoposti a una chemioterapia cosiddetta «adiuvante», perché si suppone che esistano «micrometastasi», «metastasi invisibili», sparse in vari organi.Non tutti i pazienti, però, hanno bisogno di questo trattamento chemioterapico

, perché molti in realtà sono davvero guariti. Ecco allora che entra in gioco la «biopsia liquida», il cui padre, in Italia, èAlberto Bardelli, direttore dell’Oncologia Molecolare all’Istituto di Candiolo Irccs(Torino) e docente all’Università. «Con la biopsia liquida

si cercano nel sangue(che si ottiene con un semplice prelievondr)frammenti di Dnache vengono confrontati con il Dna del paziente: così si possono individuare quei frammenti “estranei”, cioè riferibili al tumore — precisa Bardelli —.Il sangue cattura informazioni dai vari tessuti

ed è più preciso e universale della classica biopsia che, invece, analizza singoli tessuti e non può essere praticata in tutti gli organi, eventuali bersaglio delle micrometastasi».Medicina personalizzataLo studio Pegasus, dunque, ha come obiettivo quello di liberare il paziente dalla chemio. È promosso da headtopics.com

Covid Uk, Johnson: 'Riapertura totale rinviata al 19 luglio' Il Fatto di Domani del 14 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Modena, tentata rapina a portavalori su A1: esplosioni, spari, chiodi

Silvia Marsoni dell’Ifom di Milano, ha come coordinatore scientificoSara Lonardi dell’Istituto Oncologico Veneto, Irccs di Padova e coinvolge otto centri di cui 5 in Italia (compreso l’ospedale Niguarda e l’Istituto Tumori di Milano) e tre in Spagna: una ricerca in rete e indipendente. Che, sfortunatamente ha conosciuto una battuta di arresto per il Covid, ma che sta andando avanti. «Lo studio risponde al

concetto di medicina personalizzata— precisa Sara Lonardi —. Ci permetterà dicapire quali sono i pazienti più a rischio di recidiva(perché hanno più micrometastasi e quindi più Dna anomalo nel sanguendr). Sono pazienti che andranno curati con una chemioterapia più aggressiva rispetto a quelli che, invece, possono accedere a un trattamento “light”, meno pesante, o addirittura evitare la chemio».

31 marzo 2021 (modifica il 31 marzo 2021 | 08:57) Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Bonus baby sitter, ecco i lavoratori che possono richiederloLa circolare dell’Inps: assegno fino a 100 euro settimanali per autonomi, sanitari e forze dell’ordine

Salento, 43 vaccinati in una Rssa tutti contagiati: ecco cos’è successoAd avere contratto il Covid, in maniera asintomatica, sia gli operatori che i degenti della Residenza Giada di Tripuzzi, nella provincia di Lecce Comincino a denunciarli per epidemia colposa, vediamo se continuano a fare i coglioni Quanto siete noiosi Questo titolo è errato, fuorviante, criminale. Rifare

Ferrari, ecco perché ad Imola può puntare ad un altro passo avantiLa Rossa al momento è ancora lontana da Red Bull e Mercedes, ma questo era stato preventivato, però ci sono ancora degli assi nella manica L’unico passo avanti su cui può puntare la Ferrari, è quello di smetterla con le corse! Sono vent anni che fanno ridere, che non riescono a costruire un auto competitiva, cambiano continuamente piloti, ma nemmeno Hamilton potrebbe vincere su un catorcio! La cosa migliore da fare La Ferrari non ha grandi piloti con DNA da campione per riconquistare il suo posto di campione del mondo costruttori Non credo nella signorina Leclerc. Tutto fumo...

Partite Iva tra fatturato e perdite: ecco quanto valgono gli aiuti a fondo perdutoI singoli contributi peseranno in modo molto diverso per imprese e professionisti, a seconda del volume d’affari e del calo subìto nel 2020. Su 24+, sezione premium del Sole 24 Ore

Nicolato se la gode: 'Vittorie tra assenze e difficoltà, ecco perché sono orgoglioso'Il c.t. azzurro dopo il passaggio ai quarti dell’Europeo Under 21: 'Con la rosa ridotta all’osso e tanta pressione non era scontato'