Dislessia, scuola e pandemia: i problemi riscontrati e quelli che ci saranno - VanityFair.it

Che scuola sarà per gli studenti dislessici a settembre? Abbiamo approfondito con l'esperta

05/07/2020 00.30.00

Che scuola sarà per gli studenti dislessici a settembre? Abbiamo approfondito con l'esperta

Come ha inciso la DAD sull'apprendimento degli studenti dislessici? E che scuola sarà per loro a settembre? Abbiamo approfondito con l'esperta

diverso neuro funzionamentoche a sua volta non impedisce la realizzazione della specifica abilità (che sia lettura, scrittura numerazione o altro), ma necessita di tempi più lunghi e carichi attentivi maggiori. Essendo il diverso neuro funzionamento innato, non si può neppure parlare di

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

guarigione, perché il sistema non si modifica, ma con il tempo e una buona attività educativa si può raggiungere un soddisfacente livello di compensazione».Quante persone con dislessia vi sono in Italia?«In Italia, non abbiamo dati certi riguardo gli adulti, ma per quanto riguarda la popolazione in età scolare, i DSA riguardano

oltre 2 milioni di persone, tra bambini, ragazzi e adulti. Al momento gli unici dati certi sono quelli che periodicamente fornisce il MIUR, che provengono dal monitoraggio delle certificazioni provenienti dalle scuole, che all’ultima rilevazione attestano i DSA al headtopics.com

3,5% della popolazione scolastica. Ovvio che vi siano dei dati sommersi, di casi non ancora diagnosticati».I DSA si possono correggere con l’esercizio?«Per definizione, le persone con DSA manifestanomaggiore resistenzaa interventi educativi e correttivi, il che non vuol dire che non servono, anzi è dimostrato che una

precoce individuazione dei disturbie una conseguente e rapida attività educativa e di potenziamento, in grado di attivare strategie adeguate per apprendere in modo autonomo e facile, aumentino la possibilità che si attivi un buon compenso funzionale».

DSA e scuola: di che tipo di supporto necessita un bambino con DSA?«È necessaria una premessa: la scuola funge da osservatorio. Ovvero, in base a come il bambino si esprime, lavora, si relaziona, l’insegnante ha la possibilità di individuare precocemente la presenza di DSA. A quel punto, dopo i dovuti controlli con degli specialisti, viene fatta richiesta di un

Piano Didattico Personalizzato (PDP), che prevede misure educative e didattiche di supporto, con una didattica individualizzata e personalizzata e il diritto a fruire di appositi strumenti compensativi, tenendo conto delle difficoltà e dei punti di forza del singolo alunno, che rispetti il suo modo di imparare e garantisca il suo diritto allo studio e all’apprendimento (secondo quanto stabilito dalla headtopics.com

Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Netflix: accordo con Spielberg per diversi film all'anno

legge 170/2010È importante ricordare che un bambino o ragazzo con DSA hacapacità cognitive nella norma, e il PDP ha lo scopo di rendere la scuola un ambiente inclusivo e flessibile, che gli permetta di apprendere come i suoi compagni.Glistrumenti compensativi

possono essere strumenti tecnologici o digitali (computer, tablet, calcolatrice…) e facilitano l’abilità in cui riscontrano difficoltà: un dispositivo che legge il testo al posto loro, un audio che possa avvicinare i ragazzi al contenuto, approcciandolo in maniera più diretta. Fornire gli strumenti per aiutare i ragazzi con DSA a esprimere il loro potenziale e sviluppare la loro creatività è anche un compito dei docenti».

Il coronavirus ha cambiato il modo di fare scuola: come ha inciso la DAD sull’apprendimento dei bambini con DSA? Che tipo di problemi hanno dovuto affrontare?«Abbiamo raccolto molte storie in questi mesi, ma tutto sommato la DAD nei casi di DSA ha

funzionato bene: i ragazzi erano felici finalmente di “normalizzare” l’utilizzo del pc, che per loro è uno strumento compensativo, ma in questo frangente lo è diventato per tutti. Questo li tranquillizzava e rendeva uguali ai loro compagni.Certo, molti studenti, soprattutto i bambini della primaria e secondaria di primo grado, hanno headtopics.com

sofferto la non presenza degli insegnanti, punto di riferimento nell’apprendimento, e soprattutto considerando che la DAD è stata lasciata, in alcuni casi, come compito alle famiglie, molti bambini non hanno potuto essere seguiti dai propri genitori e questo ha provocato un gap.

Se vogliamo sviscerare le ombre, più nello specifico, innanzitutto, è stato un problema ditempo: il ritmo delle lezioni era lo stesso, ma non riuscendo i ragazzi a interagire con i docenti, questi ultimi non avevano un feedback diretto dell’avanzamento dell’apprendimento, e molti non si preoccupavano nemmeno di chiederlo.

Giocatore Nfl annuncia di essere gay, primo della storia - Ultima Ora Covid, Colombia: oltre 100 mila i morti da inizio pandemia - Ultima Ora Variante Delta, Financial Times: 'Italia quinta al mondo per incidenza'. La stima è del 26% - Il Fatto Quotidiano

Poi, è stato un problema dicarico cognitivo: molti argomenti erano nuovi e non sono stati spiegati, ma lasciati ai ragazzi da affrontare da soli. Per tanti, l’autonomia nel lavoro non è stata difficile da raggiungere, per altri invece è stata fonte di stress e di lacune nell’apprendimento.

Infine, l’organizzare i materiali da soli(utilizzo di alcune piattaforme, stampare dei documenti…) non è stato immediato, anche per dei reali problemi logistici (in molti non avevano la connessione, altri non avevano la stampante…).Tirate le somme, i ragazzi, di fronte a tutto questo, spesso si disorientavano, perdevano il senso anche logico delle lezioni. Molti docenti hanno dato per scontato che fossero in grado di apprendere da soli, ma soprattutto non hanno dato loro la

sensazione di essere in grado di poterlo fare: lì è stato il corto circuito. Invece, è quanto mai importante ilfeedback, il supporto anche a distanza, e il rispetto del PDP».Vi sono stati degli aiuti da parte dello Stato per agevolare queste situazioni?

«Sì, lo Stato ha fornito aiuti su3 fronti(non solo agli studenti con DSA, ma alla scuola in generale): ha dato fondi agli istituti per dotarsi dipiattaformeper l’apprendimento a distanza, ha dato la possibilità di avere in comodato d’uso

tablet e pc(in base al reddito della famiglia, ndr) e haformato il personale scolastico».Scuola a settembre: che tipo di problematiche potrebbe portare con sé l’insegnamento e la scuola ipotizzata dal Ministro Azzolina?«Al momento non saprei fare delle previsioni, anche perché è un quadro in continuo divenire: come descritto poc’anzi, vi sono delle ombre nella DAD, ma anche delle luci su cui lavorare. Ciò che è certo è che da parte nostra, come associazione, continueremo a

monitorare le esigenze dei ragazzie a portare sui tavoli di lavoro le loro proposte. Perché il nostro fine ultimo è sempre quello: garantire a tutti una Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Luna di Miele, un romanzo per Vanity Fair - 9ª puntata - VanityFair.itContinua il giallo in 13 puntate, scritto in esclusiva per i nostri lettori. Ecco il nono capitolo: buona lettura!

Riaccendiamo le luci. Su Vanity Fair in edicola - VanityFair.itDopo un lungo silenzio, dal 2 al 6 settembre da Verona accendiamo la musica: una settimana di eventi con i riflettori puntati sugli invisibili lavoratori dello spettacolo. Dai Music Awards al concerto Heroes, 70 artisti fanno ripartire i nostri sogni

Fenia Galtieri, mamma in tour. Su Vanity Fair in edicola - VanityFair.itDa un palazzetto all’altro, coi big della musica in giro per l’Italia. Una vita da nomade, quella dell’assistente di produzione Fenia Galtieri. Alla quale riesce anche di fare la madre di Sofia. Anche se a distanza, dal backstage

Dimmi che valigia scegli e ti dirò chi sei (o meglio che viaggio farai) - VanityFair.itTrolley piccoli o maxi, borsoni, zaini e non solo: la scelta dell'accessorio da viaggio racconta tanto della vostra personalità. Qui trovate degli ironici mini-identikit per schiarirvi le idee (e per fare il giusto shopping pre vacanze). E voi avete già scelto con quale partire?

Effetto Covid a Medicina, per chi sogna il camice i posti in palio salgono a 13milaÈ verosimile immaginare che al prossimo test per entrare in Medicina in calendario il 3 settembre ci sarà una nuova corsa alle iscrizioni che saranno possibili fino al 23 luglio Il merito va a farsi fottere come sempre coi grillini ignoranti del resto,il bibitaro agli Esteri,quello dell impeachment è emblema della merda in cui nuotiamo Numero considerevolmente al di sopra del fabbisogno e soprattutto tale da NON permettere una adeguata formazione. Solo populismo che porterà danni ai cittadini.

Antonello Venditti: «Madonna che silenzio c'è stasera» - VanityFair.itAntonello Venditti si è dovuto fermare come tutti gli altri, ma non ha dimenticato chi è rimasto indietro: «Ci vogliono diritti certi e non slogan, non riesco a immaginare un mondo senza musica»