Den, il ristorante dell'estrema accoglienza - VanityFair.it

Questo ristorante, a Tokyo, si fonda sul concetto giapponese dell’omotenashi, sull’arte di mettere i clienti a proprio agio. Ok, è lontano, ma bisogna passarci

07/11/2019 21.00.00

Questo ristorante, a Tokyo, si fonda sul concetto giapponese dell’omotenashi, sull’arte di mettere i clienti a proprio agio. Ok, è lontano, ma bisogna passarci

Lo chef, Zaiyu, ha cominciato a cucinare, ragazzo, in un ryotei, un ristorante tradizionale in cui sua madre era una geisha, incaricata di conversare con i clienti. Il suo ristorante a Tokyo si fonda sul concetto giapponese dell’omotenashi, sull’arte di mettere i clienti a proprio agio, sia con i sapori che con l’accoglienza. Ok, è lontano, ma ecco perché bisogna passarci

Lo incontriamo aEin Prosit, la manifestazione gastronomica più intrigante d’Italia: Zaiyu porta la sua cucina all’Osteria Altran di Ruda, un passo da Udine, e sua moglie Emi, vestita in abito tradizionale, e trasferisce qui una delle altre specialità del loro locale, l’ospitalità. Infatti le fondamenta su cui è poggiato il Den sono costituite dal

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Il sondaggio di Pagnoncelli | Meloni sorpassa la Lega di Salvini. Pd primo partito (ma il centrodestra resta avanti)

concetto giapponese dell’omotenashi, cioèl’arte di mettere i clienti a proprio agio, sia con i sapori che con l’accoglienza.,massima attenzione all’ospitalità: sembra un mantra di Massimo Bottura e invece è quello che fanno anche gli Hasegawa da dieci anni dall’altra parte del globo; tutto il mondo è paese. Del resto

Zaiyu ha cominciato a cucinare, ragazzo, in unryotei, un ristorante tradizionale in cui sua madre era una geisha, incaricata di conversare con i clienti. Dunque la sua cucina oggi è la versione pop di una cena kaiseki, quella imperiale, composta da numerose portate e da una cerimoniosità che sua moglie ha trasformato in allegria. headtopics.com

Popperché sono tanti i piatti che arrivano in tavola con packaging divertenti. A partire dalla versione salata delmonaka– un dolce tipico fatto da un wafer farcito che per l’occasione è ripieno di foie gras, chiuso in una bustina etichettata con un ideogramma –, o dal suo ormai celebre

DentuckyFried Chichen, un’ala di pollo con dentro riso e castagne (vista la stagione) servita in un box con sopra la faccina sorridente di Zaiyu e l’elenco dei ristoranti da lui amati in giro per il mondo, compresi alcuni italiani, daLido 84 a Contraste

. Proprio Matias Perdomo, chef del ristorante milanese, è in sala e dice: «Zaiyumi piace perché non ha paura di improvvisare, di rischiare: è arrivato qua, ha guardato quello che c’era, ha inventato». Infattilo stufato di wagyu

che a Tokyo viene servito col riso alla giapponese, qui è portato in tavola con un risotto fatto preparare dallo chef dell’Osteria, Alessio Devidè: magari l’abbinamento è ridondante (grasso con grasso), ma è bello che le culture si mescolino, si incrocino. headtopics.com

Djokovic regala la racchetta al piccolo tifoso: «Mi incitava e mi dava consigli tattici» Sangiovanni insultato per strada perché vestito di fucsia: «Non siamo liberi di essere come vogliamo» Cane con una zampa paralizzata sopravvive a una vita di stenti in mezzo all’indifferenza più totale

A conferma di quel che dice Perdomo,il resto del menu parla di Giappone ma anche di autunno friulano: lo, la zuppa di funghi –«la cucina giapponese e quella italiana si somigliano,sono entrambe semplici e gustose, ricche di umami» dice lo chef – è fatta con i porcini raccolti questa notte; la ricciola cruda servita con alghe, erba cipollina e salsa ponzu, un animale da sei chili, è stata comprata stamattina; l’anguilla servita nuda, con solo qualche foglia d’insalata vaporizzata d’aceto, era viva fino a poco fa.

«Do it Japan Style!» scherza alla fine Zaiyumentre per tutta la sera sua moglie Emi è passata tra i tavoli a chiacchierare, spiegare, sorridere, porgere con due mani i propri biglietti da visita su cui sta scritto«Big Boss». E per concludere, un dolce che evoca un frappuccino servito in una tazza con un logo verde simile a quello di Starbucks con la faccina del cuoco e la scritta «Star Comeback Den». Gusto, ironia, accoglienza sono i fari dell’esperienza dagli Hasegawa. Italia e Giappone non potrebbero essere due paesi più diversi: ma sulla cucina quanto si somigliano.

Per verificarlo, basta prenotare uno dei 16 posti a sedere del Den, a Tokyo. Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Al Vanity Fair Stories 2019 ci sarà anche Malika Ayane - VanityFair.itLa cantautrice tra i protagonisti della seconda edizione del nostro festival. L'appuntamento è per il 23 e 24 novembre al The Space Cinema Odeon di Milano

Al Vanity Fair Stories 2019 ci sarà anche Filo Vals - VanityFair.itIl cantautore romano tra i protagonisti della seconda edizione del nostro festival. L'appuntamento è per il 23 e 24 novembre al The Space Cinema Odeon di Milano

«Il Collegio»: quando la maleducazione raggiunge il limite - VanityFair.itDurante la terza puntata del docu-reality di Raidue molti ragazzi dimostrano di superare il limite e incontrano l'ostilità della Rete. Quando è il caso di dire basta?

Il debutto di Stella del Carmen, figlia di Antonio Banderas - VanityFair.itLa 22enne ha accompagnato il padre agli Hollywood Film Awards, dove c'era anche la sorella Dakota Johnson. Riservata, appassionata di poesia, studiava Storia dell'Arte ma poi ha cambiato idea: vuole seguire la strada di famiglia, ma con discrezione...

«La vita bugiarda degli adulti»: il nuovo libro di Elena Ferrante in 5 punti - VanityFair.itIl nuovo romanzo della misteriosa autrice uscirà in libreria il 7 novembre. Noi l'abbiamo letto in anteprima per voi

«Animali Fantastici III»: il via alle riprese e la «novità» Lally Hicks - VanityFair.itIl terzo capitolo della saga è entrato ufficialmente in pre-produzione. Il set aprirà nella primavera del 2020, in Brasile. Di ritorno, nel film diretto (ancora una volta) da David Yates, Eddie Redmayne, Johnny Depp, Jude Law e pure Jessica Williams, la professoressa americana cui si è deciso di dare una parte ricorrente