Dall’accordo individuale alla disconnessione: così cambia lo smart working

Dall’accordo individuale alla disconnessione: così cambia lo smart working.

05/12/2021 02.48.00

Dall’accordo individuale alla disconnessione: così cambia lo smart working.

Bozza di protocollo: stessa retribuzione, divieto di licenziamento e tutele Inail. Più spazio alla contrattazione collettiva

Incentivo alla contrattazione collettivaLe parti sociali concordano sulla necessità di incentivare l’utilizzo corretto del lavoro agile anche tramite un incentivo pubblico destinato alle aziende che regolamentino il lavoro agile con accordo collettivo, in attuazione del protocollo, e che ne prevedano un utilizzo equilibrato tra lavoratrici e lavoratori e favorendo un’ottica di sostenibilità ambientale e sociale.

0Infortuni e malattie professionaliLe bozze di disposizioni evidenziano che il lavoratore agile ha diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, dipendenti da rischi connessi alla prestazione lavorativa resa all'esterno dei locali aziendali. Il datore di lavoro garantisce la copertura assicurativa Inail.

Leggi ancheSmart working senza orario? A quali condizioni è possibile per gli stataliLuogo di lavoroIl lavoratore è libero di individuare il luogo ove svolgerà la prestazione in modalità agile purché lo stesso abbia caratteristiche tali da consentire la regolare esecuzione della prestazione, in condizioni di sicurezza e riservatezza, anche con specifico riferimento al trattamento dei dati e delle informazioni aziendali e alle esigenze di connessione con i sistemi aziendali. La contrattazione collettiva può individuare i luoghi inidonei allo svolgimento del lavoro in modalità agile. headtopics.com

RetribuzioneLo svolgimento della prestazione in modalità agile non deve incidere sugli elementi contrattuali in essere quali livello, mansioni, inquadramento professionale e retribuzione del lavoratore. Ciascun lavoratore agile ha infatti diritto, rispetto ai lavoratori che svolgono le medesime mansioni esclusivamente all’interno dei locali aziendali, allo stesso trattamento economico e normativo complessivamente applicato, anche con riferimento ai premi di risultato riconosciuti dalla contrattazione collettiva di secondo livello, e alle stesse opportunità rispetto ai percorsi di carriera, di iniziative formative e di ogni altra opportunità di specializzazione e progressione della propria professionalità, e alle stesse forme di welfare aziendale e di benefit previste dalla contrattazione collettiva.

Strumenti di lavoroFatti salvi diversi accordi, è di norma il datore di lavoro a fornire la strumentazione tecnologica e informatica necessaria allo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile. Laddove le parti concordino l’utilizzo di strumenti tecnologici e informatici propri del lavoratore, provvedono a stabilire i criteri e i requisiti minimi di sicurezza da implementare. Le spese di manutenzione e di sostituzione della strumentazione fornita dal datore di lavoro, necessaria per l’attività prestata dal dipendente in modalità agile, sono a carico del datore di lavoro stesso, che ne resta proprietario.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Smart working, il nuovo testo: dal 2022 servirà l’accordo individuale con l’azienda: cosa deve contenereIl ministero del Lavoro si sta confrontando con le parti sociali rispetto ai contenuti di un protocollo che affiancherà la legge sul lavoro agile. Ecco cosa dice il testo in dirittura d’arrivo

Covid, Costa sull’obbligo vaccinale in Italia: “Non è all’ordine del giorno”Il sottosegretario alla Salute: «Abbiamo scelto di instaurare un rapporto di fiducia con i cittadini» Se il Governo Draghi continua a non prendere alcuna misura concreta per ridurre contagi e morte da Covid_19, le cose potranno solo peggiorare. quartaondata

Città intelligente con smart control roomUna “cabina di regia” a disposizione delle amministrazioni per migliorare la vita di residenti e visitatori 💜👍

Recovery, la Spagna è la prima a ricevere il pagamentoVia libera dalla Commissione Ue a primo finanziamento alla Spagna dei 10 miliardi di euro richiesti Spagna, prima in Europa a ricevere i soldi Salvo errore hanno fatto le elezioni, qualcuno le ha vinte e ha formato un governo Il governo ha preparato quello che serviva per attivare il PRNN e sono arrivati i soldi … senza deus ex machina e tante altre storie come da noi E intanto i nostri politici continuano o a cazzeggiare !!!

Maldive: una vacanza da sogno “les pieds dans l'eau”Immaginate di iniziare la giornata così: niente doccia ma un tuffo nell’infinito Oceano Indiano. Benvenuti sull'isola Fasmendhoo nell’Emerald Maldives Resort & Spa

Cipro, un uomo tenta di entrare alla messa del Papa con un coltello, arrestato