Taririt, Brasile, Paola Buscaglia, Alice Carletti, Barella, Ferno, Roberta Genta

Taririt, Brasile

Da Torino l’export di mummie. Il lungo viaggio di Taririt sulla barella hi-tech di Ferno

Da Torino l’export di mummie. Il lungo viaggio di Taririt sulla barella hi-tech di Ferno

12/02/2020 12.45.00

Da Torino l’export di mummie. Il lungo viaggio di Taririt sulla barella hi-tech di Ferno

Il lungo viaggio di Taririt , da Venaria Reale a Torino, fino a Rio de Janeiro sulla barella hi-tech di Ferno

Email«L’estate scorsa abbiamo ricevuto la telefonata più strana che io ricordi: era il Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”. Dovevano prendersi cura di una mummia che poi sarebbe stata trasportata in Brasile. Ci chiedevano se una delle nostre barelle poteva essere adatta per muoverla e farla viaggiare in sicurezza. Siamo andati da loro». Alice Carletti, responsabile commerciale di Ferno Italia, filale della multinazionale Usa specializzata in attrezzature per il soccorso, racconta così l’inizio dell’avventura sudamericana di Taririt, la mummia che a Rio de Janeiro è diventata la star della mostra «Antico Egitto: dalla vita quotidiana all’eternità». Allestita dal Museo Egizio di Torino con 140 “pezzi” della sua collezione e, inaugurata il 12 ottobre, è stata già visitata da 1,4 milioni di persone. «Per la pulitura e il restauro delle bende era necessario spostare e posizionare Taririt, reperto umano fragilissimo che presentava alcune problematiche particolari. Come fare? Un amico medico ci ha consigliato di rivolgerci a Ferno», raccontano Roberta Genta e Paola Buscaglia, che operano nei laboratori manufatti tessili e scultura lignea del Centro di Restauro di Venaria Reale e hanno curato l’intervento sulla mummia che risale a 2.700-2.800 anni fa. Hanno dunque chiamato Ferno Italia, che ha inventato e produce le barelle hi-tech “scoop”, vendute in tutto il mondo: con la struttura a cucchiaio e la radiotrasparenza sono state progettate per movimentare pazienti anche in condizioni critiche, assicurandone l’immobilità. «Di fronte alla mummia abbiamo capito che, in fondo, si trattava di una paziente con qualche anno in più…», spiega Alice Carletti. Quindi la Ferno ha donato la “scoop” e i suoi tecnici hanno spiegato come utilizzarla all’équipe del Centro. Alice, che era presente quando la mummia ha lasciato Venaria Reale diretta in Brasile, racconta che «Roberta, Paola e le altre ragazze erano entusiaste ed emozionate. La salutavano dicendo “ciao Taririt”». «Sapevamo che doveva affrontare un lungo viaggio», dice Roberta, «quindi abbiamo condiviso la nostra scelta con il museo, che ha “adottato” la barella». Taririt ha dunque viaggiato verso il Brasile accompagnata da Valentina Turina e Giulia Gregorio, che fanno parte dell’ufficio collection management del Museo Egizio e sono ex allieve del Centro di Restauro. E alla fine di settembre una carovana composta da due tir con rimorchio che trasportavano una quarantina di casse si è diretta in Lussemburgo, da dove con un aereo cargo ha raggiunto il Brasile. Ovviamente tutte le tratte sono state coperte da aziende specializzate. E le ragazze del Museo hanno sempre viaggiato con la mummia, in camion, in aereo e a piedi con barella. «Taririt, ricoperta da una carta velina speciale, era posizionata sulla “scoop” immobilizzata anche con cinghie e materassino a decompressione. Un altro strato di materiale plastico morbido e traverse in legno vincolate alla cassa bloccavano tutto», spiega Valentina. E sempre in barella la mummia è stata portata alla destinazione: la vetrina dell’esposizione nel Centro Cultural Banco do Brasil. Prima tappa. Nei prossimi giorni ripartirà per andare a San Paolo, Brasilia e Belo Horizonte. Migliaia di altri brasiliani faranno la fila per “conoscere” la signora Taririt. Che però, secondo le ultime diagnostiche di Venaria, potrebbe anche essere stata… un uomo.

Lapadula, gol e assist contro l'Ecuador. E il Perù impazzisce per lui Ronaldo, un altro super record nella storia Il c.t. Rossi: 'Orgoglioso della mia Ungheria' Leggi di più: Corriere della Sera »

Siparietto Draghi-Casellati: 'Forse la presidente mi ha tolto parola' - Italia

Lei: 'Non mi permetterei' (ANSA)

Si scontrano sulla prescrizione, ma il guaio è il Pil - Il Fatto QuotidianoQuando la maggioranza si accorgerà che il problema del governo non è la prescrizione ma l’economia, forse sarà tardi. Ieri i dati sulla produzione industriale del quarto trimestre 2019 e sull’andamento del Pil diffusi dall’Ufficio parlamentare di bilancio hanno gettato una spruzzata di realismo e concretezza nel dibattito politico. La produzione industriale è stata calcolata … scannavo È come si fa ⁉️ a questo goberno li sta succedendo di tutto i che fanno gli altri ⁉️ Rompere, rompere 😠😠😠😠😠‼️ scannavo Sinché vi sono queste pensioni, liquidazioni pubbliche da pura fantasia, vitalizi e chi piu ne ha ne metta, la coperta rimarrà sempre corta !

Patrizia, shopping a Torino e volumi in Italia oltre il mezzo miliardoAlla fine del 2019 il portafoglio immobiliare di Patrizia in Italia comprendeva oltre 150mila mq, risultando più che triplicato rispetto al 2018

Elezioni in Irlanda, il partito nazionalista Sinn Féin sbanca il voto popolareMary Lou McDonald conquista più seggi del previsto e trasforma la vittoria elettorale in trionfo. Il premier uscente Varadkar peggio del temuto. Ma è rebus maggioranza in Parlamento

Ginnastica per il sesso: gli esercizi (e gli attrezzi) che migliorano il piacere - VanityFair.itTre modi per allenare il pavimento pelvico con la Sex Gym e gli accessori che rafforzano il muscolo pubococcigeo, contrastando in modo naturale l'anorgasmia (l'incapacità di raggiungere l'orgasmo)

Greta e il cambiamento climatico, a Borgosesia il Carnevale sposa l’attualità - La StampaBORGOSESIA. L’attualità irrompe nell’allegria del Carnevale di Borgosesia. La prima sfilata domenica pomeriggio ha radunato migliaia di persone. E a dominare, fra le opere in concorso, è la lotta al cambiamento climatico con la giovane attivista Greta Thunberg tra i personaggi più ricorrenti (sulla spalla di un gorilla che ricorda King Kong, in un viso di cartapesta a grandi dimensioni circondata dai Rolling Stones e con l’ormai inconfondibile impermeabile giallo, le treccine e il berretto di lana). Ma non manca il bullismo con tre iene a rappresentare il branco che agisce, a partire dai social, rovinando la vita dei più deboli. In gara tra i carri per la conquista del Palio ci sono Cravo con l’opera intitolata «Solo chi sogna impara a volare», Fornace («Il branco»), Mola mai («Giungla di città»), Montrigone («Favole di plastica»), Valbusaga («Futuro prossimo venturo»). In sfida tra le mascherate a piedi: Agnona («Esprimi un desiderio»), Bettole («Teatrino dell’inganno»), E le menti dal Borg («There is not planet B»), i Tiratardi («Il carnevale è una cosa seria»), e il nuovo gruppo Matai dla Buca cauda con «Anno zero, ricomincia la storia». A presentare il corso mascherato dal palco in piazza sono gli ex Peru Andrea Petrarca e Mauro Cavinato. Il prossimo appuntamento del Carnevale borgosesiano sarà giovedì con la serata culturale «Seugn, speransi, ricord». Dopo un anno di oblio alle 21 nel teatro Pro loco la compagnia degli Strampalati proporrà lo spettacolo teatrale «La bela andurmentà d’la Ca’ di rait»; il ricavato sarà devoluto al rifugio Luciano Gilodi - Ca’ Mea del Monte Tovo. La commedia è ambientata nel 1937, anno in cui si festeggiavano il cinquantesimo di sfilate dei carri e le nozze d'oro di Peru e Gin. Sabato (15 febbraio) giornata all’insegna di «Oggi mi vesto come mi pare» e domenica (16 febbraio) secondo dei tre corsi mascherati. 🙈🙈

Il giannimorandismo - Il Caffè di Massimo GramelliniL&8217;unico posto al mondo in cui non si erano ancora trovate tracce di Gianni Morandi erano i film sudcoreani&46; Ma da quando la sua voce &232; spuntata nel...