Cutolo e la «provocazione» di De André | Padiglione Italia

Cutolo e la «provocazione» di De André

21/02/2021 02.04.00

Cutolo e la «provocazione» di De André

Alla morte di Cutolo è di nuovo uscita la storia che De André si sarebbe ispirato a lui per Don Raffaè.

.De André non ha mai confermato l’attinenza, ma di certo quella non era una tarantella «dedicata» al fondatore della Nuova Camorra Organizzata. Era un pretesto narrativo e musicale per denunciare la situazione critica delle carceri e l’impotenza dello Stato.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Primarie Pd a Roma e Bologna: la vittoria di Lepore e Gualtieri In Edicola sul Fatto Quotidiano del 21 Giugno: Fico: “Ora il salario minimo e nuovo alt ai licenziamenti” - Il Fatto Quotidiano

Nell’agosto del 1998, dopo aver cantato in un concerto «Don Raffaè», De André osò fare una constatazione: «Se nelle regioni meridionali non ci fossero la ’ndrangheta, la mafia, la camorra, queste espressioni di criminalità organizzata, probabilmente la disoccupazione sarebbe molto più alta». Era una evidente provocazione, ma la vasta schiera dei «professionisti dell’antimafia» si scagliò con rara violenza contro di lui.

«È un’affermazione che indigna chiunque abbia una coscienza civile», fu la frase più gentile. Dunque, Don Raffaè era Cutolo.Avevano dimenticato, quelle guarnigioni a presidio della «sincerità democratica», che il verso più significativo ed eterno della canzone è questo: «Prima pagina, venti notizie/Ventuno ingiustizie e lo Stato che fa/Si costerna, s’indigna, s’impegna/Poi getta la spugna con gran dignità». headtopics.com

20 febbraio 2021, 23:43 - modifica il 20 febbraio 2021 | 23:44 Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Perché abbiamo bisogno di chiamarla provocazione? E il racconto della realtà e di un sentire noto. È la rappresentazione in musica e parole di un 'Cutolo' e del suo mondo dentro e fuori dal carcere.

La mafia di Foggia, nata dal cattivo “seme” di Cutolo - Il Fatto QuotidianoLe mafie non crescono in un istante. Il seme germoglia, le radici affondano, la pianta cresce e se nessuno la recide infesta ovunque può. Nel Tavoliere, nel “granaio d’Italia”, uno dei semi della “Quarta Mafia” lo portò con le sue mani Raffaele Cutolo, sul finire degli anni 70, presenziando da latitante – era da poco … Partendo da TogaNostra marcotravaglio Assumete un giardiniere.

Expo Dubai. La copia 3D del David e le navi come tetto: ecco il padiglione ItaliaIl ministro degli Esteri Luigi Di Maio all'inaugurazione del padiglione Italia all'Expo di Dubai2021, 'il primo grande evento internazionale dopo la pandemia Per questo ci è andato, solo per questo! Il nuovo rinascimento? Lo sguardo meravigliato come se il David lo avesse fatto un artista locale

Expo Dubai approda a Roma: pronta la sfida al post pandemiaCollegare le menti, creare il futuro: sulla scia di qeuisto slogan il padiglione Italia si prepara all’evento di ottobre

Il Dito di Cattelan con lo «smalto» rosa: la provocazione per l’8 marzoIl blitz durante la notte, con vernice indelebile, e la dedica sui social alla rete «Non una di meno» e allo Spazio di Mutuo Soccorso. Il poeta annuncia altri interventi sui monumenti «patriarcali» della città 🍌 For you🍌