Torino%2Cappuntamenti%2Cspettacoli

Torino%2Cappuntamenti%2Cspettacoli

Cristina accende l’albero con un concerto “Prendiamo un po’ di allegria dai cartoni” - La Stampa

La voce delle sigle più amate dai bambini oggi, 16 novembre, alle 17 al Torino Outlet Village

16/11/2019 12.04.00

La voce delle sigle più amate dai bambini oggi, 16 novembre, alle 17 al Torino Outlet Village.

La voce delle sigle più amate dai bambini oggi, 16 novembre, alle 17 al Torino Outlet Village

TORINO. Nei mieiconcerti canto di un mondo colorato, protetto, in cui vince il bello e il buono, e i personaggi vivono con quella leggerezza, semplicità e a volte ingenuità dell’infanzia dalla quale giovani e adulti possono solo imparare. Oggi siamo tutti così complicati, e invece ci sarebbe molto utile prendere in prestito un po’ dell’allegria dei cartoni animati». Cristina D’Avena, che ha inciso oltre 700 sigle di cartoni animati, ha vinto 7 dischi di platino e 3 dischi d’oro, e ha venduto 7 milioni di copie nella sua carriera artistica, oggi pomeriggio, sabato 16 novembre, sarà al Torino Outlet Village di Settimo per un concerto gratuito.

Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano Biden unisce la Nato contro Cina e Russia: “Sono una minaccia”

La cantante alle 17 accenderà le luci del Natale al Village e poi darà inizio allo spettacolo tra le boutique e le strade dello shopping. Si esibirà con le sue sigle più celebri, dai «Puffi» a «Memole dolce Memole», da «Lady Oscar» a «Occhi di Gatto». Non mancheranno le amatissime «Mila e Shiro», «Kiss Me Licia» e «Sailor Moon».

«Il mio pubblico è trasversale – dice Cristina D’Avena – mi seguono le nonne che si ricordano di me dallo Zecchino D’oro, e i bambini che amano i cartoni più recenti, come “Doraemon” e “One Piece, all’Arembaggio”. Fino ai ragazzi che cantano con me in discoteca come è successo ieri sera». Il 31 dicembre esce al cinema «Playmobil The Movie» e lei doppierà Fata Madrina: il suo personaggio dice che bisogna credere nei propri sogni «ed è lo stesso messaggio che cerco di trasmettere ai miei fan. Non si è mai troppo vecchi per smettere di credere nel futuro e in se stessi per raggiungere degli obiettivi – continua D’Avena –. Io l’ho imparato anche dai miei genitori e da mio papà, che era un medico così amato dai pazienti che loro oggi parlano ancora di lui come se fosse vivo». headtopics.com

I suoi cartoni animati raccontano spesso la stessa positività di suo padre, ma parlano anche di amicizia, di coraggio, di libertà e forza. «In questo mondo così frenetico in cui ogni tanto si perdono dei valori, è meraviglioso se si resta piccoli il più tempo possibile – dice la cantante – io ho vissuto molto la mia infanzia, sono stata tanto bambina e un po’ Peter Pan mi sento ancora». Poi prosegue: «Sarebbe bello se tutti noi potessimo dialogare qualche volta con un personaggio dei cartoni». Lei per esempio con Rossana chiacchiererebbe molto volentieri e con Sailor Moon vorrebbe confrontarsi su come poter salvare il mondo. «Se fossi un personaggio delle mie sigle, vorrei essere l’incantevole Creamy – dice –. Mi piace l’idea di poter tornare piccola da grande, e viceversa».

Dalle 18 di stasera Cristina D’Avena sarà disponibile per autografi e selfie con i fan, dopo l’accensione dell’albero di Natale. «Il Natale è una festa magica, anche se da quando non c’è più mio papà la vivo con un po’di nostalgia». Per il futuro? «Mi piacerebbe presentare un programma per bambini».

Leggi di più: La Stampa »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Comunicato Cdr-Rsu “La Stampa” - La StampaLa Stampa domenica non sarà in edicola per lo sciopero proclamato da tutti i poligrafici del Gruppo Gedi, al quale aderisce anche la Rsu del nostro quotidiano. Il piano di riorganizzazione del lavoro prevede un esubero di ben 121 unità dei circa 280 impiegati poligrafici della divisione Gnn. Tra questi, ...

La moda soffre per la crisi geopolitica - La StampaL’andamento della moda segue la geopolitica e in un mondo sempre più globalizzato quando un Paese diventa instabile tutte le economie collegate ne soffrono. Secondo l’indagine congiunturale della Confindustria di settore, presentata all’anteprima del Pitti uomo a Milano, oltre al mercato italiano, quelli più in difficoltà sono Russia, Honk Kong e un campanello d’allarme suona pure in Germania. Nel periodo gennaio-luglio 2019 le vendite oltreconfine sono salite del 4,9% superando i 19,3 miliardi di euro, tuttavia si stima un terzo trimestre in negativo del 2,9%, derivante soprattutto dalla sofferenza delle imprese tessili a -4,7%. Per Claudio Marenzi, presidente di Confindustria moda, «i Paesi verso cui le esportazioni stentano sono quelli che attraversano una fase politico-economica sfavorevole. In particolare, la Germania di solito frena quando tutto sta per peggiorare. La Russia già da qualche anno rallenta per debolezza del rublo, aumento della tassazione e normalizzazione del Paese. E a Honk Kong le proteste politiche portano a una diminuzione dei consumi del 40%. L’instabilità è molto negativa per il commercio». A fronte di questo Stati Uniti, Corea del sud e Giappone si confermano mercati stabili con crescite a doppia cifra. E torna a salire pure la Cina, dopo qualche indecisione lo scorso anno. «Grazie a loro la situazione delle aziende di moda nel complesso è buona, anche se alcune restano indietro ed è fondamentale che la parte della fornitura, tessuti e accessori, si riprenda», continua Marenzi. Da cosa dipende questo problema? «Dal fatto che certi marchi vendono a prescindere dalla produzione italiana, che risente di cuneo fiscale, alta tassazione e infrastrutture scarse. Molti esportano all’estero, ma non producono o non acquistano materie prime in Italia, anche se la bilancia commerciale del settore è positiva per 27 miliardi, circa il 50% del totale italiano. Non va dimenticato che negli ultimi vent’anni la moda ha perso 400mila posti di lavoro e ne re

Tennis Atp, i giovani emergenti crescono ma la “vecchia” guardia lotta con onore - La StampaFederer a 38 anni e tre mesi oggi si gioca la sua sedicesima semifinale alle Atp Finals, il vecchio Masters contro il ventunenne Stefanos Tsitsipas

Comunicato del Cdr: grande preoccupazione per la ristrutturazione del lavoro poligrafico delle testate Gnn - La StampaIl gruppo Gedi ha presentato un piano di ristrutturazione del lavoro poligrafico che riguarda la divisione Gnn (La Stampa, Secolo XIX e altre 13 testate locali). I giornalisti de La Stampa esprimono grande preoccupazione per lo scenario prospettato dall’azienda, che prevede 121 esuberi. Il piano - che giunge in un clima già di forte incertezza sul futuro asset societario di Gedi e in presenza di ulteriori richieste di contenimento dei costi senza iniziative di rilancio - coinvolge inevitabilmente e con conseguenze negative anche il lavoro giornalistico. A rischio, nell’immediato futuro, la qualità dei prodotti editoriali e dell’informazione. In particolare La Stampa – che a Torino ha già perso i correttori e subito tagli all’archivio e al centralino - avrà altri 12 esuberi strutturali, scelta che colpirà tutte le redazioni distaccate, le quali perderanno il supporto dei poligrafici, e per quanto riguarda Roma azzererà anche la segreteria, di fatto intaccando l’operatività di tutte le sedi.

Euro 2020: Ronaldo cala il tris col Portogallo, i Lusitani battono 6-0 la Lituania - La StampaLargo successo della formazione di Fernando Santos: in rete anche Pizzi, Paciencia e Bernardo Silva. Vittorie anche per Inghilterra, Francia e Repubblica Ceca già alla fase finale

Regge la tregua a Gaza, Netanyahu: “Vittoria” - La StampaDecisiva la mediazione dell’Egitto e dell’Onu. La Jihad rivendica: «Israele ha promesso la fine degli omicidi di mirati»