Covıd 19

Covıd 19

Covid, nel Regno Unito più di 20 milioni di persone hanno ricevuto la prima dose di vaccino

Più di 20 milioni di persone nel Regno Unito hanno ricevuto la loro prima dose di vaccino contro il #COVID19

28/02/2021 17.47.00

Più di 20 milioni di persone nel Regno Unito hanno ricevuto la loro prima dose di vaccino contro il COVID19

Il programma di vaccinazione del Regno Unito, ampiamente considerato un successo, consente al Paese di essere secondo solo a Israele per vaccinazioni pro capite

Un terzo dell'intera popolazione nazionale, a cui vanno aggiunti circa 800.000 richiami."Bingo", esulta a caratteri cubitali -via twitter- Nadhim Zahawi, ministro coordinatore della campagna vaccinale..Il segretario alla Salute Matt Hancock ha affermato che la vaccinazione di oltre 20 milioni di persone contro il coronavirus in tutto il Regno Unito è un"risultato magnifico per il paese".

Coronavirus in Italia e nel mondo: le news di oggi 13 aprile. LIVE Salvini, da ministro sarei andato in piazza con miei agenti - Politica Spallanzani, test con altri vaccini dopo dose AstraZeneca - Salute & Benessere

In un video sul suo account Twitter, Hancock ha detto:"Sono assolutamente felice che oltre 20 milioni di persone siano state vaccinate in tutto il Regno Unito è assolutamente fantastico. Voglio ringraziare ogni singola persona che si è fatta avanti per ottenere la dose perché sappiamo con crescente fiducia che il vaccino ci protegge, protegge la nostra comunità ed è anche la via d'uscita da questo per tutti noi".

I’m delighted more than 20 million people across the UK have now been vaccinated.A magnificent achievement for the country.The vaccine is our route out. When you get the call, get the jab! pic.twitter.com/HCwxpqn7RN Leggi di più: Rainews »

M5s, Crimi: 'Frasi di Casaleggio misere e diffamatorie'

Leggi su Sky TG24 l'articolo M5s, Crimi: 'Frasi di Casaleggio misere e diffamatorie'

Mi domando come mai nelle VOSTRE INTERVISTE non ce né MAI 1 contrario al VACCINO. Tutta l'italia è disposta a PUNTURARSI? Gli anglosassoni, con il loro pragmatismo, si rivelano ancora una volta superiori ai continentali, castrati da una mentalità eccessivamente burocratica e gerarchica.