Covid. Le ultime pubblicazioni scientifiche sulle terapie in sperimentazione

Monoclonali, cellule staminali e plasmaterapia. A che punto sono le possibili cure contro Covid

23/01/2021 11.22.00

Covid, non solo il vaccino. Monoclonali staminali e plasmaterapia: gli studi e sperimentazioni per la strategia farmacologica

Monoclonali, cellule staminali e plasmaterapia. A che punto sono le possibili cure contro Covid

desametasonee l’eparina– altre possibilità: anticorpi monoclonali, cellule staminali (mesenchimali e non solo), è plasmaterapia. Le ultime pubblicazioni scientifiche, di gennaio, stanno definendo e ampliando il ruolo di queste strategie complementari. Ancor più importanti in questo momento in cui una parte delle dosi del vaccino della Pfizer sono in bilico, mentre AstraZeneca e Johnson&Johnson ancora non sono stati autorizzati da Ema.

Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Coronavirus, Israele verso il ritorno all’obbligo di mascherine al chiuso dopo l’aumento dei contagi

Anticorpi monoclonali –L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha una procedura aperta sui due monoclonali americani (RegeneronedEli Lilly), ma per ora nessuna autorizzazione è in vista, per lo meno a breve. Mentre, la Germania sta già usando il secondo monoclonale che lo ha approvato appellandosi alla deroga prevista per i singoli Stati (direttiva 83/2001) che consente l’approvazione di un farmaco a livello nazionale. Va detto che i risultati di uno studio, pubblicato sul

New England Journal of Medicinee relativo a un trial clinico denominato (Blaze-1), hanno dimostrato che l’uso dell’anticorpo monoclonale Bamlanivimab della Eli Lillyha ridotto del 72% il rischio di ricoveri ospedalieri. Mentre, un altro trial (Active-3) su pazienti in fase avanzata, con sintomi severi, non ha registrato effetti clinici benefici rispetto al gruppo che ha assunto il placebo. È fondamentale quindi la precocità, questo è un farmaco tempo-correlato. Prima si usa, maggiore è l’efficacia. La somministrazione intravenosa può avvenire solo in ospedale (dove ci si reca di solito in stato avanzato, dopo 7-10 giorni di febbre), e richiede diverso tempo per l’infusione. Il Fatto Quotidiano si è già occupato del monoclonale della Eli Lilly headtopics.com

Leggi AncheAnche l’Italia si sta dotando del suo “monoclonale”. ASiena, è approdato alla fase clinica il monoclonale del gruppo Toscana Life Sciences (MAD) LaB ”La possibilità di avere a disposizione un’arma terapeutica estremamente potente contro Sars Cov 2 potrebbe avere un

impatto enorme sulle nostre vite– spiega Emanuele Andreano, ricercatore Monoclonal Antibody Discovery del gruppo senese – entro metà anno il nostro monoclonale, potrebbe arrivare negli ospedali”. Nei prossimi giorni, “tra fine mese e metà febbraio

dovremmo iniziare la fase 1 di sperimentazione clinicache verificherà la sicurezza della terapia. Per la fase 1 saranno arruolati 20 soggetti sani – continua Andreano – la fase 2, che verificherà l’efficacia della terapia, coinvolgerà invece un numero più ampio di persone che hanno contratto il virus, nell’ordine di qualche centinaio”.

Cellule staminali mesenchimali –Allo stato attuale, la sperimentazione scientifica (randomizzata, controllata, in doppio cieco) che ha riportato il più significativo risultato di efficacia contro Covid è quello che riguarda le cellule staminali mesenchimali. Il 91% di pazienti trattati con queste headtopics.com

Logistica Verratti: 'Pensiamo in grande. Austria? Sarà dura' Nel Bresciano un agricoltore uccise due gatti, confermata la condanna a un anno e otto mesi

stem cellssono sopravvissuti, contro il gruppo controllo dove il 60% dei pazienti è deceduto. Il trial è stato realizzato dalla University of Miami Miller School of Medicine, in Florida, nonostante il numero degli arruolati sia contenuto, il risultato è estremamente significativo.

. La sperimentazione, è stata recentemente approvata – dal comitato etico dello Spallanzani – lo studio, su cellule staminali, sarà condotto dal team diMassimo Dominici, docente di Oncologia dell’Università di Modena e Reggio Emilia, “Speriamo di partire fra un mese con 60 pazienti, se lo studio risulterà sicuro potremo usare le cellule più efficaci con più pazienti in uno studio di fase IIB” .Questa tecnica è molto semplice e poco costosa perché

da un singolo cordone ombelicale(con bioreattori tridimensionali) si possono produrre dosi sufficienti a trattare più di diecimila pazienti. Questo per lo meno è l’intento del progetto americano no-profit dell’Università di Miami. Poi, ci sono anche dei centri privati in cui sta sperimentando e questi potrebbero commercializzare a costi alti, anche 15 mila euro a dose. Al mondo, in questo momento ci sono 70 studi contemporanei su cellule staminali.

Leggi AnchePlasmaterapia contro il Covid, la ricercatrice che studia l’efficacia del metodo: “Non sarebbe una terapia valida in tutte le fasi della malattia”Plasmaterapia –I risultati della sperimentazione su Plasma dei pazienti convalescenti pubblicato il 6 gennaio 2021 sul New England journal of Medicine “dimostrano in maniera significativa che il plasma iperimmune headtopics.com

è estremamente efficace nel ridurre il rischio di aggravamento dell’infezione da Covid– sostiene Alessandro Santin, della Yale University School of Medicine – Mi spiego meglio: questo studio con il plasma dei donatori convalescenti dimostra chiaramente che se le sacche di plasma infuse nei malati hanno un

titolo “anticorpale alto”(il principio attivo di questa terapia sono gli anticorpi contro il Covid prodotti dal soggetto che dona il suo plasma) e i malati sono trattati “precocemente” (in questo studio entro tre giorni dall’inizio dei sintomi come febbre, tosse, difficoltà respiratorie, etc) e quindi prima che i danni nei polmoni e negli altri organi infettati dal virus diventino potenzialmente irreversibili,

L’esercito dei nuovi pettegoli digitali Vittorio Sgarbi indagato, voleva vendere senza licenza tela del '600 Giuliani sospeso dall’esercizio professione legale a New York

il plasma iperimmune è altamente efficace”. Quindi il “plasma” deve contenere abbastanza anticorpi “neutralizzanti”, e non tutte le sacche sono uguali, come non tutti i donatori. Va fatta una cernita iniziale per selezionare il plasma più efficace (quello con più anticorpi specifici contro Covid). È proprio questo il centro della questione, un studio randomizzato argentino sul plasma

aveva registrato risultati ininfluenti/negativi,per due motivi: il livello di anticorpi neutralizzanti, e il secondo altrettanto importante riguarda la tempistica, se il plasma è utilizzato “nella fase avanzata della malattia, quando i danni al nostro corpo sono ora principalmente causati dall’attivazione esagerata del sistema immunitario del paziente (fase iperinfiammatoria della malattia Covid definita “tempesta di citochine”), il plasma ovviamente non può aiutare più di tanto”. In fase avanzata della malattia l’utilizzo di farmaci antinfiammatori come i cortisonici risultano infatti essere più efficaci.

Leggi AncheLong Covid, lo studio: “Quasi un paziente su tre viene di nuovo ricoverato entro 5 mesi e uno su 8 muore per complicazioni”Per concludere, “l’efficacia del plasma è stata dimostrata nello studio sul plasma iperimmune (pubblicata il 13 gennaio) completato in America su 3.082 pazienti in cui il mio istituto (Yale University, ndr) ha attivamente partecipato e i cui dati sono stati pubblicati sul New England. Attualmente, “la Yale University in collaborazione con numerose altre università americane

sta arruolando pazienti Covid in un grande studio prospettico e randomizzato Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Invece di consumare tempo e denaro per questi vaccini che nessuno sa che effetto avranno nei prossimi 20anni e che di fatto infettamo pure quelli sani. Secondo me sarebbero dovute essere le uniche straniere per combattere questo virus. China is murderer ChinaVirus