Quarantena, Confusione Mentale, Valentina Di Mattei

Quarantena, Confusione Mentale

Così la quarantena sta modificando la nostra mente

Quarantena, ecco quali segni lascerà nella nostra mente

02/04/2020 09.09.00

Quarantena , ecco quali segni lascerà nella nostra mente

«Ansia, confusione mentale e irritabilità potrebbero aumentare» dice Valentina Di Mattei , psicologa clinica dell’ospedale San Raffaele di Milano, che ci aiuta a capire quali sono i comportamenti da adottare fin da ora per cercare di mitigarne gli effetti

Quando si manifestano i sintomi?«Gli effetti sulla salute mentale possono presentarsi anche mesi dopo la conclusione della quarantena. Poi con il tempo sono destinati a diminuire, ma l’ansia e i comportamenti di evitamento ce li porteremo dentro per un po’ di tempo anche dopo la fine dell’isolamento. Per mesi ci “scatterà l’allarme” quando capiterà di trovarsi di fronte a persone che tossiscono o in luoghi molto affollati».

Renzi propone il condono sui soldi in nero: 'Voluntary disclosure sul contante. Chi lo tira fuori paga tassa del 15% e non viene perseguito' - Il Fatto Quotidiano Lampedusa, la Porta d’Europa per i migranti “impacchettata” dai vandali. Il sindaco: «Meschini» Roma, ordine di sgombero per il quartier generale di Casapound. La viceministra Castelli: “Si ristabilisce la legalità”

Quali strumenti abbiamo per controllare gli effetti?«Possiamo cercare di rendere meno “isolata” la quarantena e ridurre la distanza affettiva che ci fa soffrire usando i mezzi disponibili, dalle videochiamate alle telefonate più frequenti. Per combattere la noia bisogna darsi delle regole e ricostruire una nuova quotidianità, con orari fissi per il lavoro per chi è in collegamento da casa, ma anche per i pasti e per i momenti di svago davanti alla tv. Infine può far star meglio anche ricordare l’aspetto altruistico, per il bene comune, di queste misure restrittive della propria libertà. Se si interviene su questi punti si avranno dei benefici nel mitigare gli effetti negativi dopo».

Vale anche per i bambini?«Nei piccoli la mancanza di movimento potrebbe avere ripercussioni sul ritmo sonno/veglia. Anche per loro è importante strutturare la giornata, con lo spazio definito per i compiti e i giochi. Attenzione anche al cibo, è facile scivolare in abitudini difficili poi da modificare».

Tutto ciò favorisce le dipendenze?«Stiamo osservando che in molte persone che sono riuscite a smettere di fumare in questi giorni si è riaffacciata prepotente la tentazione di riprendere la sigaretta. La stessa cosa succede con l’alcol e gli psicofarmaci. L’oggetto della dipendenza ha un ruolo tranquillizzante e consolatorio, e chi è più “a rischio” in questa fase è più esposto».

A chi può fare più male?«Tra le persone più esposte ci sono tutti gli operatori sanitari impegnati contro il Covid-19, che vivono un doppio stress, nel loro ambiente familiare e sociale e sul posto di lavoro. È una prova particolarmente dura anche per chi è già fragile psicologicamente, come le persone che soffrono di depressione o altri disturbi mentali, e naturalmente per gli anziani se non possono contare su un sufficiente supporto familiare e sociale».

Aiutano le App e le iniziative di condivisione in rete?«Sono positive perché rinforzano la socialità e danno una risposta a un bisogno con i mezzi che ora sono possibili, non si può andare a correre ma si può mantenere il fisico in attività con i tutorial».

Le informazioni a ritmo continuo aumentano l’ansia?«Non aiuta la sovraesposizione che può generare uno stato psichico continuo di allarme. Tuttavia, essere ben informati è rassicurante, purché le notizie non siano contraddittorie o parziali. Per questo non aiuta veder prorogate le misure di settimana in settimana, sarebbe molto più facile se ci fosse una data precisa per la fine della quarantena, ma sappiamo che non sempre è possibile prevederla».

A Milano sospesa l’ordinanza sulla movida: via libera agli alcolici da asporto Conte: avanti con reti ad alta velocità. Valuterò anche il Ponte sullo Stretto Terremoto in Volkswagen, Oliver Blume (Porsche) verso la nomina a numero uno del marchio Volkswagen

2 aprile 2020 (modifica il 2 aprile 2020 | 08:14) Leggi di più: Corriere della Sera »

Così le aziende cambiano il logo in tempo di coronavirus - VanityFair.itDa Audi a Coca Cola, una serie di campagne social, per ricordare l’importanza di mantenere le distanze

Così l’università va avanti, tra lauree a distanza e video-lezioniAnche nell’isolamento, il sistema universitario italiano non si è fermato. Tra e-learning, didattica a distanza e lezioni videoregistrate

Coronavirus, Pupi Avati: Vivo tra mio figlio malato (e guarito) dal virus e mia moglie che non posso baciareIl regista racconta come sta trascorrendo la quarantena, tra la preoccupazione per i famigliari, le idee per il futuro e un clarinetto ripreso in mano dopo tanti anni

Affrontare la solitudine durante la quarantena si può!Come riuscire ad affronatre la solitudine durante la quarantena per Coronavirus: tutti i consigli dell'esperta

Coronavirus, Renzo Piano: «Mia moglie Milly si è inventata la figura del buttadentro: non mi fa uscire»L’architetto: mia moglie si è inventata la figura del buttadentro e mi vieta di uscire, faccio teleconferenze con il Giappone e l’America. «Soffro al pensiero che tutto quello che ho costruito è vuoto»

Il turismo dopo la quarantena: istruzioni per farsi trovare prontiChi si ferma, anche online, ha già perso. La chiusura forzata deve essere, per chi opera nell'industria del turismo, trasformata anche in un’opportunità per potenziare le proprie strategie di comunicazione e promozione e mantenere vivo il contatto con il cliente fedele Perché date le istruzioni a noi? E poi di che Turismo parlate? Il settore turistico soffrirà per almeno un decennio la crisi più nera di sempre. Siete voi gli esperti, queste cosa dovreste saperla. L'ottimismo sparso senza un fondamento logico fa più danno di un sano pessimismo. Certo che di cazzate i giornalisti ne scrivono tante.. Ma quale turismo ma quali vacanze.. Senza un vaccino e con il Governo attuale non finirà fino al 2021 Perché date le istruzioni a noi? E poi di che Turismo parlate? Il settore turistico soffrirà per almeno un decennio la crisi più nera di sempre. Siete voi gli esperti, questa cosa dovreste intuirla. L'ottimismo sparso senza un fondamento logico fa più danno di un sano pessimismo.