Coronavirus, Economia, İtalia, Politica

Coronavirus, Economia

Coronavirus, tasse azzerate in undici Comuni e Gualtieri chiede flessibilità all’Ue - La Stampa

Coronavirus, tasse azzerate in undici Comuni e Gualtieri chiede flessibilità all’Ue

25/02/2020 09.08.00

Coronavirus , tasse azzerate in undici Comuni e Gualtieri chiede flessibilità all’Ue

Il governo al lavoro su un secondo decreto di aiuti. Le piccole aziende: ampliate la cassa integrazione

25 Febbraio 2020ROMA. Il primo passo è stato il più semplice: la sospensione del pagamento di imposte, cartelle esattoriali e rate dei mutui in tutte le zone interessate dall’epidemia. Il decreto ministeriale firmato ieri dal ministro Roberto Gualtieri riguarda undici Comuni: dieci sono lombardi, l’undicesimo è Vò euganeo, in Veneto. Il difficile viene ora. In molti iniziano a prevedere per l’Italia una vera recessione. «Nei prossimi giorni predisporremo altre misure, a seconda di come evolverà la situazione», dice il ministro del Tesoro. «È prematuro quantificare gli effetti del Coronavirus. Al vertice G20 di Riad abbiamo chiesto misure coordinate a livello europeo e internazionale per sostenere l'economia». I l messaggio è fra le righe: Gualtieri attende un segnale da Bruxelles per far salire il deficit concordato per quest’anno.

Zan: «Sono incredulo, è un’ingerenza senza precedenti» I due ragazzi contro i genitori No Vax: «Vaccinateci, vogliamo essere liberi» Mascherine, Speranza ha firmato l'ordinanza per lo stop all'uso all'aperto dal 28 giugno

A Palazzo Chigi e al Ministero dello Sviluppo hanno una lunga lista della spesa pronta. Accesso facilitato al fondo di garanzia delle piccole e medie imprese, sospensione dei pagamenti dei contratti dell’energia elettrica, del gas, indennizzi per le aziende che avranno subito danni da eventuali stop alla produzione. Finora Gualtieri aveva preso tempo, e i fatti gli hanno dato ragione: l’esplosione dell’epidemia, concentrata in Lombardia e Veneto, costringe ad aiuti ad hoc. Più che un provvedimento di ampio respiro ora si impone un decreto di mera emergenza. La battaglia nel governo sarà su questo, ovvero se sfruttare l’occasione per fare altro.

Dei dettagli si discute da giorni fra i tecnici dei ministeri. Gli aiuti riguarderanno essenzialmente le imprese. Per discuterne Patuanelli ha convocato per oggi i rappresentanti di Confindustria, Rete imprese, Alleanza Cooperative Italiane e Confapi. Le associazioni chiederanno ad esempio un allargamento delle maglie della cassa integrazione, oggi garantita solo a chi impiega più di quindici persone. headtopics.com

L’emergenza è per le decine di imprese costrette allo stop o comunque a limitare gli accessi ai dipendenti nei propri uffici. Le più grandi, banche, assicurazioni, società di servizi, possono fare uso del cosiddetto smart working. Ieri dalle parti di CityLife, il quartiere simbolo della nuova Milano, i grattacieli delle grandi imprese erano semivuoti: Generali, Allianz, Axa Unicredit, Price Waterhouse. La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha firmato un secondo decreto per permettere a chi ha l’ufficio in aree a rischio il lavoro da casa anche senza accordo individuale del lavoratore. Di qui e fino al termine dell’emergenza basterà un’autocertificazione. Per chi lavora nella manifattura o nel commercio è tutta un’altra storia. Per loro restare a casa significa restare senza stipendio. Spiega Maurizio del Conte dell’università Bocconi: «L’emergenza coronavirus è fra le cosiddette cause di forza maggiore, quindi le aziende possono rifiutarsi di pagare le giornate di lavoro perse». Chi ne ha i requisiti, e non ha esaurito il monte ore, può attingere alla cassa integrazione. Ma che faranno artigiani e i dettaglianti? Per loro occorre introdurre deroghe. Quanto ampie? Potran

no farne uso solo le aziende direttamente colpite o concedere la cassa anche a chi sta subendo danni indiretti? Dal Tesoro si premurano di sottolineare che «si farà il possibile». Il rischio di trovarsi con la questua dietro la porta di via XX settembre è alta.

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Coronavirus, attivo numero verde nei comuni della 'zona rossa' | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus , attivo numero verde nei comuni della 'zona rossa' | Sky TG24

Milan Fashion Week 5° giorno, Corona Virus: gli allarmi alle sfilate. Dario Argento da Msgm: “Non finirà qui”.“L’infoxication” di Annakiki - La Stampa“Temo che non finirà qui”, si rammarica Dario Argento, facendo riferimento al Corona virus. Il re dell’horror è seduto in prima fila alla sfilata di Msgm by Massimo Giorgetti nel 5° giorno della Milan Fashion Week. Sin dalla prima mattina l’argomento principale è l’arrivo della pandemia in Italia soprattutto in ... Mammamia che gufaccio pussa via uccellaccio del malaugurio tu e tua figlia siete degli esempi, di come non dovrebbe essere una persona...

Coronavirus, attivo numero verde nei comuni della 'zona rossa' | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus , attivo numero verde nei comuni della 'zona rossa' | Sky TG24

Coronavirus, Enrico:«Lavoro da casa con i bambini, per ora nessuna paura» - VanityFair.itLa vita nei comuni isolati per Coronavirus , poca paura e qualche disagio soprattutto per chi deve muoversi. Il lavoro è da casa

Fino a sabato 29 febbraio sospese a Torino tutte le messe e i funerali in chiesa - La StampaLe misure precauzionali contro la diffusione del Coronavirus : rinviata anche la celebrazione del mercoledì delle Ceneri. Che sfiga!! niente messe? niente schei!

Coronavirus, la vita nella zona rossa | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus , la vita nella zona rossa | Sky TG24