Coronavirus, quello scorrere lento del tempo fatto di paura e solitudine

Coronavirus, quello scorrere lento del tempo fatto di paura e solitudine

23/06/2020 08.07.00

Coronavirus, quello scorrere lento del tempo fatto di paura e solitudine

La solitudine al tempo del Covid-19 può essere raccontata da una fotografia? Direi di sì, a giudicare dalle immagini scattate dai fotogiornalisti di Parallelozero per CoviDiaries. Che cosa deve essere stato trascorrere tre mesi chiusi all’interno della baraccopoli di Castel Romano, dovendo vivere nello spazio angusto di un modulo abitativo? ...

Giuseppe CulicchiaPubblicato il23 Giugno 2020La solitudine al tempo del Covid-19 può essere raccontata da una fotografia? Direi di sì, a giudicare dalle immagini scattate dai fotogiornalisti di Parallelozero per CoviDiaries. Che cosa deve essere stato trascorrere tre mesi chiusi all’interno della baraccopoli di Castel Romano, dovendo vivere nello spazio angusto di un modulo abitativo? Deve saperlo con precisione solo il ragazzo di origini bosniache che noi vediamo di schiena, sfocato, con indosso solo i pantaloni del pigiama o di una tuta attraverso il vetro che lo separa dal resto del mondo. Eppure quest’immagine di un giovane senza volto che dà le spalle alla vita di fuori riesce a evocare lo scorrere lento del tempo, dei secondi e dei minuti e delle ore che rimbombano in quella testa di cui possiamo a malapena intuire i contorni.

L'Uomo di luglio: Romelu Lukaku in copertina Gb: basta pubblicità di cibo spazzatura in tv prima delle 21 - Mondo Logistica

Il paziente steso sul letto nella sala d’attesa del pronto soccorso dell’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, convertito in reparto Covid nei giorni più drammatici della pandemia, appare debolmente aggrappato alle sbarre, alla bombola d’ossigeno e alla vita. Abita un corpo rimasto isolato dagli affetti, impossibilitato a ricevere una carezza, una parola di conforto da parte dei suoi cari, che non sa se rivedrà. L’infermiere dell’ospedale di Polla, in provincia di Salerno, aspetta di poter salutare da lontano la moglie durante una pausa dai suoi turni di lavoro, e intanto accarezza il suo cane: nel suo viso leggiamo la stanchezza, e l’essere stato testimone di molta sofferenza vissuta in solitudine dai pazienti che hanno ricevuto le sue cure. E che dire delle mani che si sfiorano solo virtualmente, proiettate sul muro a grandezza naturale durante una videochiamata fatta dal divano di casa?

Quel tendersi verso l’altro che deve fare i conti con l’assenza fisica dell’altro, mentre la cosa che si desidera di più sarebbe potersi toccare davvero, abbracciare, sentendo il profumo della pelle, il respiro di chi ci è caro e di cui sentiamo in modo tanto lacerante la mancanza. Sola è anche la baia di Positano, fotografata dall’alto come se non solo le barche ma anche gli umani fossero spariti per sempre, come evaporati, quasi che non avessero mai abitato questo pianeta, un attimo fuggente perduto tra i milioni di anni di vita della galassia. E poi ancora lo sguardo perduto nel vuoto, nella nostalgia e nella noia di un bambino sdraiato a terra tra i suoi giochi nella cameretta di una casa in provincia di Latina, un orologio al polso troppo grande per lui, come troppo grande deve sembrargli la solitudine a un’età in cui sono così importanti i compagni di classe, gli amici con cui fino a ieri si correva e si giocava a pallone. headtopics.com

Un altro bambino o un’altra bambina sta per vedere la luce in questo nuovo mondo in cui perfino la madre che sta per partorire deve farlo recandosi  in sala parto da sola all’ospedale Buzzi di Milano: e quanto deve pesarle l’acciaio lucido di quell’ascensore, quanto deve sentirsi abbandonata sotto quelle luci al neon, senza la possibilità di condividere con chi ama quel momento tanto atteso. Altre luci avvolgono la figura del comandante dei vigili urbani di Giffoni Valle Piana in provincia di Salerno, messosi in auto-isolamento fin dall’inizio dell’emergenza: e la piega amara della bocca che non riesce a sorridere evoca la consapevolezza di chi sa di stare vivendo un momento a dir poco beffardo, mentre gli occhi non riescono a vedere oltre le pareti di una casa diventata prigione. E a una prigione fa pensare l’asettica sala d’attesa dell’aeroporto di Linate, che si stringe vuota intorno al corpo dell’unico passeggero assorto nei pixel del suo computer: chissà a chi starà pensando, mentre fissa quello schermo, unico strumento rimasto per tenere i contatti col resto del mondo.

Solo Giorgia e Marco, rispettivamente copywriter di moda e web designer, danno l’impressione di avere avuto la fortuna di vivere diversamente il tempo sospeso del «lockdown»: grazie a cui sembrano condividere non solo lo spazio del letto. Perché in pochi casi davvero molto fortunati l’isolamento non ha significato soltanto solitudine.

-------------------------CoviDiaries. I giorni del coronavirus Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Vaccino anti coronavirus e blockchain: la nuova sostenibilità di BulgariBlockchain e antivirus: la moda sostenibile post Covid secondo Bulgari va dalla ricerca per il vaccino anti coronavirus alla tracciabilità della filera

Ecommerce: la crescita inesorabile, dopo l’effetto coronavirusGli acquisti online hanno sfondato la diffidenza italiana, complice la comodità di ricevere tutto ciò che si vuole direttamente a casa, i pagamenti sempre più sicuri e la pandemia che abbiamo vissuto

Una pre-registrazione (gratis) e la psicosi Covid: così i ragazzini di TikTok hanno beffato TrumpNiente di illegale, nessun particolare sotterfugio informatico. Gli utenti hanno prenotato in massa i biglietti virtuale per l’evento, gonfiando il numero potenziale di partecipanti. Ma ad aver influito, soprattutto la paura del coronavirus Chissà come faranno per le elezioni però 😌 Difficile capire la causa di questa vostra fake new: ignoranza, o pigrizia? Ma basta con queste fake!

Coronavirus, la rabbia di Boccia: gli assembramenti sono uno schiaffo a chi non c’è piùIl ministro alla giornata del ringraziamento per medici e infermieri della task-force. Conte: abbiamo preso decisioni inimmaginabili Potrebbe essere un problema per chi c'è ancora direi, quelli che non ci sono più mica possono ammalarsi di nuovo E allora fate le regole di conseguenza con relative sanzioni. Solo un idiota può fare affidamento sul 'buon senso' del cittadino (italiano poi...) Seguono il cattivo esempio di Mr🍒🍒e Miss✋

Voli cancellati con la scusa del Covid, l’Enac: «Pronte le sanzioni per le compagnie»L’Ente nazionale per l’aviazione civile: «Per le cancellazioni dopo il 3 giugno non si può usare come causa la pandemia». Le compagnie devono rimborsare, non dare i voucher Sanzioni che le compagnie (ad eccezione di Alitalia che paga le sanzioni con i soldi derivanti dalle sanzioni) pagheranno coi soldi che avrebbero dovuto rimborsare ai clienti Sto ancora aspettando dalla Ryanair il rimborso di un volo A/R Cancellato il 17 aprile, per pandemia.

Coronavirus, slitta la cerimonia Golden Globes 2021Leggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus, slitta la cerimonia Golden Globes 2021